Raffaele e Toti Lombardo in aula per voto di scambio «Incontro tra il consigliere Mirenda e il cognato del boss»

Ci sono le intercettazioni telefoniche e ambientali. Gli spunti investigativi di due collaboratori di giustizia di primo piano ma anche numerosi servizi d’osservazione. È il 6 maggio del 2013, qualche settimana prima delle ultime elezioni comunali a Catania, quando la Squadra mobile monitora un incontro avvenuto in una traversa del quartiere di San Cristoforo tra Ernesto Privitera e l’attuale consigliere comunale, eletto in quota autonomista, Maurizio Mirenda (non indagato nell’ambito di questo procedimento e che abbiamo provato a contattare per una replica, senza successo, ndr). L’appuntamento viene raccontato da Alessandro Drago, investigatore della squadra mobile etnea sentito come testimone nel processo per voto di scambio semplice a carico dell‘ex presidente della Regione Raffaele e del figlio, l’onorevole regionale Toti Lombardo. «Avvenne a casa di Nino Balsamo (detto Cicaledda, ndr), che sapevamo essere agli arresti domiciliari, già sorvegliato speciale con precedenti per riciclaggio, furto aggravato e associazione a delinquere». 

Un personaggio conosciuto nell’ambiente malavitoso con parentele importanti, come confermato e sottolineato durante il processo su input dei magistrati Rocco Liguori e Lina Trovato. La sorella è infatti Tina Balsamo, arrestata nel febbraio 2014 nell’inchiesta della Dia denominata Prato verde, perché ritenuta dagli inquirenti, come si legge nell’ordinanza di custodia cautelare, «la donna a cui tutti gli affiliati si rimettevano per risolvere le questioni più delicate e la quale a sua volta faceva da tramite con il marito detenuto». Il marito è Orazio Privitera, uomo d’onore e boss di primo piano del clan Cappello – Bonaccorsi, arrestato nel 2010, attualmente recluso al carcere duro e condannato nel processo di primo grado Revenge per tre omicidi.

Non solo le regionali di ottobre 2012 e le politiche dell’inizio del 2013. Le indagini sul presunto voto di scambio nella città di Catania si sono quindi allargate anche al periodo relativo alle elezioni comunali di maggio – di recente oggetto dell’attenzione del presidente della Commissione antimafia Nello Musumeci e di quella nazionale presieduta da Rosy Bindi – che hanno sancito la vittoria del sindaco Enzo Bianco.

Con i Lombardo, accusati di voto di scambio semplice ci sono altre tre persone: l’ex consigliere della prima municipalità in quota Mpa Ernesto Privitera e due suoi parenti, Angelo Marino e Giuseppe Giuffrida. Secondo la ricostruzione dell’accusa, Privitera si sarebbe adoperato per l’assunzione dei due familiari. Uno di questi, Giuseppe Giuffrida, venne assunto dopo le regionali nella società Ipi srl, impegnata con la Oikos spa nel servizio di nettezza urbana nella città etnea. 

Le attenzioni investigative si focalizzarono sui cosiddetti «collettori di voti nei vari quartieri di Catania». Personaggi, alcuni già noti alle forze dell’ordine, come Gianfranco (detto Francesco) D’Aquino, eletto nel 2008 come consigliere della prima municipalità nella lista Autonomia Sud e fratello di Gaetano D’Aquino, ex reggente del clan dei Cappello poi diventato collaboratore di giustizia. Uomini che avevano il compito di procacciare voti. «C’era anche Pantellaro – prosegue il teste – fratello di Giovanni Pantellaro (detto Giocattolo, ndr) pentito dei Cappello». Tra i verbali finiti nell’inchiesta generale della squadra mobile ci sono anche le dichiarazioni di un altro collaboratore, Vincenzo Pettinati.

Al centro del processo sono finite centinaia di intercettazioni telefoniche. Ben 369 chiamate ad esempio vennero ascoltate tra Sebastiano D’Arrigo, addetto alla segreteria autonomista ed ex consigliere comunale dell’Udc (non indagato in questo procedimento, ndr) e Toti Lombardo. «Per ottenere riscontri alle intercettazioni – puntualizza Drago in aula – facevamo i servizi d’osservazione». Da quelli effettuati nei pressi della segreteria dell’Mpa di via Pola fino a quello eseguito alla zona industriale in un magazzino della Ipi. «In quell’occasione – racconta Drago – andarono Marino ed Ernesto Privitera. Depositarono della documentazione per l’assunzione di Giuffrida».    

Dalle intercettazioni, riprese da Drago, emergono anche presunti interessi riguardo i lavori in corso nella città di Catania, dal porto all’ospedale San Marco di Librino. «Al porto le società che operavano per la realizzazione della nuova darsena erano la Uniter consorziata con TecnisPavesi, BoscoSilmar srl mentre nel nosocomio San Marco sempre la Tecnis indicata come capogruppo. La direzione dei lavori di quest’ultima era affidata a Carmelo Leone, più volte menzionato nelle intercettazioni tra Ernesto Privitera e Giuffrida».


Dalla stessa categoria

I più letti

Riprende il processo all'ex governatore siciliano e al figlio deputato regionale. Protagonista a sorpresa della testimonianza di un investigatore della squadra mobile etnea è stato però il consigliere comunale Maurizio Mirenda, intercettato durante un incontro poco prima delle elezioni a casa di Nino Balsamo, agli arresti domiciliari, con precedenti per riciclaggio, furto aggravato e associazione a delinquere

Riprende il processo all'ex governatore siciliano e al figlio deputato regionale. Protagonista a sorpresa della testimonianza di un investigatore della squadra mobile etnea è stato però il consigliere comunale Maurizio Mirenda, intercettato durante un incontro poco prima delle elezioni a casa di Nino Balsamo, agli arresti domiciliari, con precedenti per riciclaggio, furto aggravato e associazione a delinquere

Riprende il processo all'ex governatore siciliano e al figlio deputato regionale. Protagonista a sorpresa della testimonianza di un investigatore della squadra mobile etnea è stato però il consigliere comunale Maurizio Mirenda, intercettato durante un incontro poco prima delle elezioni a casa di Nino Balsamo, agli arresti domiciliari, con precedenti per riciclaggio, furto aggravato e associazione a delinquere

Riprende il processo all'ex governatore siciliano e al figlio deputato regionale. Protagonista a sorpresa della testimonianza di un investigatore della squadra mobile etnea è stato però il consigliere comunale Maurizio Mirenda, intercettato durante un incontro poco prima delle elezioni a casa di Nino Balsamo, agli arresti domiciliari, con precedenti per riciclaggio, furto aggravato e associazione a delinquere

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]