Eurolega, bronzo per l’Orizzonte Catania Ekipe batte Budapest 11-10 dopo i rigori

Il sogno di sollevare la nona Coppa dei campioni è sfumato ieri sera, dopo il ko di misura contro le future campionesse del Kirishi per 13-14: nel post partita, però, Tania Di Mario aveva sottolineato come – per un gruppo giovane e ancora in crescita come quello catanese – esperienze del genere possano costituire un’importante bagaglio per i trionfi futuri. «Lotteremo domani per il bronzo», aveva aggiunto la vice di coach Martina Miceli: così è stato, con la capitana Arianna Garibotti e compagne che hanno replicato nelle dinamiche il successo dei quarti contro il Dunaujvaros, battendo il Budapest 10-11, dopo la lotteria dei calci di rigore.

Match equilibratissimo quello andato in scena nella tarda mattinata russa di oggi, caratterizzato da poche reti e soprattutto da un andamento sorprendente: primo tempo a totale appannaggio dell’Ekipe Orizzonte Catania, seconda frazione che invece ha visto il recupero delle ungheresi. Andando per ordine, la gara si apre con la rete di Roberta Bianconi dopo poco più di un minuto di gioco. Le etnee sono brave a sfruttare le situazioni di superiorità numerica, capitalizzandole in occasione delle altre due reti che caratterizzano la prima frazione: Garibotti sigla lo 0-2 a 5′ 33” dalla fine del tempo, Claudia Marletta triplica profittando della temporanea esclusione di Dora Csabai.

Nel secondo quarto, però, le ungheresi tornano prepotentemente in partita. La Csabai sigla la prima rete del Budapest attorno al minuto e venti di gioco: 40” dopo tocca a Vivian Sevenich mettere a segno il 2-3. L’Orizzonte non riesce incredibilmente a capitalizzare il gioco prodotto e la punizione arriva a cinque secondi dalla fine del tempo, con la Csabai che sigla il pesantissimo punto del 3-3. La seconda parte dell’incontro è un continuo e vicendevole rincorrersi tra le due squadre: il terzo tempo finisce con tre sole reti messe a segno e l’Orizzonte in vantaggio 5-4: al gol della Keszthelyi rispondono infatti Valeria Palmieri con la sua prima realizzazione del match e Rosaria Aiello a 48” dalla fine, capitalizzando una situazione di superiorità numerica. 

Ma le emozioni sono solo all’inizio: nell‘ultimo quarto, a cavallo tra primo e secondo minuto, la Sevenich e la Szucs siglano le due reti del sorpasso Budapest su Catania. Il tempo scorre e l’Orizzonte non riesce a violare la porta ungherese: anche il time out chiamato da Martina Miceli a 1′ 28” dalla fine sembra non sortire alcun effetto. Quando tutto sembra perduto, però, arriva la conclusione di Arianna Garibotti a spedire le due squadre verso la lotteria dei calci di rigore: nei 36” finali di partita non succede più nulla, tutto è affidato ai penalties. L’errore di Rosaria Aiello sul 9-8, unita alla successiva realizzazione di Rita Keszthelyi, sembrano scrivere la parola fine sulla partita, ma all’ultima curva tutto cambia: Bianconi segna il 10-9, con la Csabai che sbaglia e la Van der Sloot che invece regala il 10-10 alle etnee. Si va ad oltranza: la Szucs manda a lato, mentre Arianna Garibotti realizza il suo tiro, regalando all’Orizzonte Catania un bronzo di grandissimo valore. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]