Evade dai domiciliari il giovane Massimiliano Arena Figlio del boss Giovanni, era nella villa a Vaccarizzo

Per due mesi di lui si erano perse le tracce. Massimiliano Arena, 36 anni, era evaso il 18 agosto dalla comunità di Martina Franca (in provincia di Taranto) nella quale doveva scontare gli arresti domiciliari. Gli agenti della Catturandi di Catania lo hanno beccato a Catania, in una villa sul mare a Vaccarizzo. Non avrebbe opposto alcuna resistenza all’arresto, ieri sera. La latitanza di uno dei rampolli della famiglia Arena di Librino si è conclusa così e adesso Massimiliano Arena, detto Massimo, si trova nel carcere di Bicocca.

Suo padre, Giovanni Arena, ha fatto la storia della mafia a Catania. È stato arrestato nell’ottobre 2011 dopo 18 anni di latitanza. A quei tempi era uno dei trenta più pericolosi d’Italia. Gli agenti della squadra mobile lo hanno trovato nascosto dietro a un letto a ponte, in un appartamento al secondo piano del civico 5 di viale Moncada. «Questa volta siete stati bravi. Da vent’anni sono in questa casa», si dice abbia risposto ai poliziotti che gli mettevano le manette ai polsi. Suo figlio ha seguito la sua strada.

Condannato per associazione mafiosa con il clan Santapaola-Ercolano, è accusato anche di armi e traffico di sostanze stupefacenti. Appannaggio della sua famiglia è da sempre la piazza di spaccio di viale San Teodoro, a Librino. Se prima era il Palazzo di cemento la roccaforte degli Arena, poi il controllo si è spostato sulle palazzine di fronte, le due torri. Il complesso di case popolari di recente finito al centro dell’inchiesta Bergen town contro i traffici illeciti della famiglia.

L’1 ottobre 2019 la corte di Appello di Catania lo ha condannato a undici anni di carcere, dieci giorni dopo è arrivata un’altra condanna a cinque anni. Al figlio del boss non vengono contestate rapine ma reati in materia di armi, le stesse che sembrano essere una grande passione della dinastia. Il 12 febbraio 2007, insieme a due complici, avrebbe fatto irruzione in un negozio all’ingrosso di pelletteria gestito da un commerciante cinese. Una rapina cominciata sparando colpi di fucili in aria e conclusa portando via 1300 euro.

Durante l’ultima indagine Arena, mentre era obbligato agli arresti domiciliari, avrebbe notato qualcosa di sospetto sotto la sua abitazione nel quartiere popolare di Librino. Forse una macchina che viene scambiata per una pattuglia delle forze dell’ordine in borghese. La circostanza avrebbe convinto il figlio dello storico capomafia a scendere in strada con una pistola in mano, desistendo dai suoi intenti soltanto dopo essersi accorto che si trattava di sue vecchie conoscenze.

Massimiliano Arena è cugino di Agata, la cantante neomelodica salita alle cronache per quella canzone, Quartiere Librino, il cui video è ambientato proprio nella piazza di spaccio delle due torri. Nell’ambito del blitz di pochi giorni fa, a finire in manette è stato anche suo fratello Agatino, altro cugino di Massimiliano. Secondo quanto riferito dalle forze dell’ordine, nei confronti della cantante la questura sta valutando l’eventuale emissione di una misura di prevenzione.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]