Anche la commissione Antimafia sul caso ambulanze private. Prima audizione con assessora Volo

Al momento le commissioni parlamentari all’Assemblea regionale siciliana sono ferme, lo resteranno fino al termine delle elezioni amministrative che coinvolgono una buona fetta di Comuni siciliani, tra cui capoluoghi importanti come Catania, Siracusa e Ragusa. Una volta espletato l’appuntamento politico, la commissione regionale Antimafia guidata da Antonello Cracolici ha già stilato la lista delle priorità, una su tutte, quella del caso delle ambulanze private, sempre più spesso coinvolte, insieme alle onlus che le gestiscono, in vicende non proprio trasparenti, con legami talvolta accertati con la criminalità organizzata. In realtà, la lente dell’Antimafia regionale si è già posata da tempo sulla questione, convocando l’assessora alla Salute Giovanna Volo per una prima audizione. Un incontro che potrebbe avere un seguito dopo la ripresa dei lavori.

L’ultima vicenda su cui ha indagato la magistratura è quella che ha riguardato la Facility Service, onlus le cui autorizzazioni sono al momento in stand by dopo essere stata sospesa dall’albo della protezione civile. Tra il 2018 e il 2020 ha visto impennare vertiginosamente il numero dei suoi interventi. L’associazione di volontariato di via Antonio Marinuzzi, a Palermo, vede al suo vertice Alessandro Nicolosi, parente stretto della moglie di Filippo Graviano, ‘u Baruni, fratello maggiore di Giuseppe Graviano e reggente, fino al momento dell’arresto, del mandamento mafioso di Brancaccio. Dalle carte degli inquirenti risulta persino che con uno dei mezzi intestato alla Facility si sia spostato persino Settimo Mineo, l’uomo indicato da Cosa nostra per guidare la ricostituita commissione provinciale, prelevato nella sua gioielleria di corso Tukory da una Fiat Panda alla cui guida c’era lo stesso Nicolosi. Un passaggio documentato interamente dagli inquirenti che indagavano sulle nuove evoluzioni di Cosa nostra.

Una questione spinosa quella del volontariato, ideale per stendere un velo di insospettabilità sugli affari dei clan. Non più una semplice guerra dei santini, con gli addetti delle varie onlus pronti a strappare i biglietti da visita della concorrenza sparsi per reparti e Pronto soccorso degli ospedali siciliani per soppiantarli con quelli del proprio datore di lavoro, talvolta camuffati proprio da santini, con immagini sacre a tutta facciata che celano un retro smaccatamente pubblicitario, per sfuggire ai vari repulisti. Si tratta di un vero e proprio business, talvolta condiviso al grido di «ci dobbiamo buscare il pane», frase pronunciata da un emissario della famiglia di Altarello, intercettato mentre chiedeva al boss Michele Sciarabba, capo della famiglia di Misilmeri, un’equa distribuzione del lavoro presso gli ospedali, che comprendesse anche la onlus vicina alla sua consorteria.

E a confermarlo ci sono state anche le parole di quello che è l’ultimo dei grandi pentiti di mafia, Filippo Bisconti, capo mandamento di Belmonte Mezzagno, finito in manette proprio nell’operazione che mise fine alla carriera di comando di Settimo Mineo. A colloquio con i magistrati, Bisconti non ha usato mezze parole, confermando non solo la smania di entrare negli ospedali palermitani di Fabio Luigi Scimò, tuttofare della famiglia di corso dei Mille, attualmente in carcere, condannato a oltre 22 anni di reclusione, ma anche le fastidiose ingerenze del clan Lo Iacono di Bagheria, pronto a mettere le mani sull’affare dei dializzati. In questo scenario si inserirà il lavoro della commissione Antimafia, che pur non avendo poteri inquisitori o sanzionatori, mai come ora può portare a risultati efficaci, visto il suo ruolo di indirizzo nella produzione di norme che – quanto meno ci si augura – potranno regolarizzare un mercato quanto mai fiorente e troppo spesso inquinato da interessi criminali.


Dalla stessa categoria

I più letti

Al momento le commissioni parlamentari all’Assemblea regionale siciliana sono ferme, lo resteranno fino al termine delle elezioni amministrative che coinvolgono una buona fetta di Comuni siciliani, tra cui capoluoghi importanti come Catania, Siracusa e Ragusa. Una volta espletato l’appuntamento politico, la commissione regionale Antimafia guidata da Antonello Cracolici ha già stilato la lista delle priorità, […]

Al momento le commissioni parlamentari all’Assemblea regionale siciliana sono ferme, lo resteranno fino al termine delle elezioni amministrative che coinvolgono una buona fetta di Comuni siciliani, tra cui capoluoghi importanti come Catania, Siracusa e Ragusa. Una volta espletato l’appuntamento politico, la commissione regionale Antimafia guidata da Antonello Cracolici ha già stilato la lista delle priorità, […]

Al momento le commissioni parlamentari all’Assemblea regionale siciliana sono ferme, lo resteranno fino al termine delle elezioni amministrative che coinvolgono una buona fetta di Comuni siciliani, tra cui capoluoghi importanti come Catania, Siracusa e Ragusa. Una volta espletato l’appuntamento politico, la commissione regionale Antimafia guidata da Antonello Cracolici ha già stilato la lista delle priorità, […]

Al momento le commissioni parlamentari all’Assemblea regionale siciliana sono ferme, lo resteranno fino al termine delle elezioni amministrative che coinvolgono una buona fetta di Comuni siciliani, tra cui capoluoghi importanti come Catania, Siracusa e Ragusa. Una volta espletato l’appuntamento politico, la commissione regionale Antimafia guidata da Antonello Cracolici ha già stilato la lista delle priorità, […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]