Catania, la ricetta di Sottil in vista della Vibonese «Serve una partita tambureggiante sin dall’inizio»

Dare continuità alla vittoria dell’esordio contro il Rende, migliorando in quei frangenti in cui la squadra è andata in difficoltà. Andrea Sottil affronta la conferenza stampa precedente alla sfida con la Vibonese (domani pomeriggio, ore 18:30, al Massimino) nel suo consueto stile: grande chiarezza, senza giri di parole o concetti troppo astratti. Il punto centrale della sua analisi: la squadra deve ancora migliorare l’identità di gioco, per raggiungere picchi di rendimento e propositività che devono diventare il marchio di fabbrica del Catania.

«Era da molto tempo che non giocavamo – ha specificato Sottil in merito al successo della scorsa settimana – e abbiamo affrontato l’avversario più scorbutico che potesse capitarci. Una squadra intensa e giovane, in un ambiente particolare. Siamo partiti bene e abbiamo meritato il vantaggio, poi siamo andati in tilt a livello mentale. Nella ripresa – prosegue il mister – abbiamo giocato con più ordine tattico. Dobbiamo migliorare sulla continuità: essere sempre positivi a prescindere da quello che succede. Bisogna sempre giocare per vincere – ribadisce con convinzione il tecnico – essere umili e rispettare l’avversario, ma con una sana spregiudicatezza che ci permetta sempre di essere propositivi». Concetti che i calciatori etnei dovranno già sviluppare domani pomeriggio, sul terreno di casa.

Il periodo di un mese e mezzo senza gare, legato al caos dei mancati ripescaggi in B, ha ovviamente danneggiato la preparazione fisica. «Avere la certezza di giocare cambia tutto. Ci si allena per un obiettivo – ricorda Sottil – e per affrontare un determinato tipo di avversario che valuti e conosci. Al momento non siamo al top della forma: questa arriverà nel giro di due o tre partite – rassicura l’allenatore – secondo quelle che sono l’esperienza e le statistiche. Gestire un lungo periodo senza gare non è stato facile. Ne abbiamo approfittato per mantenere la condizione dei calciatori in rosa, migliorando quella degli atleti arrivati in ritardo. Le dieci partite che disputeremo di qui a un mese serviranno a darci la condizione ideale».

La gara di domani contro la Vibonese rappresenterà, per Andrea Sottil, l’esordio in campionato al Massimino. «Sono emozionato e carico, è sempre un’emozione particolare giocare davanti ai tifosi rossazzurri. I numeri degli abbonamenti (vicini a quota 6500, ndr) sono straordinari per questa categoria. Dobbiamo sfruttare l’impeto e la forza del nostro pubblico – ribadisce il mister – per svoltare a livello di mentalità. Domani pretendo una partita tambureggiante sin dal fischio iniziale. Dovremo avere pazienza – specifica poi l’allenatore – tenere palla, sviluppare un palleggio veloce e trovare tante soluzioni, sfruttando tutto il nostro potenziale: il tiro da fuori, i cross dall’esterno, gli attacchi della porta avversaria». 

Serve un Catania in versione martello pneumatico, quindi: a prescindere da chi scenderà in campo. Su Barisic, Sottil preferisce non sbilanciarsi: «Ha accusato una infiammazione al tendine rotuleo del ginocchio che gli ha fatto perdere qualche allenamento, oggi monitoreremo le sue condizioni». L’idea, comunque, rimane quella di avere una squadra di 22 titolari: «Siamo pronti – ribadisce il mister dei rossazzurri – abbiamo una rosa competitiva, tutti i calciatori dovranno rispondere presente». Come a Rende, dove Baraye, Vassallo, Bucolo e Brodic sono stati decisivi: «Spesso i giocatori subentranti fanno la differenza – ricorda Sottil – dando un grandissimo contributo per cambiare volto a una partita. L’importante è avere autostima, consapevolezza dei propri mezzi e una sana presunzione».


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]