Catania all’ultimo posto per «l’ecosistema urbano» La fotografia impietosa nel rapporto di Legambiente

Secondo il 25esimo rapporto annuale di Legambiente sull’ecosistema urbano dei capoluoghi italiani, presentato stamani a Milano e pubblicato online lo scorso 25 ottobre, Catania è la peggiore città d’Italia per le performance ambientali con un punteggio di 30,88 che le vale l’ultimo posto in classifica. La migliore è Mantova, a cui seguono Parma e Bolzano, tutte e tre ampiamente al di sopra dei 70 punti. Le prime città del Sud sono Benevento e Catanzaro, rispettivamente in 40esima e 42esima posizione. Il report è stato stilato da Legambiente in collaborazione con Il sole 24 ore, l’Istituto di ricerche ambiente Italia e l’Ispra. La classifica delle performance ambientali tiene conto dei risultati qualitativi ottenuti dai vari capoluoghi in 17 indicatori che coprono sei principali aree tematiche: aria, acqua, rifiuti, mobilità, ambiente urbano ed energia.

In generale in tutta Italia si registrano miglioramenti sul fronte delle buone pratiche di gestione dei rifiuti e di economia circolare. Altri indici restano stabili in assenza di politiche coraggiose e investimenti adeguati «ancora troppo ancorati alle iniziative spot del ministro di turno o alla buona volontà del sindaco visionario». I progressi principali si registrano a Milano, da tempo soggetta all’attuazione di una «lungimirante trasformazione dell’ecosistema urbano». Nella prima edizione del report risalente al 1994, il capoluogo lombardo occupava nella classifica generale la penultima posizione (faceva peggio solo Napoli, che prosegue il trend negativo) mentre adesso è salita alla 23esima. Roma è discesa vertiginosamente dopo il 2010, poiché fino al primo decennio del nuovo millennio occupava un posto nel gruppo delle prime trenta. Lo stesso discorso vale per Torino, addirittura quarta nel 1998 e nel 1999, per poi ritrovarsi da oltre dieci anni abbondantemente sotto la sufficienza.

Per quanto riguarda Catania, la situazione è piuttosto negativa a partire dalla qualità dell’aria, classificata nel report come «insufficiente»: sulla base della normativa comunitaria la provincia etnea supera determinati limiti imposti in parametri riguardanti le polveri sottili, il nitrato e l’ozono. Da segnalare in positivo Reggio Calabria, dove si registra una qualità dell’aria ottima che rispetta tutti i valori guida dell’Oms (più restrittivi rispetto a quelli comunitari). 

La dispersione della rete idrica è un’altra pecca del capoluogo etneo, dato che oltre il 35 per cento dell’acqua potabile che dalla fonte arriva al rubinetto risulta sprecata, nonostante un’inversione di tendenza in positivo rispetto al 2012. In ogni caso urge in tutta Italia una manutenzione alle infrastrutture idriche poiché il 60 per cento di esse è stato messo in posa 30 anni fa e il 25 per cento ha più di mezzo secolo di vita. Inoltre, benché nella Penisola la situazione in merito alla qualità della raccolta differenziata sia migliorata, permangono aree inefficienti: proprio a Catania la gestione dei rifiuti è stata classificata come «scarsa» in quanto si è al di sotto del target del 35 per cento di differenziazione fissato dalla normativa.

La nota positiva è in relazione alla mobilità, poiché sebbene Catania non sia tra le città che presentano un elevato tasso di spostamenti mediante mezzi pubblici o bicicletta (in Italia oltre il 65 per cento dei cittadini si muove in auto), il 36 per cento degli spostamenti è a zero emissioni. Ciò potrebbe anche essere dovuto al fatto che la provincia etnea è tra le città europee una dove si hanno tempi d’attesa record alla fermata dell’autobus con una media di ben 23 minuti, alla pari con Palermo.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]