Cinisi, venerdì 13 la firma definitiva per il casolare Impastato: «Ci hanno fatto un bel regalo di Natale»

«Con una notizia del genere, così bella e soprattutto inaspettata, sarà davvero un buon Natale». Giovanni Impastato non ce la fa a trattenere l’entusiasmo. E non ha tutti i torti, a giudicare dalla comunicazione ufficiale arrivata nei giorni scorsi dalla Regione. Che invita i famigliari di Peppino Impastato e i volontari di Casa Memoria a presentarsi venerdì 13 dicembre all’Ars per firmare ufficialmente il protocollo d’intesa tra Regione e Città metropolitana, sulla scia dell’accordo firmato a settembre per recuperare il casolare dove il militante fu ucciso la notte del 9 maggio ’78. «Sicuramente è un fatto importante, ma soprattutto fa piacere perché è stato tutto molto tempestivo, non abbiamo dovuto aspettare mesi interi – osserva Giovanni -. Questo, credo, sia già un segnale forte di voler risolvere finalmente il problema». Compiendo il passo decisivo, quello dell’esproprio. Soluzione alla quale, in questi anni, il proprietario Giuseppe Venuti si è sempre opposto. Chiedendo, di contro, ai passati governi regionali che hanno tentato di trovare un compromesso sostenibile, cifre esorbitanti per convincersi a cedere quella proprietà, dichiarata bene di interesse culturale. 

Invece, l’accordo alla fine è arrivato. Ma anche questo è stato, in un certo senso, un risultato tribolato. Perché inizialmente, quasi in contemporanea, c’è stato da un lato il finanziamento di 106mila euro deciso dalla giunta regionale, che comporterà l’esproprio del casolare, dall’altro quello di 490mila di risorse europee sul quale si fonda il progetto del Comune di Cinisi insieme alla Città metropolitana, accorpati in seguito. Scongiurando, così, che i finanziamenti andassero persi. «Non credo che il proprietario possa opporsi – torna a dire Giovanni -. Subito dopo l’esproprio e l’incontro di venerdì inizieremo subito a lavorare. Organizzeremo immediatamente degli incontri per capire un po’ quello che dobbiamo realizzare, speriamo di potercela fare entro il 9 maggio. Non ci speravamo, visto tutti gli anni fatti passare per districare la vicenda, sono stati davvero veloci». Magari qualcuno, dopo 42 anni, s’è finalmente passato la mano sulla coscienza. Significa che potrebbero esserci dei margini per celebrare un 9 maggio finalmente diverso, per la prima volta da quando Peppino è stato ucciso.

«In questo modo potremo già fare il punto, discutere dei progetti in ballo e iniziare anche a utilizzare i finanziamenti concessi, sono tanti soldi e di sicuro si devono spendere. Dobbiamo stabilire come farlo. Comunque è davvero un buon Natale, quello di quest’anno, con una notizia del genere – ribadisce Giovanni -. Al netto di tutte le notizie che arrivano anche a livello nazionale, che non sono esattamente rassicuranti, il clima è quello che è, non solo a Palermo ma anche fuori dalla Sicilia si rincorrono le notizie di altri atti vandalici ricollegabili sempre alla figura di Peppino, sono state distrutte molte lapidi commemorative, hanno anche bruciato immagini e monumenti, un clima favorito da tutto quello che è successo», osserva con un filo di preoccupazione. Mentre procedono le indagini per l’incendio appiccato un mese fa all’interno della sua pizzeria, ritenuto di origine dolosa dagli inquirenti, che stanno al momento investigando. «Purtroppo non ci sono ancora grandi aggiornamenti. Le indagini sono in corso e non ho saputo più niente. Speravamo di poter aprire entro le feste, ma se ne parlerà invece l’anno prossimo – spiega Giovanni -. Più in là, se continueremo a non avere informazioni, potremo fare un esposto per chiedere un’accelerazione. Intanto, però, ci godiamo la bella notizia del casolare».   


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]