Cocaine powder on the table at home

La cocaina sull’asse Catania-Licata e il ruolo del paninaro Vitale. «Sa di fragola, ti bruciano gli occhi»

Un canale per le forniture di droga lungo la rotta Catania-Licata. Protagonista chiave, secondo le accuse, Santo Vitale, fratello di Giuseppe detto Pinuccio, Franco, meglio noto come Ciccio, e Fabio Vitale. Da tutti conosciuti – collaboratori di giustizia compresi – con l’appellativo di «paninari» per l’attività, gestita dal padre Angelo Vitale, nei pressi della stazione centrale di Catania. Nei giorni scorsi, il camion è finito sotto sequestro dopo l’inchiesta Slot Machine della guardia di finanza etnea. Adesso il nome di uno dei fratelli Vitale – quello di Santo panini – torna d’attualità perché compare tra i destinatari dell’ordinanza di misura cautelare in carcere dell’operazione Hybris della procura di Agrigento. Il 5 agosto del 2021 gli investigatori intercettano una telefonata, effettuata tramite l’applicazione Messenger di Facebook, tra il pregiudicato Gioele Carmelo Musumeci e Michele Cavaleri. Oggetto della discussione l’acquisto di «macchine». Dietro la trattativa, però ci sarebbe stato altro: una maxi partita di cocaina da fare arrivare in provincia di Agrigento.

Effettivamente cinque giorni dopo la prima telefonata effettuata tramite Facebook, gli inquirenti monitorano l’incontro tra le due fazioni, avvenuto in uno stabile in via Vanvitelli, a Licata (nell’Agrigentino). Tra i partecipanti c’è anche un uomo che viene chiamato dai partecipanti «», diminutivo secondo i magistrati di Santo Vitale. Lo spyware della polizia, attraverso uno degli smartphone dei presenti, capta voci e rumori, in particolare quelli che sembrano essere riconducibili a dei pacchi in plastica che vengono sconfezionati. Dentro ci sarebbe stata la droga, nascosta tra camere d’aria e sangue animale per confondere il fiuto dei cani antidroga. «Sa di cioccolata, di fragola – diceva Vitale riferendosi secondo la polizia alla qualità della cocaina – Qua ti bruciano gli occhi con me».

Durante l’incontro tra i due gruppi, oltre alle valutazioni sulla qualità della cocaina, si sarebbe proceduto al pagamento della fornitura arrivata da Catania. A consegnare parte dei soldi sarebbe stata la moglie di Cavaleri – Antonietta Casaccio – dopo averli prelevati in un’abitazione vicina. «Io non li voglio contare», spiegava Vitale. «No, li devi contare. Si contano sempre», replicava l’uomo di Licata, come riportato nelle pagine dell’ordinanza di custodia cautelare. Dietro l’affare si sarebbe celata anche qualche lamentela per il prezzo praticato. «Sei troppo caro Santo», diceva Cavaleri al figlio dell’imprenditore dei panini (quest’ultimo non coinvolto, ndr). Il trafficante etneo però, secondo la ricostruzione fatta dai pubblici ministeri, si sarebbe giustificato spiegando di avere comprato la cocaina a 38mila euro al chilo e di averla importata in Sicilia dalla Calabria. Tra l’indagato originario di Licata e Vitale si sarebbero aperti anche i margini per l’acquisto in comune di una partita di droga. «A quanto la prendi più poco che la prendi?», chiedeva Cavaleri. «Quando la devo andare a caricare io la prendo a 35 (35mila euro al chilo, ndr)». «E se te la faccio prendere a 32?», proponeva l’interlocutore. «Fammi dare un appuntamento, ci parlo io a Catania», replicava Vitale.

Al termine dell’incontro, secondo la ricostruzione degli investigatori, il gruppo di Licata avrebbe consegnato a Vitale e Musumeci poco più di 33mila euro, lasciando un debito residuo di ottomila euro. Somma che sarebbe stata consegnata il giorno successivo. «Mille euro – diceva Musumeci – glieli devo dare a quello che l’ha portata», riferendosi probabilmente a un corriere della droga. Il giorno successivo, la polizia monitora un nuovo faccia a faccia, a cui però si sarebbe presentato solo Musumeci. In quel contesto, la partita di cocaina sarebbe stata saldata del tutto.


Dalla stessa categoria

I più letti

Un canale per le forniture di droga lungo la rotta Catania-Licata. Protagonista chiave, secondo le accuse, Santo Vitale, fratello di Giuseppe detto Pinuccio, Franco, meglio noto come Ciccio, e Fabio Vitale. Da tutti conosciuti – collaboratori di giustizia compresi – con l’appellativo di «paninari» per l’attività, gestita dal padre Angelo Vitale, nei pressi della stazione […]

Un canale per le forniture di droga lungo la rotta Catania-Licata. Protagonista chiave, secondo le accuse, Santo Vitale, fratello di Giuseppe detto Pinuccio, Franco, meglio noto come Ciccio, e Fabio Vitale. Da tutti conosciuti – collaboratori di giustizia compresi – con l’appellativo di «paninari» per l’attività, gestita dal padre Angelo Vitale, nei pressi della stazione […]

Un canale per le forniture di droga lungo la rotta Catania-Licata. Protagonista chiave, secondo le accuse, Santo Vitale, fratello di Giuseppe detto Pinuccio, Franco, meglio noto come Ciccio, e Fabio Vitale. Da tutti conosciuti – collaboratori di giustizia compresi – con l’appellativo di «paninari» per l’attività, gestita dal padre Angelo Vitale, nei pressi della stazione […]

Un canale per le forniture di droga lungo la rotta Catania-Licata. Protagonista chiave, secondo le accuse, Santo Vitale, fratello di Giuseppe detto Pinuccio, Franco, meglio noto come Ciccio, e Fabio Vitale. Da tutti conosciuti – collaboratori di giustizia compresi – con l’appellativo di «paninari» per l’attività, gestita dal padre Angelo Vitale, nei pressi della stazione […]

Un canale per le forniture di droga lungo la rotta Catania-Licata. Protagonista chiave, secondo le accuse, Santo Vitale, fratello di Giuseppe detto Pinuccio, Franco, meglio noto come Ciccio, e Fabio Vitale. Da tutti conosciuti – collaboratori di giustizia compresi – con l’appellativo di «paninari» per l’attività, gestita dal padre Angelo Vitale, nei pressi della stazione […]

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]