Denise Pipitone: il poliziotto, la fidanzata e Anna Corona Riemerge il sospetto della fuga di notizie sulle indagini

«L’insuccesso dell’indagine sulla scomparsa di Denise Pipitone è dipeso, al 70-80 per cento, dall’insuccesso dell’intercettazione su Stefania Letterato». Lo diceva già a novembre del 2012 Gioacchino Genchi, l’allora super-consulente della procura di Marsala a cui era stato affidato l’incarico di esaminare i tabulati telefonici e le intercettazioni nell’indagine sulla scomparsa della bambina da Mazara del Vallo l’1 settembre del 2004. Stefania Letterato, da maggio 2006, è la moglie di Antonio Sfameni, allora dirigente del commissariato di polizia di Mazara del Vallo che indagava sulla scomparsa di Denise, oggi a capo della squadra mobile di Messina. Tra i due all’epoca – due anni prima del matrimonio – c’era «una stretta confidenza», come lui stesso ha ammesso in seguito. Fidanzati, si diceva. Non ancora, secondo Sfameni. Ma la donna era anche amica di Anna Corona, ex moglie del padre biologico di Denise e madre di Jessica Pulizzi, imputata poi assolta dall’accusa di avere sottratto la bambina e di averla ceduta ad altri. È in casa sua che ieri, a distanza di 17 anni, carabinieri e pompieri hanno effettuato una lunga ispezione che pare non abbia portato a nulla.

Nei giorni scorsi, la procura di Marsala ha sentito come persona informata sui fatti Maria Angioni, la ex pm di Marsala che all’epoca si era occupata della vicenda e che oggi è giudice a Sassari (in Sardegna). Quella storia siciliana le ha lasciato l’amaro in bocca. E il sospetto di una fuga di notizie sull’inchiesta: in particolare, che le persone intercettate sapessero che i loro telefoni erano sotto controllo. È durante i primi approfondimenti, nei giorni successivi alla scomparsa di Denise, che il numero di Stefania Letterato viene notato per i 1175 contatti in un anno avuti con il numero di Anna Corona. Circa tre contatti al giorno. Quando Genchi chiede di mettere sotto controllo quel numero così ricorrente, però, i contatti si interrompono. Corona smette di chiamare l’amica, Letterato non usa proprio più quel cellulare. «Questo fatto ha compromesso fortemente le possibilità di ritrovare Denise – disse Genchi ascoltato in aula durante un’udienza del processo per il sequestro della bambina al tribunale di Marsala – È chiaro che Anna Corona ebbe subito consapevolezza di essere intercettata». Informazioni che il consulente dell’accusa aveva riferito alla procura, sottolineando come non spettasse a lui approfondire eventuali spifferi investigativi. 

Non solo. All’epoca, Genchi aveva suggerito ai magistrati di intercettare pure un’altra utenza telefonica con cui Letterato era in continuo contatto. «Non sapevo che fosse del commissario di polizia Antonio Sfameni, ma mi fu detto di approfondire in altre direzioni», aveva spiegato il consulente nel corso della sua audizione. Quando è stato ascoltato nell’ambito del procedimento, il funzionario di polizia ha dichiarato che all’epoca con Letterato aveva solo «un rapporto di amicizia, seppur confidenziale» e che la relazione sentimentale era iniziata successivamente. Dopo le segnalazioni di Genchi – che alla questione ha dedicato numerose pagine di relazione, particolarmente delicata per la natura delle informazioni intime sui protagonisti – la procura affidò le indagini ai carabinieri. Negli ultimi giorni, dopo le dichiarazioni dell’ex pm Angioni, la procura di Marsala sembra intenzionata a indagare su eventuali omissioni o depistaggi.

Nella giornata di ieri, i carabinieri della scientifica e i vigili del fuoco hanno effettuato un’ispezione nella casa in cui all’epoca, e fino a pochi anni fa, viveva Anna Corona. Accertamenti disposti dalla procura di Marsala nella palazzina al civico 55 di via Luigi Pirandello per verificare «lo stato dei luoghi e accertare se sono stati effettuati lavori edili all’interno». Nei giorni scorsi, infatti, sarebbe arrivata una segnalazione al palazzo di giustizia in cui si fa riferimento a una botola e ad alcuni lavori di ristrutturazione. Gli attuali proprietari di quella casa, al momento, si trovano in Svizzera e la custode che ha fornito le chiavi ai militari ha anche riferito che è disabitata da almeno un anno. A destare interesse e preoccupazione è stato soprattutto il ritrovamento di un pozzo, coperto da una botola, nel garage della palazzina. 

Un pozzo che riporta subito alla memoria altri tragici casi di cronaca ma che, soprattutto, la stessa procuratrice Angioni aveva nominato in un altro contesto: «Dalla polizia giudiziaria mi dicevano di smettere di indagare tanto per stare davanti alle telecamere e che la bambina era caduta in un pozzo», diceva in un’intervista al programma Chi l’ha visto. Nella serata di ieri, mentre nella piazza principale di Mazara del Vallo centinaia di persone partecipavano alla manifestazione Insieme per Denise, i rilievi al pozzo e nella casa sono stati interrotti quasi bruscamente. Circostanza che ha impensierito il legale dei genitori di Denise, ma su cui al momento vige il massimo riserbo e nessuna notizia di ritrovamenti utili al caso.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]