Regionali 2017, Sammartino nuovo re delle preferenze «Scritta la storia». Ma ai precedenti manca il lieto fine

Più dell’attuale presidente della Regione, Nello Musumeci, ai tempi della sua candidatura a deputato. Più del suo padrino, ormai scomparso, Lino Leanza. Più del recordman dal 2006 Antonello Antinoro. Più della metà, da solo, dei voti all’intera lista Pd a Catania. Meglio di lui, a fare miracoli con una scheda da un’unica preferenza, c’è chi ricorda un solo nome che passa lo Stretto: Giulio Andreotti. È Luca Sammartino il nuovo re delle recenti Regionali siciliane, con i suoi 32.280 consensi. Sbaraglia i suoi principali avversari del Partito democratico: Anthony Barbagallo si ferma a 13.940 preferenze, Angelo Villari è ancora più giù con 11.017 voti. È così che Sammartino conferma quello che già si sussurrava da tempo: la scalata ai dem in provincia di Catania è conclusa. E Articolo 4 ha fagocitato il Pd, lasciandosi alle spalle – staccati di poco meno di una decina di migliaia di voti – quello che ne restava. Ma al «dentista di professione, politico per passione», come lui stesso si definisce, è riuscita un’impresa più complicata. Sedere sul trono più ambito di Sicilia, quella del più votato tra i candidati all’Ars. Una corona che però sembra pesare. O quanto meno non portare particolare fortuna a giudicare dai precedenti.

Il record delle ultime elezioni regionali finora apparteneva al palermitano Antonello Antinoro, eletto nelle file dell’Udc nel 2006 con 30.202 preferenze. Scese a 28mila e spicci due anni dopo, quando ricopre anche la carica di assessore ai Beni culturali nella prima giunta di Raffaele Lombardo. Un precedente che però non pare brillare: nel 2009 Antinoro viene accusato di voto di scambio politico-mafioso. Un processo che – tra alterne vicende, racconti di pentiti e persino la costituzione di parte civile della presidenza della Regione siciliana -, si è chiuso solo a marzo di quest’anno con l’assoluzione in Cassazione. Un destino condiviso con l’altro uomo preferito di quella tornata elettorale, ancora una volta palermitano e in quota Udc: l’onorevole Nino Dina, 25.580 voti nel 2006, pochi meno nel 2008. Per lui, proprio poche settimane fa, il tribunale di Palermo ha disposto la sorveglianza speciale perché ritenuto socialmente pericoloso a causa dei suoi presunti rapporti con Cosa nostra

E non va meglio a guardare a chi detiene il record di preferenze catanesi nelle ultime tre tornate Regionali. Il reuccio etneo è Angelo Lombardo, fratello dell’ex governatore Raffaele. Sempre nel 2006, in lista Mpa, è su di lui che convergono 25.389 voti. Scesi a 18mila due anni dopo, alle Regionali dell’aprile 2008. Data importante nella sua storia politica e personale. Negli stessi giorni, infatti, Lombardo corre per le Politiche e sceglie proprio il posto alla Camera anziché quello all’Ars. Elezione fatale che, qualche anno dopo, si trasforma in un’indagine per concorso esterno alla mafia e voto di scambio. Processo in un primo momento condiviso con il fratello Raffaele, che però ha scelto il rito abbreviato. Da allora Angelo affronta le accuse da solo, in una serie di udienze di primo grado che si succedono pigramente.

Adesso che è nuovo campione di preferenze, sembrano lontani i giorni in cui Luca Sammartino insieme alla compagna di vita e di partito Valeria Sudano e al catenoto Pippo Nicotra racimolavano quella che ora sembra una miseria: 24.100 voti, tutti insieme. Erano le elezioni del 2012 e l’astro nasceva. Numeri che, in quel Partito democratico che adesso tiene grazie a lui, non si sono mai visti. Basti pensare che i trascinatori dei dem, nel 2008, erano Giovanni Barbagallo e Concetta Raia, entrambi fermi sotto le diecimila preferenze. E senza contare che, quando le urne hanno deciso che il governatore sarebbe stato Rosario Crocetta, tutto il Pd in provincia di Catania ha portato a casa 45.622 voti. La distanza di oggi col passato è siderale. «Questa sera abbiamo scritto la storia», dice Luca Sammartino dal suo comitato elettorale in via Gabriele D’Annunzio. Il clima è quello della notte di Capodanno: solo che, invece del tempo che manca alla mezzanotte, si contano le migliaia di voti al ritmo di I love you baby. Un tormentone che – tra baci, abbracci, sudore e alcool – diventa: «Il-più-vo-taaa-to, la la la la la la, il più votaaato…».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]