Cristian Aiello, la vita di uno degli ultimi maestri d’ascia «Arte difficile da tramandare. I giovani? Disinteressati»

«Io non lo chiamo lavoro, per me è una passione». Cristian Aiello, 40enne di Castellammare del Golfo, la coltiva sin da piccolo, da quando ha messo piede, per la prima volta, nel cantiere navale di suo padre. Aiello è uno dei pochi maestri d’ascia rimasti in Sicilia. Costruisce e restaura barche alla vecchia maniera, con l’ascia e il legno, seguendo le orme del padre che nel 1964 ha avviato l’attività al porto. «Poco più che ventenne mi sono ritrovato a portarla avanti da solo – racconta a MeridioNews -. Oggi continuo questo mestiere tramandatomi da mio padre, quando andavo al cantiere e osservavo il suo lavoro». Quando è stato assunto, Cristian aveva un obiettivo: diventare maestro d’ascia. 

Grazie alla formazione ricevuta, a soli 19 anni ha passato l’esame presso la Capitaneria di porto. «Sono stato il più giovane in Sicilia a ottenere il titolo», ricorda. L’attestato gli ha permesso di prendere le redini del cantiere, che non ha mai abbandonato. «Lavoro per i pescatori, ho anche lavorato per qualche tonnara – spiega – anche se il guadagno è minimo rispetto alla prestazione, bisogna fare molti sacrifici, per questo i giovani non si avvicinano a questa arte. Avevo aderito all’alternanza scuola lavoro – racconta – ma i ragazzi non sono motivati, alcuni non volevano venire, infatti da quest’anno ho deciso di non farla più».

Se da un lato il lavoro non manca, dall’altro i ricavi minimi permettono a malapena di pagare le imposte. «Non mi fermo mai, sono sempre all’opera – sottolinea l’uomo -. Adesso ho una barca in lavorazione, però quel che guadagno lo perdo per pagare le tasse e ogni volta mi chiedo chi me lo abbia fatto fare». Il pensiero di mollare però non è mai venuto. «No, non ci penso proprio. Piuttosto mi invento altro, all’interno del mio capannone ho inserito un negozio di souvenir, e poi ho delle barche particolari che metto a disposizione per gite turistiche o per la pesca sportiva notturna». Queste attività, che svolge soltanto nel periodo estivo, permettono ad Aiello di arrotondare lo stipendio. Anche perché in estate «le barche non hanno bisogno di manutenzione, quindi devo interrompere il lavoro con l’ascia».

Alla passione tramandatagli da suo padre si è aggiunta dunque quella per la storia e le bellezze di Castellammare del Golfo, che racconta e mostra ai turisti con orgoglio a bordo delle sue imbarcazioni. Al suo fianco, oltre alla moglie, c’è anche il fratello, pescatore come i nonni che gli hanno «insegnato i segreti del mare e le sue insidie». Un’eredità che Cristian ha fatto propria negli anni e che vorrebbe tramandare e divulgare il più possibile. «Questi lavori antichi rischiano di svanire col tempo se nessuna istituzione li valorizza come si deve», denuncia. Dal canto suo, Aiello ha organizzato diverse iniziative per far conoscere la sua arte. L’ultima, una mostra di foto all’interno del cantiere, nei mesi estivi, anche se l’ha dovuta chiudere in anticipo per via degli scomodi orari di lavoro: «In estate inizio alle sette del mattino e finisco alle due di notte, quindi non avevo molto tempo da dedicare all’esposizione», ammette il 40enne. Desideroso di dare un seguito a un’arte affascinante, ma che sembra al momento destinata a sparire.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]