Catania e la sicurezza stradale. Giardinella (Sna): «L’assicurazione non è una tassa, ma un atto di civiltà»

Gli automobilisti catanesi e le assicurazioni. Un binomio che ormai da anni deve fare i conti con un dato inquietante legato ai tanti veicoli che circolano senza copertura assicurativa. Un fenomeno noto ma difficile da arginare, nonostante i rischi e le severe sanzioni previste. «In alcuni quartieri, l’evasione dall’obbligo assicurativo raggiunge punte del 30 per cento, rappresentando un problema serio», spiega a MeridioNews Giuseppe Giardinella, eletto segretario per Catania del Sindacato Nazionale Agenti di Assicurazione. «Spesso l’obbligo assicurativo viene concepito come una gabella da pagare ed è, quindi, mal digerito – continua – C’è poi chi non riesce a sostenerne i costi e preferisce non sottoscrivere la copertura assicurativa».

Con le elezioni amministrative alle porte, i candidati a sindaco del capoluogo etneo hanno fatto della legalità uno dei principali punti dei loro programmi. Ed è proprio su questo che si concentrerà un incontro voluto dal sindacato: «Per il 22 maggio abbiamo invitato i candidati primi cittadini all’hotel Nettuno per confrontarsi con noi, in un appuntamento dal titolo Educazione e Sicurezza Stradale – continua Giardinella – L’invito che vogliamo fare al futuro sindaco è quello di cominciare, dall’ultimo anno delle scuole medie e dal primo delle superiori, a introdurre delle lezioni di Educazione all’assicurazione. Noi faremmo la nostra parte, considerato che abbiamo già dei corsi strutturati sul tema. L’obiettivo è fare capire alle giovani generazioni che non si tratta di una tassa da pagare, ma di un atto di civiltà socio-economico per tutelarsi da rischi che possono incidere sulla propria vita».

Tra gli aspetti da sottolineare – e che il prossimo sindaco dovrà mettere in agenda – c’è anche la situazione delle arterie cittadine. «A Catania serve una viabilità più accessibile e mi riferisco allo stato delle strade: in molti quartieri il manto non è in regola con le caratteristiche previste e questo causa diversi incidenti, tra chi finisce nelle buche e chi va a sbattere per evitarle – spiega Giardinella – Servono poi maggiori controlli da parte delle autorità sull’obbligo di assicurazione e sul territorio in generale». Anche perché, spiega il sindacalista, la legalità conviene a tutti: «Se i cittadini pagassero in maniera capillare, le compagnie avrebbero maggiori premi per gestire i sinistri». Ma come orientarsi su quale compagnia scegliere, per contenere i costi pur essendo coperti? «Bisogna valutare i servizi proposti. Ma, aggiungo da presidente della sezione provinciale e componente dell’esecutivo nazionale, anche per la professionalità dell’interlocutore. C’è un motivo se le compagnie che hanno come unici canali il telefono e l’online sono ferme a una quota di mercato dell’8 per cento: perché il cittadino vuole capire cosa compra e a prevalere è sempre il rapporto di fiducia con l’intermediario».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Gli automobilisti catanesi e le assicurazioni. Un binomio che ormai da anni deve fare i conti con un dato inquietante legato ai tanti veicoli che circolano senza copertura assicurativa. Un fenomeno noto ma difficile da arginare, nonostante i rischi e le severe sanzioni previste. «In alcuni quartieri, l’evasione dall’obbligo assicurativo raggiunge punte del 30 per […]

Gli automobilisti catanesi e le assicurazioni. Un binomio che ormai da anni deve fare i conti con un dato inquietante legato ai tanti veicoli che circolano senza copertura assicurativa. Un fenomeno noto ma difficile da arginare, nonostante i rischi e le severe sanzioni previste. «In alcuni quartieri, l’evasione dall’obbligo assicurativo raggiunge punte del 30 per […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]