Nome in codice Sparma03: un conto gioco per i soldi della cocaina a Lampedusa. «Carica 200»

Sparma03. Una parola d’ordine ma anche il nome del conto gioco online che sarebbe stato utilizzato per riscuote i soldi della cocaina a Lampedusa. Una modalità alternativa, per evitare passaggi di denaro contante, sperimentata secondo gli inquirenti da Vincenzo Barbera a dai suoi fidati collaboratori: Nicola Minio e Toni Sparma. Il punto d’appoggio per i loro affari sarebbe stato il centro scommesse New Bet Lampedusa, il cui titolare però risulta estraneo alle contestazioni. La consegna della droga poteva avvenire sia prima dei pagamenti che dopo, secondo una modalità che non sempre soddisfaceva i presunti venditori: «Avanzo un bordello di soldi da tante persone», commentavano gli indagati. Gli aneddoti di questa storia sono contenuti nel decreto di fermo dell’operazione Zefiro che ha portato al fermo di undici persone. L’inchiesta è il seguito del blitz Levante coordinato dalla procura di Agrigento con a capo il procuratore reggente Salvatore Vella.

La droga sarebbe stata indicata utilizzando i nomi più disparati. Dalla carne ai caffè. Le «carte», invece, avrebbero indicato i soldi. «Amore mio, mi ha dato cinque mazzi di carte», diceva Sparma a Barbera in un dialogo intercettato. A ogni mazzo corrispondevano 100 euro, secondo gli inquirenti. «Tre li carichi e due li porti», rispondeva Barbera. Monitorando il conto gioco, gli investigatori scoprono che sei minuti dopo quella telefonata 300 euro vengono caricati nel conto Sparma03. Trascorrono altri sette minuti e Sparma, secondo la ricostruzione, si presenta a casa di Barbera annunciandosi con l’ennesima telefonata: «Amore mio, qua sono».

Nelle intercettazioni venivano date precise disposizioni. «Tu vai al centro scommesse e gli dici Sparma03… e vieni a casa, dove siamo andati ieri». A parlare era ancora una volta Barbera. Il suo interlocutore, secondo la ricostruzione della procura, era un acquirente. L’uomo, a quanto pare, non particolarmente sveglio. Dopo essersi recato al centro scommesse chiede ulteriori delucidazioni sul nome del conto da ricaricare. «Miticosono qui allo sportello. Hai detto “sbom“…». Per evitare errori, Barbera avrebbe chiesto di parlare con il titolare del punto vendita: «Caricaci Sparma03… duecento (euro, ndr)».

Stando a quanto emerso, l’Isola sarebbe stata il punto di approdo di ingenti quantitativi di polvere bianca. Nell’estate dello scorso anno, sono stati effettuati dei grossi recuperi di panetti di cocaina. La droga era stata raccolta in mare, a dodici miglia a sud di Lampedusa nella zona della cosiddetta Secca di Levante, durante una battuta di pesca a strascico del motopeschereccio Nuovo Vincenzo Padre. Successivamente i panetti integri – 57 in tutto poi suddivisi all’interno di alcuni zaini – vennero portati sulla terra ferma con l’intento di «piazzare la droga sul mercato di Lampedusa», si legge nei documenti. A prenderne una parte considerevole sarebbe stato Ignazio Umberto Blandina, 60 anni, già condannato nel processo con rito abbreviato ma diventato uno dei collaboratori chiave per il proseguo dell’inchiesta. Tra le modalità utilizzate per il trasferimento della droga ci sarebbe stata anche quella che prevedeva il ritiro di un sacco nero posizionato vicino a dei bidoni della spazzatura in contrada Terranova. Il secondo carico di droga recuperato a largo delle coste sarebbe stato intercettato dalla motonave Valeria II.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]