Foto WikiMedia

Corruzione al Comune di Aci Sant’Antonio dietro i fondi post sisma. Sono 42 gli indagati

Corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio, truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, falsità ideologica e distruzione e occultamento di atti. Sono i reati contestati, a vario titolo, a 42 persone. Le stesse hanno ricevuto la notifica dell’avviso conclusioni indagini lo scorso 16 febbraio. Sotto la lente d’ingrandimento della procura di Catania e dei carabinieri è finito il Comune di Aci Sant’Antonio. Due le misure interdittive: una nei confronti di R.M., funzionaria del Comune, coordinatrice dell’ufficio Sisma e responsabile del procedimento per l’approvazione e liquidazione delle domande di contributo, l’altra a carico del geometra A.P. nella qualità di libero professionista. I due sono stati sospesi per dieci mesi dalla possibilità di esercitare il proprio lavoro negli uffici pubblici e per sei mesi è scattato lo stop di esercitare la propria attività professionale.

A fare scattare le indagini, nel 2019, sono state le denunce presentate da due imprenditori nei confronti del sindaco del Comune di Aci Sant’Antonio, Santo Orazio Caruso, e della funzionaria comunale, in servizio ai Lavori Pubblici- «Accusati di condotte corruttive e di illeciti nella gestione e affidamento di lavori pubblici – si legge in una nota diffusa dai carabinieri alla stampa – nonché nell’assegnazione di contributi stanziati dall’ente comunale in favore di privati e associazioni». Ad Aci Sant’Antonio, secondo gli inquirenti, vi sarebbe stato «un trasversale sistema illecito nella gestione dei contributi per la ricostruzione post–sisma nel quale risultavano pesantemente coinvolti, a vario titolo, pubblici amministratori, funzionari comunali, privati cittadini richiedenti il contributo per il pronto ripristino delle abitazioni danneggiate dall’evento tellurico, nonché tecnici di parte».

Per i magistrati la funzionaria comunale avrebbe fatto ottenere a privati cittadini, che alla medesima si erano affidati, l’indebita elargizione del contributo statale stanziato per il pronto ripristino delle abitazioni danneggiate dal sisma, ottenendo in cambio una remunerazione economica, consistente in una quota del compenso corrisposto al tecnico di parte geometra di cui la stessa si sarebbe avvalsa, quale suo prestanome, e con il quale avrebbe operato in correità; a ciò si aggiunga che la stessa funzionaria comunale, «attraverso il compimento di artifizi e raggiri e con il contributo offerto da pubblici amministratori, funzionari comunali e dal titolare dell’impresa affidataria dei lavori, sarebbe stata destinataria dell’indebita corresponsione di contributi per il ripristino della propria abitazione».

«In esito agli accertamenti espletati emergevano elementi di reità – continuano gli inquirenti – anche nei confronti dell’ex sindaco come soggetto attuatore per i primi interventi di protezione civile in conseguenza dell’evento tellurico e dell’ex vice-sindaco Giuseppe Santamaria, i quali si sarebbero resi
responsabili di condotte fraudolente finalizzate a fare ottenere l’indebito contributo in favore di privati i cui immobili non possedevano i prescritti requisiti previsti». I carabinieri avrebbero accertato anche diverse falsificazioni dei verbali di giunta e delle relative delibere adottate, in quanto i membri
della giunta comunale di Aci Sant’Antonio, «in concorso con il segretario comunale, nel corso dell’anno 2019 avrebbero attestato, non conformemente al vero, la presenza di alcuni di loro a sedute alle quali in realtà non avevano partecipato, trovandosi in altre località per impegni personali». Nella stessa indagini sarebbero emersi illeciti nei lavori per il ripristino del manto stradale oltre a un traffico illecito di rifiuti per il mancato conferimento in discarica del materiale proveniente dai lavori di scarifica. Fresature dell’asfalto sarebbe stato indebitamente conferito ad esclusivo vantaggio di un’impresa locale riconducibile alla funzionaria, operante nel settore della movimentazione terra


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio, truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, falsità ideologica e distruzione e occultamento di atti. Sono i reati contestati, a vario titolo, a 42 persone. Le stesse hanno ricevuto la notifica dell’avviso conclusioni indagini lo scorso 16 febbraio. Sotto la lente d’ingrandimento della procura di Catania e […]

Corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio, truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, falsità ideologica e distruzione e occultamento di atti. Sono i reati contestati, a vario titolo, a 42 persone. Le stesse hanno ricevuto la notifica dell’avviso conclusioni indagini lo scorso 16 febbraio. Sotto la lente d’ingrandimento della procura di Catania e […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]