Dai «soldi delle patate» a panettoni e spumante Gli affari del clan nel silenzio di Giarre e Riposto

I tentacoli di Cosa nostra sugli ormeggi delle barche all’interno del porto di Riposto. Parola di Aldo Carmelo Navarria, spietato killer, reggente mafioso nel territorio di Belpasso e, dall’estate del 2017, passato tra le fila dei collaboratore di giustizia. «Il porto è controllato da Benito, nel senso che i gestori dei posti per le imbarcazioni pagano il pizzo al suo gruppo». Un racconto con pochi giri di parole, contenuto in uno dei verbali confluiti nel fascicolo dell’operazione Iddu. L’inchiesta della procura di Catania che nei giorni scorsi ha fatto luce sugli affari di Cosa nostra tra Giarre e Riposto. Sotto i riflettori è tornato anche Benedetto La Motta, da tutti conosciuti con il nome di Benito. Un pezzo grosso del panorama mafioso tanto da avere avuto in dote l’incarico di reggere l’articolazione locale della famiglia mafiosa dei Santapaola. «Può rapportarsi alla pari con i reggenti dei gruppi di Acireale, Aci Catena e Catania», aggiunge Navarria a verbale.

Insieme a La Motta dietro le sbarre è finita anche la moglie Grazia Messina, mentre è ancora ricercato il nipote Antonino Falzone, destinatario di un mandato di cattura europeo. Il protocollo del clan era abbastanza semplice da decifrare: il controllo del territorio passa anche dalle piccole cose. Come possono essere decine di panettoni, con annessa bottiglia di spumante, da recuperare a cinque giorni dal Natale del 2017. Il saccheggio avviene davanti agli occhi del «piagnucolante» proprietario di un’attività a marchio Punto convenienza. Sconsolato dall’essere rimasto, senza essere stato avvertito prima dai picciotti del clan, con il magazzino svuotato. «Anzi gliel’abbiamo fatta da fratelli», diceva, ridendo, il nipote del boss mentre una microspia registrava. «Quelli buoni gli ho preso – continuava – al limoncello, alla crema… che spacchio mi conti. Non ci sucare la minchia».

Qualche istante dopo, la discussione continua. «Prendine uno con la bottiglia e mettilo di lato – diceva Falzone al complice – che me lo devo mangiare io stasera […] che alla mia fidanzata le devo mettere lo spumante nel pacchio». Mentre gli investigatori indagano, i microfoni registrano anche alcuni dialoghi riguardanti le amministrative. «Le attività – si legge nell’ordinanza – hanno rivelato il coinvolgimento del clan nelle elezioni comunali del 2016». Una delle piste che porta a questa considerazione è l’intercettazione tra Andrea Sapienza e Liborio Previti. Sono loro a lamentarsi di alcune telecamere istallate vicino alla chiesa nei pressi delle case popolari. «Il prossimo sindaco che sale … vuole i voti? Deve fare la bonifica di tutte cose».

Poi ci sono i ragionamenti su una lettera anonima ritrovata nella stanza del sindaco di Riposto, Enzo Caragliano. «Si stanno mangiando tutto il Comune – si lamentava il boss La Motta – Chi si può mettere qua. Nella stanza del sindaco chi ci può andare?». «Siccome ci sono le elezioni – replicava il nipote – lo fa apposta il sindaco. Tipo che lo minacciano». Come nell’indagine Jungo anche in quest’ultima inchiesta emerge l’assoluta omertà delle vittime. A denunciare non ci pensa nessuno e così, anche da dietro le sbarre, boss e gregari riuscirebbero a gestire le estorsioni. «Ogni aprile – racconta il collaboratore di giustizia Gaetano Mario Vinciguerra – vengono corrisposti 5.000 euro da un commerciante della zona che immagino si occupi di patate, perché in gergo tra di noi si parla di soldi di patate».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]