Corto Siracusano: ultimo atto

Ieri l’ ultima giornata della terza edizione di “Corto Siciliano 2005” è iniziata, nella sala Vittorini del Museo del Cinema di Siracusa, con la proiezione di una selezione di corti presentati al “Palermo Film Festival” ed è poi continuato con “Visioni oltre-Arte, videoarte,videoclip e opere estreme”.  

Quest’ultima sezione proponeva una serie di opere difficili da inserire in categorie precise. E’ il caso di “Dualitè” di Chiaraluca Fiorito, un cortometraggio che del cinema sfrutta solo la forma, usando modalità espressive tipiche della danza e del teatro. Il teatro è fonte di ispirazione anche di altri lavori come “Shok impossibile”, lavoro sperimantale di Luca Raimondi e l’immaginifico e spettrale “Les chants de Maldoror” di Fabio Bianchini e del professore toscano Alberto Di Cintio.  

Scelgono invece la strada della provocazione altri due cortometraggi: “giochiamoci sopra” di Concetto Di Stefano e Giuseppe Pomidoro, e “Sans Merci” di Riccardo Caruso. Se il primo lascia il pubblico abbastanza indifferente e non ottiene gli effetti desiderati, al contrario il corto di Riccardo Caruso, uno snuff movie che lascia poco all’immaginazione, ha creato momenti di disagio e fastidio. La reazione del pubblico in sala ha soddisfatto il regista che, come ha poi ammesso sul palco, preferisce presentare queste opere estreme ad un pubblico più eterogeneo piuttosto che a quello più smaliziato e preparato dei festival di genere.  

Da segnalare anche “Solo” diretto e montato dal regista sordomuto Giuseppe Patti, “Ketchup film” di Daniele Carrer e “Merda” di Andrea Trimarchi che sceglie la provocazione verbale. Lo stesso Trimarchi, che ha presentato ben quattro lavori durante questo festival, è autore di uno dei tre videoclip musicali che seguono.

La serata si conclude con “Un filo d’aria” lungometraggio di Francesco Pasqua. Il film, un noir interamente girato a Siracusa, affronta il tema della memoria attraverso un’ ottima sceneggiatura e delle immagini molto suggestive. Lo stesso regista ha simpaticamente intrattenuto il pubblico prima e dopo la proiezione del film scherzando sul palco con Luca Raimondi e con due degli attori protagonisti del suo film.

Essendo un festival ci sono state anche delle premiazioni, ma poco importa perchè, come ha dichiarato lo stesso Luca Raimondi, i premi servono solo per dare un po’ di spirito competitivo a festival di questo livello, quel che conta è che la qualità dei lavori abbia soddisfatto sia gli spettatori che gli organizzatori.

Per chi fosse interessato ai premi: 

PREMIO PER LA MIGLIOR FOTOGRAFIA

MARIO COSENTINO per l’opera IL PRESTIGIATORE

“Per l’occhio fotografico che coglie e narra con vividi colori una storia di amicizia e una promessa da mantenere, nonostante tutto. In una costruzione tecnica da far invidia ai professionisti del video e del cinema, Cosentino, dopo “Capolinea” si conferma autore a tutto tondo dei suoi corti, bravo sia come mente che come braccio”

PREMIO PER IL MIGLIOR MONTAGGIO

FABRIZIO FAMA’ per l’opera  ITALIAN COMICS

“Per l’originalità e l’efficacia della post-produzione del corto spiritoso e fumettistico di Alessandro Marinaro, che tanto deve all’apporto di un tecnico in gamba e impeccabile come Fabrizio Famà”.

PREMIO PER IL MIGLIOR MONTAGGIO

ANTONIO BELLIA E GIACOMO IUCULANO per l’opera SENZA TEMPO

“Per la professionalità e l’accuratezza del montaggio di un corto difficile da raccontare, in bilico tra diversi momenti del tempo e dello spazio, della realtà e dell’immaginazione. Il montaggio è chiaro, essenziale, impeccabile”.

PREMIO MIGLIOR SOGGETTO E SCENEGGIATURA

MARTINO LO CASCIO per l’opera YOUSIF L’IRAKENO

“Non è una sceneggiatura tradizionale, quella di Lo Cascio, che fonde documentario e finzione e, grazie anche all’indispensabile collaborazione di Yousif Saralla, riempie lo schermo e il cuore degli spettatori con frasi bellissime da scolpire sulla pietra”.

PREMIO MIGLIOR REGISTA

PAOLO SANTANGELO per l’opera PISCI DI BRORU

“Per il tocco di rara grazia, sensibilità e rispetto con cui l’autore affronta la sua breve – ma intensa – storia, rievocando i fantasmi del cinema neo-realistico senza tuttavia nascondersi come autore, accarezzando con la sua videocamera le rughe e il volto bellissimo del suo dignitoso protagonista, un vecchio pescatore reietto”.

PREMIO MIGLIOR CORTO

OLTRE di DANILO CATALDO

 “Per essere una produzione di grande livello, sotto tutti gli aspetti, nonostante budget e risorse assai contenuti. Il tema affrontato è inusuale nell’ambito italiano che affronta il metafisico tutt’al più con distacco e ironia, mentre Cataldo vi porta, anche grazie all’azzeccata scelta della colonna sonora, una lirica partecipazione che rende la visione di Oltre un’esperienza emotiva molto intensa per qualunque spettatore che abbia un cuore e un cervello. Da premiare anche il rigore con cui il regista ha trattato la sua storia e piegato una presenza attoriale, quella di Enrico Lo Verso, ai fini della sua narrazione, senza lasciarsi vampirizzare dall’altrimenti ingombrante presenza professionistica del suo protagonista”.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]