Direzione Pd, Barbagallo attacca la destra ma guarda anche in casa: «A qualcuno è scappata la frizione»

Anthony Barbagallo passa all’attacco. Doveva essere lui il protagonista della direzione regionale del Partito democratico, di cui è segretario, e così è stato, con un’analisi del voto delle ultime elezioni europee che non risparmia nessuno. Non risparmia anzitutto i complimenti per il risultato, le congratulazioni all’eletto nella circoscrizione isole, Giuseppe Lupo e il rammarico per il mancato raggiungimento del secondo seggio, sfuggito per un soffio. Parla di un partito che si pone come forza più accreditata nell’opposizione a Renato Schifani e al centrodestra. «Così come non ci hanno visti arrivare a livello nazionale, non ci vedranno arrivare a livello regionale» dice. Ma non risparmia le autocritiche e gli argomenti più spinosi.

«Rispetto alle elezioni europee del 2019 abbiamo un calo di due punti – ricorda durante il suo intervento – Ma non possiamo non ricordare che quel partito era un partito dopato, che è imploso con le condanne penali per reati di mafia di alcuni deputati regionali di allora e che ha visto la transumanza di una parte consistente del gruppo parlamentare all’Ars nel tempo in altri partiti; peraltro la recente indagine su Tremestieri Etneo ha confermato discutibili metodi di costruzione del consenso in quelle elezioni europee del 2019 che vanno condannati senza se e senza ma. Non è questo il partito che abbiamo scelto di vivere e non sono quelli, ma questi di oggi i dirigenti che vogliamo accanto». Il riferimento è, tra gli altri, a Luca Sammartino, ex assessore regionale, mai nominato da Barbagallo, finito nelle maglie dell’indagine per corruzione di cui parla il segretario Dem.

Barbagallo guarda però anche al campo largo, che bene ha fatto in alcuni Comuni per le Amministrative e al nuovo soggetto con cui interloquire, Alleanza Verdi-Sinistra, impossibile da ignorare vito il risultato alle Europee. «Certo c’è un dato eloquente e negativo: il dato del partito siciliano è di circa dieci punti percentuali inferiore rispetto a quello nazionale. Inoltre, è evidente che queste elezioni europee hanno cambiato lo schema di gioco in vista delle prossime elezioni regionali. L’affermazione di Avs ci dice che in Sicilia abbiamo un altro giocatore al tavolo. Sarà un alleato con cui fare i conti in vista della costruzione dell’alternativa a Schifani. E l’elezione di due europarlamentari radicati nel nostro elettorato come Peppe Antoci e Leoluca Orlando deve spingerci a uno sforzo in più per affermare i valori di coerenza e di lealtà verso la base del nostro partito».

Poi un passaggio sulle lotte interne e l’ormai atavico fazionismo del Pd, che anche in queste Europee non ha lesinato colpi bassi e fuoco amico: «È evidente che la lista così costruita, in sé particolarmente competitiva, abbia generato diverse tensioni territoriali, soprattutto negli ultimi e decisivi giorni e ore di campagna elettorale, ma anche nelle reazioni post-voto. Diciamo che a turno, a molti, è scappata la frizione. C’è stata qualche esternazione social di troppo; qualche audio che non andava mandato; qualche messaggio e telefonata in cui si spingevano gli elettori – addirittura – a non votare altri candidati della lista. In questo clima va inquadrata la ferita più grave e profonda di questa campagna elettorale: le evidenti – e circoscritte – sacche di disimpegno neiconfronti della nostra segretaria nazionale». Quella che il segretario definisce come «Una scelta miope e ingenerosa». 

«E che non si provi a raccontare la storiella secondo cui era difficile sostenere Elly, perché bastava ricordare che era candidata ed il nostro mondo rispondeva con entusiasmo! Basta sapere leggere i dati elettorali nel complesso. Nessuno aveva più memoria di un dirigente capace di una simile sfida, capace di scendere in campo, in prima persona, senza paracadute. Mettendoci la faccia e l’impegno. Mai abbiamo avuto un segretario di partito, un dirigente o una dirigente nazionale così presente in Sicilia e proprio per questo Elly non meritava da parte di quei pochi dirigenti questo trattamento. Soprattutto in considerazione del fatto che è stata questa direzione a chiederne la candidatura». 

Infine l’ultimo e grande problema del Pd: le periferie. «Continuiamo a non radicarci nelle periferie delle grandi città. Andiamo molto bene nelle aree interne, nei piccoli comuni ma nelle periferie delle grandi aree urbanizzate facciamo fatica. Anche se le abbiamo elette a campo di battaglia politica con la visita allo Zen e a Librino. In periferia continua a essere molto bassa l’affluenza ed in base ai nostri dati più bassa è l’affluenza e più basso è il Pd. Ed è un dato che spiega anche la forbice tra i risultati del Nord Italia e quelli delle isole. Insomma dobbiamo recuperare consenso tra gli elettori sfiduciati, demotivati e che magari non vanno a votare da anni. L’astensionismo è il nostro principale avversario».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Anthony Barbagallo passa all’attacco. Doveva essere lui il protagonista della direzione regionale del Partito democratico, di cui è segretario, e così è stato, con un’analisi del voto delle ultime elezioni europee che non risparmia nessuno. Non risparmia anzitutto i complimenti per il risultato, le congratulazioni all’eletto nella circoscrizione isole, Giuseppe Lupo e il rammarico per […]

Anthony Barbagallo passa all’attacco. Doveva essere lui il protagonista della direzione regionale del Partito democratico, di cui è segretario, e così è stato, con un’analisi del voto delle ultime elezioni europee che non risparmia nessuno. Non risparmia anzitutto i complimenti per il risultato, le congratulazioni all’eletto nella circoscrizione isole, Giuseppe Lupo e il rammarico per […]

Anthony Barbagallo passa all’attacco. Doveva essere lui il protagonista della direzione regionale del Partito democratico, di cui è segretario, e così è stato, con un’analisi del voto delle ultime elezioni europee che non risparmia nessuno. Non risparmia anzitutto i complimenti per il risultato, le congratulazioni all’eletto nella circoscrizione isole, Giuseppe Lupo e il rammarico per […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]