Partita a poker nel centrodestra a Catania: tra assi, bluff e fake news per ora vince la confusione

Quello che andrà in scena tra poche ore è stato definito il tavolo definitivo, quello che sancirà – o che dovrebbe sancire – una volta per tutte il candidato del centrodestra alla carica di sindaco di Catania. In realtà, nonostante dichiarazioni, ripicche e fughe in avanti, la confusione c’è ed è pure tanta. La scena, più che un ritrovo di vecchi amici, tra chiacchiere amabili e buon vino, ricorda più quella di un tavolo da poker. Il panno verde ben steso, i convenuti che si guardano con sospetto.

Qualcuno in mano ha un asso e non lo nasconde, anzi, scopre le proprie carte. La Lega ha Valeria Sudano, che dell’asso ha tutte le caratteristiche: conosciuta, appoggiata dalla seconda persona più votata di tutta la Sicilia, Luca Sammartino, è politica d’esperienza. Le parole di Matteo Salvini non lasciano dubbi sul fatto che voglia puntare tutto su di lei. Ma per il bene della coalizione tira il freno e vorrebbe quanto meno vedere le carte che hanno in mano gli altri prima di avventarsi sul jackpot.

Un altro asso ce l’ha in mano il Movimento per le Autonomie: Raffaele Lombardo, che nel capoluogo etneo gode di immutato appeal. Ma in questo caso il giocatore nicchia, è indeciso se mostrare o meno le carte, se ritirarsi o rilanciare. Certo, Lombardo si tirerebbe volentieri indietro, ma non succederà finché non avrà la certezza che questa mossa non la darà vinta alla Lega. L’ipotesi Sudano agli autonomisti non piace proprio e per quanto si cerchi di motivare questa intolleranza con la mancanza di unanimità all’interno della coalizione, c’è comunque nervosismo, che di sicuro non si sarà mitigato dopo la conferma della disponibilità della candidata della Lega data da Salvini a poche ore da quell’annuncio del ritiro della candidata diffuso a mezzo stampa proprio da fonti Mpa, che adesso appare come una mezza fake news.

Al tavolo ci sono anche Democrazia cristiana e Forza Italia. I primi sanno di non avere granché e passano la mano. Lo stesso fanno gli azzurri, che pur non scoprendo le carte dicono che comunque avrebbero potuto mettere a segno il punto, ma non lo faranno per il solito senso di responsabilità. E poi c’è Fratelli d’Italia. Loro di carte spendibili hanno dimostrato di averne tante, al punto che potrebbero tentare la scala, se fosse veramente una partita di poker, ma qui conta solo la carta più alta. Intanto sul tavolo c’è Pippo Arcidiacono, uscito già per le vie etnee con manifesti e grafica accattivante, ma il giocatore Fratelli d’Italia ha subito alzato le mani, come a dire «non l’ho tirata io questa carta, mi è caduta. Capita».

Tra i tanti nomi che girano nel mazzo c’è il solito Ruggero Razza, ma i meloniani non sono troppo convinti. L’unica carta che potrebbe giocarsela con quelle di Lega e autonomisti sarebbe Manlio Messina, che a Roma sta vivendo un periodo particolarmente felice: coinvolto nelle questioni parlamentari, presenza gradita nei salotti televisivi, un’ottima considerazione tra i vertici nazionali del partito. Dovere rinunciare a tutto questo per tentare la scalata alla pur prestigiosa poltrona di sindaco della decima città d’Italia potrebbe non essere così allettante per l’ex assessore regionale al Turismo. Oltretutto a pesare sulla bilancia c’è anche il fatto che dopo essere stato soltanto sfiorato dall’affaire Cannes, Messina possa avere la sensazione di avere scansato di un soffio un bel treno e questo potrebbe portarlo a non avere troppa voglia di tornare a cimentarsi così presto con i rischi che comporta la vita da amministratore.

A rendere paradossalmente meno complicate le cose, però, potrebbe esserci il fattore Palermo. Nel capoluogo di Regione il centrodestra era frammentato come e più di Catania nella ricerca di un candidato unico su cui confluire, tante erano state le fughe in avanti, con il forzista Francesco Cascio, Roberto Lagalla, l’allora autonomista Totò Lentini, tutti impegnati in campagne elettorali tanto solitarie quanto imponenti. La quadra è arrivata, come per miracolo, nel momento in cui il fronte progressista ha lanciato la candidatura unitaria di Franco Miceli, aumentando la pressione sugli avversari che, a quel punto, hanno dato l’accelerata decisiva verso la convergenza su un nome unico. Ecco, questo rischio a Catania c’è, palesato nella serata di ieri con una nota che annuncia la disponibilità di Maurizio Caserta a portare la bandiera della coalizione nonostante un centrosinistra che da una parte deve riuscire a metabolizzare la grana Enzo Bianco e dall’altra appoggiare in forze un suo candidato per dare filo da torcere al centrodestra.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]