Foto della compagnia teatrale "U Diri" di Adrano

La Diavolata: il dramma sacro di Pasqua che da più di due secoli fa scontrare bene e male

Tre diavoli, la Morte, l’arcangelo Michele, l’Umanità. Ad Adrano, in provincia di Catania, ogni domenica di Pasqua va in scena una rappresentazione che la cittadinanza conosce quasi a memoria, ma che non sembra perdere fascino e carica emotiva. La Diavolata – nota anche come I diavulazzi di Pasqua – è uno dei momenti in cui la comunità adranita si riconosce di più, forse il più sentito insieme alle celebrazioni per il patrono, San Nicolò Politi. Un dramma religioso, ma anche una grande allegoria che unisce elementi cristiani e pagani, cultura e folklore. La Diavolata è la parte più ampia di un’opera, La Resurrezione, che il sacerdote adranita don Anselmo Laudani ha scritto nel 1752 e che contiene anche l’Angelicata.

Ogni domenica di Pasqua, intorno a mezzogiorno, migliaia di persone assistono con lo stesso moto d’attesa allo scontro tra il Bene e il Male. Il palco – allestito nella piazza principale della città, ai piedi del Castello Normanno – rimanda a una selva infernale, nella quale interagiscono i personaggi. Da una parte Lucifero – il capo dei diavoli – Belzebù, Astarot e la Morte; dall’altra l’arcangelo Michele e l’Umanità. Nella scena non manca il richiamo all’Etna, visto che Lucifero e gli altri diavoli arrivano sul palco uscendo idealmente dal cratere centrale del vulcano, che nel Medioevo era considerato una delle porte degli inferi. La vicenda ha cinque scene principali, durante le quali – con toni enfatici e parlando un italiano tipico di alcuni scritti del Settecento i personaggi discutono della resurrezione di Cristo e delle sue possibili conseguenze sul loro operato e sul destino dell’umanità.

C’è lo stupore di Lucifero – che nel monologo iniziale non si spiega la resurrezione e si tormenta – c’è il dialogo tra i due diavoli, che cercano di capire se possono ancora tentare gli esseri umani. C’è anche la Morte – che tiene prigioniera l’Umanità – infine l’arrivo dell’arcangelo Michele, che sconfigge Lucifero, libera l’Umanità e segna la vittoria del Bene. I momenti più intensi della rappresentazione sono due e si trovano nel finale: nel primo la Morte rompe il suo arco, in segno di sconfitta, e lo getta tra il pubblico; nel secondo – ultima scena della rappresentazione – i diavoli insieme all’arcangelo Michele e all’Umanità inneggiano alla Trinità e alla Madonna.

La rappresentazione dura poco più di venti minuti, ma nasce da settimane di prove e coinvolge alcune decine di persone, tra chi sale sul palco e chi resta dietro le quinte. Diverse famiglie adranite sono particolarmente legate alla messa in scena, visto che alcuni ruoli sono stati tramandati di padre in figlio. Anche le gestualità ampie e il modo di recitare, per molti poco accademico, sono frutto di una tradizione che si ripete da più di due secoli e mezzo. Neanche le due guerre mondiali sono riuscite a impedire la rappresentazione della Diavolata, mentre la pandemia ce l’ha fatta: nel 2020 e nel 2021 uno dei momenti più particolari e antichi della settimana santa in Sicilia non si è tenuto. Dal 1980 viene rappresentata anche la seconda parte dell’opera di Laudani, cioè l’Angelicata. L’atmosfera cambia completamente: dall’oscurità si passa alla luce, dalla selva infernale ci si trasferisce in Paradiso. Qui un gruppo di angeli annuncia alla Madonna la resurrezione di Gesù. Infine l’incontro tra la madre e il figlio, con quest’ultimo che la proclama Regina del Cielo.

Dall’inizio degli anni Duemila la Diavolata viene replicata anche in serata, in una versione arricchita da giochi di luce e da un’atmosfera ancora più cupa. Nel 2013 la Diavolata e l’Angelicata hanno ricevuto l’iscrizione nel Registro delle eredità immateriali della Sicilia, visto l’alto valore culturale delle rappresentazioni. Elemento già noto dagli anni Cinquanta, quando per dirigere le riprese della Diavolata venne chiamato il regista Luigi Comencini (Pane, amore e fantasia, Tutti a casa, Il compagno don Camillo, Marcellino pane e vino).


Dalla stessa categoria

I più letti

Tre diavoli, la Morte, l’arcangelo Michele, l’Umanità. Ad Adrano, in provincia di Catania, ogni domenica di Pasqua va in scena una rappresentazione che la cittadinanza conosce quasi a memoria, ma che non sembra perdere fascino e carica emotiva. La Diavolata – nota anche come I diavulazzi di Pasqua – è uno dei momenti in cui […]

Tre diavoli, la Morte, l’arcangelo Michele, l’Umanità. Ad Adrano, in provincia di Catania, ogni domenica di Pasqua va in scena una rappresentazione che la cittadinanza conosce quasi a memoria, ma che non sembra perdere fascino e carica emotiva. La Diavolata – nota anche come I diavulazzi di Pasqua – è uno dei momenti in cui […]

Tre diavoli, la Morte, l’arcangelo Michele, l’Umanità. Ad Adrano, in provincia di Catania, ogni domenica di Pasqua va in scena una rappresentazione che la cittadinanza conosce quasi a memoria, ma che non sembra perdere fascino e carica emotiva. La Diavolata – nota anche come I diavulazzi di Pasqua – è uno dei momenti in cui […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]