Consiglio, Maurizio Mirenda aderisce a Catania futura Capogruppo: «Felice di avere un altro componente»

«Colgo l’occasione per annunciare la mia adesione al gruppo
Catania futura». Ad affermarlo, in occasione dell’ultimo Consiglio comunale del 2016, è Maurizio Mirenda. Il rappresentante cittadino è uscito da Grande Catania la scorsa estate «con un grande rammarico soprattutto nei confronti del mio presidente Lombardo (Raffaele, ndr) e dei colleghi consiglieri che stimo molto ma non condivido più la linea politica del partito», spiegava Mirenda. Che dopo circa sei mesi – tra lo stupore dell’Aula – approda al movimento che si rifà a livello regionale al deputato dell’Ars Nicola D’Agostino e che conta tra i suoi ispiratori Nico Torrisi, vicepresidente nazionale di Federalaberghi, ex assessore della giunta del governatore Rosario Crocetta e attuale amministratore delegato della Sac

L’avvicinamento di Mirenda al gruppo guidato da
Carmelo Coppolino all’interno dell’aula consiliare di Palazzo degli elefanti si vociferava già tempo fa. Salvo venire smentito da più parti. Oggi diviene ufficiale con la dichiarazione spontanea, a inizio riunione. «Avremo un peso maggiore, da tre diventiamo quattro. Mirenda ha detto di avere avuto modo di seguirci negli anni e di essersi appassionato alla nostra iniziativa politica attenta e critica», spiega il capogruppo Coppolino a MeridioNews. «Gli auguriamo un buon lavoro. Ci ha riferito di volere essere la voce critica delle periferie, essendo molto vicino al territorio», prosegue. 

Il gruppo adesso aggiunge un quarto componente che si unisce ad
Agatino Lanzafame, Carmelo Spataro e Coppolino stesso. «Siamo felici di avere un altro consigliere», riferisce il capogruppo. Maurizio Mirenda è stato eletto nel 2013 in quota autonomista, raccogliendo 1296 preferenze. Quando cioè è risultato il secondo più votato della lista Grande Catania. Il suo nome – accanto a quello di altri sette colleghi – è finito nella relazione della commissione regionale Antimafia presieduta da Nello Musumeci per le presunte ombre di Cosa nostra nel Consiglio catanese. Un passato che Coppolino commenta con queste parole: «Fino a oggi non mi sento di fare il censore, né di dire questo consigliere lo voglio e questo no. Facciamo politica, non facciamo interessi, il nostro è un potere di controllo e di critica costruttiva all’amministrazione». E «parlo a livello generale», conclude.

«
Non è stata una cosa pensata oggi, assolutamente no – dichiara Mirenda a MeridioNews – Quando sono andato via da Grande Catania non avevo pensato di andare a Catania futura». Ma lo stupore dei suoi colleghi non lo condivide: «È chiaro che non si aderisce così, senza che nessuno ne sappia niente, questo è naturale – prosegue il consigliere – Non si deve chiedere il permesso a nessuno, deve esserci una condivisione sui punti del programma. Io apprezzo molto l’operato dell’onorevole Nicola D’Agostino. Non sono il primo né sarò l’ultimo che esce da un gruppo per aderire a un altro. Mi auguro, però, che la condivisione coi miei colleghi sia vera».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]