Evasione fiscale, Sicilia al quarto posto tra le regioni italiane. «Pesano ancora criminalità e lavoro nero»

La Sicilia è la quarta regione italiana per evasione fiscale. Questo l’impietoso dato che emerge dal rapporto del centro studi e ricerche Itinerari previdenziali, che ha dedicato un apposito studio alla regionalizzazione del bilancio previdenziale italiano. Solo Calabria, Campania e Puglia riescono a fare peggio in una classifica dominata dalle regioni del Sud. Un dato quindi che dovrebbe fare riflettere, estrinsecato nella sua complessità, su un Meridione che ancora arranca e fatica a tenere il passo del Nord-Italia, visto che l’evasione fiscale resta un forte campanello d’allarme riguardo alle condizioni di un territorio, sotto molteplici aspetti.

Secondo le stime, nel solo 2020, in Sicilia sarebbero stati evasi 6.586 milioni di euro, provenienti per larga parte da dichiarazioni dei redditi sgonfiate, il 6,6 per cento del totale dei dichiaranti e dal lavoro in nero, che resta sempre una prassi più che abusata, visto che riguarderebbe il 6,6 per cento dei lavoratori. Eppure le imposte evase dalla Lombardia risultano essere paradossalmente più del doppio di quelle siciliane, con la regione del Nord che evade nel 2020 ben 14.665 milioni di euro, quasi una mini manovra economica del governo. Eppure, tolti i dati che riguardano le province autonome, è la regione che evade di meno, leggendo con attenzione i numeri.

In Lombardia, infatti, il lavoro sommerso si aggira attorno al tre per cento del totale, mentre le sotto dichiarazioni raggiungono il quattro per cento. Il resto lo fa la qualità degli stipendi, che in Lombardia sono ben più alti di quelli siciliani e di conseguenza, maggiori sono i ricavi, maggiori sono le cifre da pagare allo Stato. In soldoni, gli evasori lombardi sono molti di meno di quelli siciliani, che tuttavia evadono cifre meno consistenti. E questo è confermato dalla stima del gettito tributario e contributivo evaso nel 2020: in Lombardia ogni cento euro di gettito incassato, si perdono 9,5 euro per via dell’evasione. In Sicilia, sempre su cento euro, ne vanno in fumo 19.

«La correlazione è, quindi, più che dimostrata e la carenza di contribuzioni e versamenti fiscali non è dovuta solo a povertà o ritardato sviluppo – si legge nel rapporto – ma a una diffusa pratica di lavoro sommerso e attività illegali che coinvolgono una parte importante della popolazione e dell’economia». Insomma, se nel quadro che ne tracciano i numeri l’Italia appare come un Paese per lo più immobile, lo sviluppo della Sicilia e di tutto il Sud, subisce un vero e proprio blocco dello sviluppo da parte di criminalità e cattive gestioni. «Mancano infrastrutture, poli produttivi e pure per il turismo ci sono pochissime strutture alberghiere con almeno cento camere indispensabili per meeting, congressi ed eventi il che fa perdere importanti flussi turistici a favore di Malta, Grecia, Spagna, Portogallo, Francia, Croazia e Slovenia – prosegue lo studio – Tuttavia, poiché Istat individua nel Sud la gran parte delle famiglie povere e altissimi tassi di disoccupazione, è utile verificare se i consumi complessivi della popolazione di queste regioni confermano questa ipotesi

Un dato, quello relativo al Pil che, se nel resto d’Italia ha dato pur lievi segni di ripresa o quanto meno è rimasto sui suoi livelli, al Sud negli ultimi sei anni è addirittura sceso. «Poiché gli standard di vita e di consumi al Sud non sono da terzo mondo (basta andarci per vedere la situazione) – conclude il rapporto – è ovvio che per consumare più di quanto si produce i soldi da qualche parte devono arrivare e certamente vengono dall’elevato sommerso negli acquisti, nelle produzioni agricole e industriali e nel turismo; di questo dovrebbe tener conto l’Istat quando calcola i livelli di povertà assoluta e relativa». Insomma poveri sì, ma meno di quanto non possa sembrare. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

La Sicilia è la quarta regione italiana per evasione fiscale. Questo l’impietoso dato che emerge dal rapporto del centro studi e ricerche Itinerari previdenziali, che ha dedicato un apposito studio alla regionalizzazione del bilancio previdenziale italiano. Solo Calabria, Campania e Puglia riescono a fare peggio in una classifica dominata dalle regioni del Sud. Un dato […]

La Sicilia è la quarta regione italiana per evasione fiscale. Questo l’impietoso dato che emerge dal rapporto del centro studi e ricerche Itinerari previdenziali, che ha dedicato un apposito studio alla regionalizzazione del bilancio previdenziale italiano. Solo Calabria, Campania e Puglia riescono a fare peggio in una classifica dominata dalle regioni del Sud. Un dato […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]