Cittadella legalità, dibattito al Duca degli Abruzzi «Ogni giorno si deve scegliere da che parte stare»

Un percorso di educazione alla cittadinanza attiva, solidarietà e legalità grazie al progetto Students Lab. Sono queste le tree linee guida dell’evento denominato Cittadella della legalità, che si colloca nel quadro dell’alternanza scuola-lavoro. A promuovere la manifestazione, che prevede dal 21 al 23 marzo dibattiti e laboratori per coinvolgere i giovani nella realtà che vivono ogni giorno, è Igs srl-Impresa sociale, azienda specializzata nella gestione dei percorso formativi attraverso la metodologia del learning by doing, ovvero imparare attraverso il fare coinvolgendo studenti di istituti diversi. Nel capoluogo etneo la tre giorni prevede tra l’altro visite al centro storico, workshop e un seminario sul tema della legalità in ambito artistico, stradale, del rispetto dei diritti umani e lotta alla mafia. 

A ospitare quest’ultimo evento è stato l’istituto nautico Duca degli Abruzzi con un centinaio di studenti che oggi si sono radunati nei locali dell’aula magna. Con loro c’erano anche i rappresentanti di alcune associazioni cittadine impegnate nel sociale. Da Libera, passando per l’associazione per i consumatori Codici, fino a Obiettivo per la legalità e Talità Kum che opera ogni giorno nel quartiere periferico di Librino. «Delle volte sembra che la legalità debba essere usata soltanto per le ricorrenze ma in realtà tutti noi siamo chiamati ogni giorno a decidere da che parte stare», spiega Manfredi Zammataro alla platea che affolla l’aula. L’avvocato penalista etneo è il segretario regionale dell’associazione Codici: «Noi ci occupiamo di tutelare consumatori e utenti, gli stessi che non possono demandare il rispetto della legge alla sola azione delle forze dell’ordine».

Accanto a Zammataro c’è Renato Camarda, dell’associazione Libera. Agli studenti illustra l’attività portata avanti dall’aggregazione voluta da don Luigi Ciotti nel 1995. Dall’impegno per ricordare le vittime innocenti della mafia fino alla gestione dei beni confiscati a Cosa nostra e all’attività di Libera terra, realtà ormai consolidata per la valorizzazione dei terreni strappati ai clan tramite il lavoro delle cooperative sociali associate. «Produciamo ottimi prodotti e tutta la manodopera è assunta regolarmente», spiega Camarda. Sempre a proposito di bene tolti alle cosche viene citato l’esempio della Geotrans. Il colosso dei trasporti su gomma un tempo gestito da Enzo Ercolano, figlio del defunto capomafia Pippo, e oggi in mano allo Stato. «Stiamo parlando del fratello di Aldo Ercolano, cioè colui che ha ordinato l’uccisione del giornalista Pippo Fava».

Tra i gradoni dell’aula magna del Duca degli Abbruzzi ci sono anche diverse insegnanti, ed è a loro che si rivolge Zammataro citando l’importanza della scuola e dell’istruzione sul tema della legalità. «Rispettare la legge significa non andare a cercare l’amico quando ci rubano il motorino ma scegliere di denunciare alle forze dell’ordine pur con la consapevolezza che difficilmente il mezzo verrà recuperato», spiega il penalista. Durante il dibattito viene proiettato anche Non è andata così, un corto realizzato nel quartiere di Librino nell’ambito del progetto Storie Zerolike. Sullo schermo viene narrata la storia di alcuni ragazzi che rischiano di diventare dei pusher alle dipendenze di Cosa nostra.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Entra nel vivo la tre giorni che si colloca nel quadro dell'alternanza scuola-lavoro. All'istituto nei pressi del lungomare etneo un confronto tra studenti e rappresentanti delle associazioni sul rispetto della legge e la lotta alla mafia. Ad alternarsi tra i relatori Libera, Codici, Obiettivo legalità e Talità Kum

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]