La commissione antimafia in missione nella città natale di Messina Denaro. «Lavoreremo su logge massoniche»

La prima riunione della commissione regionale antimafia fuori dal palazzo del Normanni è stata nel territorio che un tempo è stato il feudo di Matteo Messina Denaro: la sua città natale, Castelvetrano, in provincia di Trapani. Una missione dell’antimafia regionale per andare a incontrare gli amministratori locali del territorio d’origine del boss stragista che, dopo una latitanza durata trent’anni, è stato arrestato la mattina di lunedì 16 gennaio nella clinica privata La Maddalena di Palermo. «Non a caso siamo qui», ha detto il presidente Antonello Cracolici, accolto a palazzo Pignatelli dal sindaco Enzo Alfano.

La commissione ha incontrato il comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza guidato dalla prefetta Filippina Cocuzza: «Il mio auspicio – ha detto – è quello che ora ci sia un risveglio della società civile, grazie a questi puntelli che le istituzioni mettono. La società civile deve comprendere che non c’è più quell’alone che c’è stato finora». Anche il questore di Trapani Salvatore La Rosa ha ribadito la necessità di «mantenere alta l’attenzione, con la speranza che ora ci siano delle risposte soprattutto da parte della politica». I lavori si siano svolti a porte chiuse, ma tra le tematiche affrontate c’è stato il nodo del rapporto tra borghesia mafiosa e massoneria. «Dalla riunione con il comitato – ha dichiarato Cracolici – è emerso che le prefetture non conoscerebbero bene il numero delle logge massoniche presenti in tutto il Paese. Come commissione regionale antimafia, approfondiremo la questione». Membro della massoneria era pure Alfonso Tumbarello, il medico di base che aveva in cura prima il vero Andrea Bonafede (il geometra da cui il boss avrebbe preso in prestito l’identità) e poi il suo alias Matteo Messina Denaro. Dopo essere stato indagato nell’ambito dell’arresto del boss, il camice bianco è stato sospeso dalla massoneria.

Dopo l’arresto del boss, l’attenzione degli investigatori si sta concentrando sulla rete dei fiancheggiatori: «Se l’arresto di Messina Denaro ha chiuso una stagione, ora se n’è aperta un’altra: cioè quella che il procuratore Maurizio De Lucia ha chiamato “borghesia mafiosa“, fatta da tante persone sconosciute, capaci di essere sul terreno dell’illegalità, quella rete di connivenza con la classe dirigente sui territori», ha sottolineato Cracolici. Altro tema sul quale la commissione ha discusso è stato quello dei beni confiscati e della loro gestione. «Una giungla dove bisogna prima capire e poi intervenire», ha chiosato il presidente. La commissione ha poi incontrato i 25 sindaci della provincia di Trapani, che hanno chiesto sostegno e vicinanza. «La caccia al boss, durata 30 anni, può intendersi come una partita. C’è un primo tempo in cui lui ha avuto il favore della latitanza per tutti questi anni ma ora è arrivato il secondo tempo in cui lo Stato sta ribaltando il risultato», ha detto il sindaco di Campobello di Mazara Giuseppe Castiglione.

Nel paese a pochi chilometri da Castelvetrano sono stati scoperti i covi dove, almeno nell’ultimo periodo, ha vissuto il boss che avrebbe goduto di una vasta rete di coperture. «I cittadini possono acquisire più fiducia nello Stato quando questo si manifesta con azioni concrete, tangibili. E questo deve avvenire rafforzando anche caserme e commissariati, soprattutto nelle città fortemente inquinate dalla mafia», ha detto ancora Castiglione. Intanto proprio a Campobello di Mazara proseguono gli accertamenti dei carabinieri nel covo del boss in vicolo San Vito. I Ris, con l’utilizzo di un apparecchio sonar, scandagliano centimetro per centimetro le pareti a caccia di eventuali vani nascosti. Altri uomini dell’arma muniti di martello pneumatico forano il pavimento alla ricerca di nascondigli sotterranei


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

La prima riunione della commissione regionale antimafia fuori dal palazzo del Normanni è stata nel territorio che un tempo è stato il feudo di Matteo Messina Denaro: la sua città natale, Castelvetrano, in provincia di Trapani. Una missione dell’antimafia regionale per andare a incontrare gli amministratori locali del territorio d’origine del boss stragista che, dopo una latitanza […]

La prima riunione della commissione regionale antimafia fuori dal palazzo del Normanni è stata nel territorio che un tempo è stato il feudo di Matteo Messina Denaro: la sua città natale, Castelvetrano, in provincia di Trapani. Una missione dell’antimafia regionale per andare a incontrare gli amministratori locali del territorio d’origine del boss stragista che, dopo una latitanza […]

La prima riunione della commissione regionale antimafia fuori dal palazzo del Normanni è stata nel territorio che un tempo è stato il feudo di Matteo Messina Denaro: la sua città natale, Castelvetrano, in provincia di Trapani. Una missione dell’antimafia regionale per andare a incontrare gli amministratori locali del territorio d’origine del boss stragista che, dopo una latitanza […]

La prima riunione della commissione regionale antimafia fuori dal palazzo del Normanni è stata nel territorio che un tempo è stato il feudo di Matteo Messina Denaro: la sua città natale, Castelvetrano, in provincia di Trapani. Una missione dell’antimafia regionale per andare a incontrare gli amministratori locali del territorio d’origine del boss stragista che, dopo una latitanza […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]