Continuità e Predittività

Guidare distrae la vista da banalità eppure importanti, come potrebbero essere le strisce che dividono le corsie di una strada. Importanti, certo, nella loro funzione che, non sempre a dire il vero, evita schianti fastidiosi, specie per chi non ha alcuna intenzione di subire le conseguenze di un incidente. Banali strisce se considerate nella loro essenza, nella loro dimensione spazio-temporale.

Guidare di notte, in una strada extramoenia, senza alcun intento illuminativo nei progetti di qualche amministrazione comunale, colloca poi la strada in questione in una dimensione onirica. È una strada che potrebbe esistere e potrebbe non esistere, ma a noi interessa solo nel momento in cui esiste, o meglio nel momento in cui la sua esistenza permette di recarci da un luogo a un altro, magari evitando spiacevoli incontri o scontri che le code di altre strade trafficate a volte procurano.

Cioè, l’esistenza è da rapportare all’uso che noi facciamo di una determinata res. Se è vero, però, che la libertà non si misura dall’assenza di regole, ma dall’eccedenza che offre numerose contingenze, ecco come non si può spiegare la carenza di beni strutturali che ci attanaglia. Non è difficile, perché la formula non è diversa dalla disputa secolare sull’anzianità da accordare all’uovo o alla gallina. Uso le strade perché ci sono o le strade ci sono perché le uso?

E lo stesso dilemma può estendersi a qualsiasi oggetto dell’ambiente terrestre, fino a giungere alle citate banali importanti strisce.
Giorgio Manganelli, – cito da Gianni Bonina, – riporta il discorso dell’esistenza a due categorie temporali: presente e futuro. “Senza il futuro come categoria il presente si sbriciola”, o meglio il presente è classificabile, e quindi tale, solo se considerato dalla parte del futuro, del non-ancora. Il presente stesso potrebbe essere tutto ciò che non è ancora avvenuto, ma che avviene, e pertanto della stessa natura del futuro.

È questo l’unico modo per salvare l’individualità nel tempo. La definizione del presente in rapporto al futuro è applicabile solamente ai periodi storici, o meglio al generale, e non alla singolarità. La condizione mortale dell’uomo impedisce infatti, almeno alla persona stessa, una propria collocazione nel presente-futuro, e lo destina all’inesistenza. All’invisibilità, che la letteratura aveva già sperimentato nelle città calviniane, ben dieci anni prima dell’intervento di Manganelli. Il presente di Marco Polo inciampa nell’impossibilità di varcare le soglie temporali, nonostante i riferimenti letterari adottati da Calvino iscrivano nella realtà irreale le città invisibili del testo.

Insomma, le utopie citate da Calvino, in quanto future, rendono presenti le città del regno di Kublai Kan. Città oniriche, “luoghi di sogni”, per tornare a Manganelli, votate all’esistenza o all’inesistenza, banali, importanti. Ma basta un’utopia alla realtà? E se l’utopia non può che rivolgersi al futuro, perché dovrebbe giustificare il presente? Forse, e questa potrebbe essere la risposta, nel presente possiamo già trovare il pezzo di futuro, costruire il nostro pezzo di futuro, che ci permette di avvertire il 2005 già nel 2005. Per quanto riguarda i percorsi mentali destinati a legare infiniti punti dello spazio, c’è ancora da lavorare sull’utopia affinchè il presente li preveda tra le grandi opere pubbliche.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]