L’esplosione da Cioccolato & Caffè, arrestato il titolare. Il ruolo del complice e di un addetto alle pulizie dell’ospedale

«La bomba da Cioccolato & Caffè? Ha fatto tutto da solo». Parole pronunciate in libertà ma che sono state ripetute per giorni quando c’era da commentare l’esplosione avvenuta all’interno del bar in viale Ruggero di Lauria, al lungomare di Catania. Era la mattina del 2 aprile scorso quando un ordigno e il successivo rogo distrussero completamente l’attività commerciale, danneggiando anche l’immobile in fase di ristrutturazione e l’impalcatura esterna. Una storia con troppi punti interrogativi ma che adesso si arricchisce di un capitolo fondamentale: l’arresto del titolare di Cioccolato & Caffè Alessandro Leone. L’inchiesta però non riguarda solo il 42enne rimasto gravemente ferito in seguito all’esplosione e che si era giustificato spiegando di essere scivolato nel tentativo di spegnere le fiamme. Insieme a lui è finito in carcere un 40enne mentre è stato disposto l’obbligo di dimora nel Comune di residenza per un 39enne accusato di favoreggiamento personale.

L’inchiesta della Squadra mobile della polizia si è concentrata subito sull’imprenditore e sul suo ferimento. In un primo momento Leone avrebbe rifiutato le cure del personale dell’ambulanza. Poco dopo, a bordo della propria autovettura, la scelta di raggiungere l’ospedale Garibaldi-Nesima e infine il Cannizzaro. Qui è stato ricoverato in Terapia intensiva e intubato nell’ambito di un quadro clinico abbastanza complesso con ustioni sul 15per cento del corpo e dei seri problemi polmonari. Il fascicolo, aperto con l’ipotesi di incendio doloso ma in un primo momento senza indagati, si è arricchito delle acquisizioni video di alcune telecamere di sorveglianza. In questo modo gli inquirenti hanno scoperto che Leone, prima dell’esplosione al lungomare, ha comprato della benzina in un rifornimento che si trova vicino la sua abitazione e che, subito dopo, ha incontrato il 40enne con il quale si è recato al bar. Al civico 131 i due, stando alle accuse, avrebbero innescato delle molotov artigianali realizzate con delle bottigliette in vetro.

Un progetto maldestro che causò il ferimento dell’imprenditore e del suo presunto complice. La cui presenza nei luoghi è stata accertata quando dal Pronto soccorso dell’ospedale San Marco è arrivata comunicazione di un paziente con ferite compatibili con la deflagrazione di un ordigno. Ulteriori indizi sono quelli recuperati nella macchina di Leone. All’interno gli agenti hanno trovato due imbuti, un rotolone di carta per asciugare, frammenti di guanti in lattice, lo scontrino del distributore di carburante e un detergente per tessuti. Infine il ruolo dell’inserviente 39 enne che, secondo quanto risulta a MeridioNews, avrebbe legami familiari con personaggi di spicco del clan Cappello. L’uomo, che non era presente al lungomare, sarebbe entrato in scena durante la degenza di Leone in ospedale. Forte del ruolo di addetto alle pulizie nel nosocomio avrebbe avvertito l’imprenditore riguardo la presenza di alcune microspie che erano state piazzate nella camera in cui il 42enne era ricoverato.

Cioccolato & Caffè è stato inaugurato nel 2011 e insieme a Leone, per alcuni anni, c’erano altre due persone in società, poi fuoriuscite nel 2014. Nel 2017, secondo le verifiche effettuate da MeridioNews, l’attività è stata data in affitto a una nuova società: la Dolci Tentazioni – amministrata da un parente diretto del ferito – e dal 2021 in liquidazione. A novembre 2023, invece, era stata ritrovata una bottiglia con del liquido infiammabile nei pressi del palazzo. Qualche mese prima dell’esplosione dello scorso aprile Leone, tramite i suoi canali social, aveva annunciato l’imminente riapertura del bar dopo un periodo di inattività legato alla ristrutturazione dei locali. Un nodo al fazzoletto condito con parole cariche di astio nei confronti di una persona il cui nome non è stato mai pronunciato: «Non ti nomino ma tu sai che mi sto riferendo a te. Vorrei vedere come, al posto mio, riusciresti ad aprire. Le persone lo sanno cosa dici in giro e, ricorda sempre, che la migliore granita alla mandorla, quest’estate, la mangerai da me». La colazione è rimandata.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

«La bomba da Cioccolato & Caffè? Ha fatto tutto da solo». Parole pronunciate in libertà ma che sono state ripetute per giorni quando c’era da commentare l’esplosione avvenuta all’interno del bar in viale Ruggero di Lauria, al lungomare di Catania. Era la mattina del 2 aprile scorso quando un ordigno e il successivo rogo distrussero […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]