Costretto a fare da corriere per sdebitarsi della droga Vittima si suicidò, fatto accaduti a Gagliano Castelferrato

Un 41enne e un 30enne sono stati arrestati dai carabinieri di Nicosia, con il supporto dei militari dell’Arma di Catania Fontanarossa e dello squadrone eliportato Cacciatori di Sicilia, con la grave accusa di estorsione e morte come conseguenza di altro delitto. L’indagine della procura di Enna ha fatto luce su un suicidio avvenuto a Gagliano Castelferrato, lo scorso agosto, quando a togliersi la vita era stato un 32enne.

Per gli inquirenti, la vittima si sarebbe suicidata dopo essere rimasto sommerso da debiti legato all’acquisto di sostanze stupefacenti. I due avrebbero costretto il 32enne a fare da corriere per sdebitarsi delle somme da restituire. Una tensione che alla lunga l’uomo non avrebbe retto.


Dalla stessa categoria

I più letti

Giustizia per Emanuele Scieri

«Ricordate che in tutti i tempi ci sono stati tiranni e assassini e che, per un certo periodo, sono sembrati invincibili, ma alla fine, cadono sempre, sempre». È da un aforisma del mahatma Gandhi che ha preso spunto l’avvocata Alessandra Furnari nella sua discussione durante il processo per l’omicidio volontario aggravato di Emanuele Scieri, il parà siracusano 26enne in servizio militare trovato cadavere nell’agosto del 1999 […]

«Una macchina di imbrogli e di sotterfugi manzoniana che si è sviluppata sull’esigenza di un costrutto che doveva raccontare un’altra versione dei fatti». Così il procuratore di Pisa Alessandro Crini ha definito la ricostruzione da parte dell’esercito di quanto accaduto all’interno della caserma Gamerra nell’agosto del 1999 nel corso della sua requisitoria a cui è […]

Catania archeologica, l`occasione mancata

In una nota protocollata al Comune etneo a metà gennaio l'associazione di piazza Federico di Svevia chiede di gestire il bene del XII secolo, abbandonato, per garantirne «a titolo gratuito e senza scopo di lucro, la fruibilità». Adesso interrotta dal cambio del lucchetto del cancello da cui vi si accede e dalle divergenze con uno degli abitanti, che risponde: «C'era il rischio per la pubblica incolumità»

I processi a Raffaele Lombardo