Comunali Catania, i preparativi per la partita a scacchi nei “centridestre” in cui nessuno fa la prima mossa

Nei centridestre catanesi (plurale inventato per rendere meglio il concetto di pluralità dentro il centrodestra) ci si sta preparando per giocare a scacchi in vista delle elezioni comunali di maggio. La partita vera, almeno alla luce dei riflettori, non è ancora iniziata solo perché nessuno vuole fare la prima mossa: c’è chi non muove per non svelarsi, chi per non intimorire uno pseudo futuro alleato che al momento vede come avversario. E non è ancora chiaro nemmeno chi siederà al tavolo da giocatore titolare in una partita che non è solo locale ma di livello regionale e nazionale. Nella migliore delle situazioni, ognuno vorrebbe portare il proprio candidato ma ci sono partiti in cui la sfida è anche interna.

È il caso di Fratelli d’Italia con un’ala che punterebbe su Ruggero Razza. «Non tanto per lui, quanto contro qualcun altro», ammettono dall’ambiente senza fare nomi. Anche perché non ce n’è bisogno. È lapalissiano che il «qualcun altro» contro cui schierare il nome dell’ex assessore regionale alla Salute è Salvo Pogliese. L’ex sindaco di Catania (sospeso per effetto della legge Severino dopo essere stato condannato in primo grado per peculato), che oggi siede in Senato, e che vorrebbe proporre la candidatura di almeno uno dei componenti della sua vecchia giunta: Sergio Parisi o Pippo Arcidiacono. Giorgia Meloni, però, da leader di FdI, guarderebbe con più interesse a Razza (o a chi per lui). Qualche frizione per la divisione ci sarebbe, anche se a smentire e a stemperare i toni ci ha provato una nota del deputato nazionale di Fratelli d’Italia Francesco Ciancitto. «Sono fatti e circostanze che non esistono – sostiene – in un partito che ha scelto la meritocrazia e l’assenza di correnti come regola di organizzazione interna». A guardare con favore a Razza sarebbero anche gli autonomisti. Almeno fino al giorno in cui arriverà la sentenza in Cassazione del processo che vede imputato per concorso esterno in associazione mafiosa e voto di scambio aggravato l’unico uomo che sarebbe spendibile per l’Mpa, l’ex presidente della Regione Raffaele Lombardo che è già stato assolto nell’ultimo processo d’Appello.

Più chiaro il quadro sembra nella parte più a destra del centro. Dove, da quando si parla di elezioni, è a un solo nome e cognome che si lega la candidatura per la poltrona più importante di Palazzo degli elefanti: quello di Valeria Sudano. La deputata di Prima l’Italia che avrebbe più di un punto a proprio favore agli occhi del leader della Lega Matteo Salvini che al capoluogo etneo tiene in modo particolare, anche a fronte del mezzo milione di euro a fondo perduto dato in tempi non sospetti per rifiatare dal dissesto. «Mi ha detto chiaramente che crede molto in lei – dichiara a MeridioNews il coordinatore provinciale Fabio Cantarella – e che porterà il suo nome sul tavolo delle trattative nazionali». Una fiducia che poggerebbe su diversi aspetti. «Innanzitutto sarebbe la prima donna sindaca di Catania e questo già scriverebbe una parte di storia; poi perché, nonostante sia giovane, ha già maturato una importante carriera politica che le consente di avere una solida struttura alle spalle». Un terzo elemento sarebbe il fondamentale sostegno del compagno di vita e vicepresidente della Regione Luca Sammartino. Alle regionali, nel 2017 era stato il re delle preferenze con il Pd, mentre all’ultimo appuntamento ha collezionato 20.931 voti, nonostante i due processi a suo carico per corruzione elettorale. Bisognerà capire però se dentro il centrodestra si troverà la quadra davanti questa possibile asse di potere lungo la rotta Catania-Palermo.


Dalla stessa categoria

I più letti

Nei centridestre catanesi (plurale inventato per rendere meglio il concetto di pluralità dentro il centrodestra) ci si sta preparando per giocare a scacchi in vista delle elezioni comunali di maggio. La partita vera, almeno alla luce dei riflettori, non è ancora iniziata solo perché nessuno vuole fare la prima mossa: c’è chi non muove per […]

Nei centridestre catanesi (plurale inventato per rendere meglio il concetto di pluralità dentro il centrodestra) ci si sta preparando per giocare a scacchi in vista delle elezioni comunali di maggio. La partita vera, almeno alla luce dei riflettori, non è ancora iniziata solo perché nessuno vuole fare la prima mossa: c’è chi non muove per […]

Nei centridestre catanesi (plurale inventato per rendere meglio il concetto di pluralità dentro il centrodestra) ci si sta preparando per giocare a scacchi in vista delle elezioni comunali di maggio. La partita vera, almeno alla luce dei riflettori, non è ancora iniziata solo perché nessuno vuole fare la prima mossa: c’è chi non muove per […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]