Club privato o Università?

Sembrava di provare ad entrare in un club privato per una sfilata di moda (considerata quella del “corteo storico” dei rappresentanti delle
Facoltà e del Senato Accademico) invece ci si accingeva ad un luogo pubblico. Questa è una delle impressioni che, chi ha assistito sabato 19 mattina all’inaugurazione dell’anno accademico 2004/2005 svoltosi nell’Aula Magna del Monastero dei Benedettini a Catania, ha avuto.

E’ proprio così. Bisognava essere muniti di pass o invito per poter entrare e si veniva respinti da un rappresentante delle forze dell’ordine se in mancanza di esso.
Ci si chiede se ad un evento che riguarda in maggior modo gli studenti e le studentesse dell’Ateneo non si possa partecipare o assistere relegati in una stanzetta tramite dei televisori.
A tal punto, si poteva trasmettere in diretta televisiva grazie a qualche emittente locale e ci si restava comodamente a casa e, forse, senza malumori. 

Ma non finisce qui. Infatti, c’è chi entrava, come si usa fare frequentemente nei locali privati, grazie alla raccomandazioni, alle amicizie o perchè si rappresentava una pseudofigura istituzionale o accademica.
Ovviamente non potevano mancare i vari politici e politicanti che venuti soltanto per farsi riprendere dalle telecamere dei vari telegiornali e poi, dopo il discorso del Magnifico Rettore, sono scappati via come se non ci fossero mai stati, a dimostranza dell’interesse per il mondo universitario da parte della politica.

Va bene, forse era sabato mattina e molti studenti fuori-sede non si trovano a Catania e quindi non potevano venire; forse con lo stato di agitazione che c’è in questi giorni da parte del personale tecnico-amministrativo e dei ricercatori, anche i giovani studenti hanno voluto essere solidali nei loro confronti e quindi non si sono fatti vedere; forse si potrà essere svogliati o disinteressati a ciò che succede nel mondo universitario pur facendone parte, ma tutto questo non implica il fatto che bisogna avere un invito per poter partecipare ad una cerimonia che riguarda in primo luogo i ragazzi frequentanti l’Università.
Durante la cerimonia d’inaugurazione si è tanto parlato del ruolo principale e fondamentale degli studenti dell’Ateneo catanese ma ciò che è successo invita giovani e meno giovani a riflettere.

570 anni son passati dalla fondazione dell’Ateneo, ma quella che dovrebbe essere la culla della cultura e della conoscenza “comune”, come si era pure ribadito sabato mattina, sembra ancora arenato in vecchie mentalità fatte di clientelismo élitario che i giovani vorrebbero vedere cambiate.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]