Chi aiuta gli sfrattati

«Sono state fornite opportune garanzie per le famiglie di Librino. Duecentocinquanta euro di buono casa. E un aiuto da parte dell’assistenza sociale per trovare un alloggio da affittare. Nel frattempo quelli che sono scesi in piazza a protestare, verranno alloggiati temporaneamente come gli altri. Questa è la cosa più importante che potevamo ottenere». Così Pierpaolo Montalto, legale delle famiglie del palazzo di cemento che hanno protestato al Duomo di Catania, fino allo scorso primo giugno. Montalto parla a Step1 dopo aver partecipato all’incontro, insieme a Emanuele Feltri del Centro Popolare Experia e rappresentante degli sfrattati, con il vice prefetto di Catania, Annamaria Polimeni.

Incontro a cui hanno presenziato anche Carlo Pennisi, assessore ai servizi sociali e Carmela Campione, l’assistente sociale incaricata di seguire la questione che commenta «C’è stato un momento interlocutorio con i rappresentanti delle famiglie che hanno protestato al Duomo. Le abbiamo sistemate. Erano “sistemate” anche prima, solo che avevano rifiutato l’alloggio temporaneo».

Dunque, per il legale questa è una vittoria. Per l’assistente sociale, una riaffermazione della posizione iniziale dell’amministrazione comunale, perché si ridefinisce solamente la durata del buono casa. Diverse le versioni in merito: «Il buono casa verrà erogato per due anni» secondo Montalto. «Per un anno, prorogabile di un altro, solo per famiglie davvero bisognose. Poi però dovranno camminare con i loro piedi» secondo la Campione.

E gli sfrattati cosa pensano dell’accordo? «Non siamo soddisfatti del risultato. Volevamo le case popolari» sbotta seccamente Angela. «Non potevano passare davanti ad altre persone che da tempo aspettano. C’è gente in graduatoria che ha maturato dei diritti da anni» afferma Montalto. «Nessuno si è presentato per aiutarci a cercare una casa, come hanno detto. E mia suocera stasera non sa dove andare», a parlare un’altra sfrattata, alloggiata alla pensione Mele, la cui suocera ha un figlio down ed è stata temporaneamente ospitata dal centro popolare Experia. «Abbiamo fatto pressioni su di loro perché stanno facendo storie per gli alloggi temporanei offerti dal comune. Forse non è chiaro che questo è il massimo che potevano ottenere», spiega Emanuele Feltri. E continua: «Abbiamo ottenuto che otto famiglie entrino nella lista degli alloggi temporanei. E il comune anticiperà anche la caparra per gli affitti. Abbiamo più volte spiegato loro che devono presentare le domande per inserirsi nelle graduatorie delle abitazioni popolari. E che li avremmo seguiti successivamente. Ma non tutti lo hanno capito». Già, non lo hanno capito quelli che sono stati giorni interi a protestare. E che per farlo hanno rifiutato l’alloggio temporaneo. Gli stessi che partecipavano speranzosi agli incontri con il loro legale nella sede di Rifondazione Comunista. Insomma, diritto alla casa sì, ma non subito. E comunque non senza conquistarlo attraverso le graduatorie.

Nei giorni della “lotta”, alcuni degli sfrattati speravano in una soluzione diversa, oggi sono costretti ad accettare ciò che il comune inizialmente aveva proposto. «A Catania, se le cose si affrontano credendo alla forza della verità, si risolvono» afferma Pierpaolo Montalto. «La cosa più importante che abbiamo ottenuto è quella di non farli entrare al palazzo di cemento due» conclude Emanuele Feltri. In sostanza, con questo accordo, si dovrebbe evitare che queste persone si affidino a chi promette loro un altro alloggio da occupare in maniera abusiva.

Se si crede nella verità, Catania può anche diventare una città vivibile. Ora la battaglia dovrebbe continuare non lasciando che dei disperati, appena sradicati da un microsistema criminale, ricadano in un altro, magari meglio organizzato. Solo così si potrebbe credere veramente nella forza di questa città. Difficilissimo perché nella disperazione non si conoscono padroni. Né leader che possano guidare nella direzione giusta, passo dopo passo. Nella disperazione si crede a tutto e a tutti. A “santi” e non, purché diano una mano a risolvere i problemi. E per molte di queste persone c’è poca differenza tra chi offre aiuto da un centro sociale o da un nuovo palazzo di cemento. Ché la necessità e il bisogno sono bestie provenienti dall’inferno.     


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Un buono da 250 euro al mese per un anno (prorogabile per un altro, nei casi più disperati) e inserimento di alcune famiglie nelle graduatorie per gli alloggi. Gli ex occupanti dal palazzo di cemento di Librino, dopo i tanti giorni di protesta in piazza Duomo a Catania, si attendevano un altro esito dall’incontro tra il loro legale e il viceprefetto Polimeni

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]