Catania 95100, la serie è sul web Amori e corna fronte porto

Catania non è esattamente Hollywood. E, a dirla tutta, non somiglia a Cinecittà nemmeno da lontano. Però gli aspiranti registi si sprecano. Alcuni mollano, altri emigrano, altri ancora restano e mettono in piedi un telefilm online partendo dal celeberrimo Beverly Hills 90210. Si chiama Catania 95100 ed Elisa Scuto, 21 anni, ideatrice, regista, sceneggiatrice e attrice della serie, ci tiene a precisarlo: «È un teen drama e con Beverly Hills ha a che fare solo per via del nome».

Affinché sia online manca ancora qualche tempo, ma le riprese sono cominciate mesi fa e, assicura Elisa, «c’è un sacco di buon materiale sul quale lavorare».
A interpretare i protagonisti sono Leonardo Calanna, Chiara Gulisano, Sebastiano Testa e il già noto Davide Limone, famoso in rete – con il nickname Davidekyo – per i suoi doppiaggi in dialetto catanese. Amori e tradimenti tra i locali del centro storico, sigle girate al porto e intrecci da soap opera recitati con impeccabile accento siculo.

Elisa di mestiere vuole fare la regista e a realizzare trasmissioni per adolescenti ci aveva già provato, un anno e mezzo fa: «Forse i tempi non erano ancora maturi e i catanesi non si affezionano a cose che non conoscono». Poi a Roma ha cominciato a spopolare Freaks, la prima web serie italiana. Quasi 60mila fan su Facebook, oltre 13mila follower su Twitter e un canale Youtube che supera abbondantemente un milione di visualizzazioni. La somma di questi fattori attesta la riuscita del prodotto finale. Un successo senza precedenti e numeri da televisione, per un fenomeno che nasce e cresce solo grazie al passaparola in Rete. «Freaks ha aperto la strada a un mondo fatto di piccole serie online – racconta Elisa – Così ho pensato di rispolverare il mio progetto, perché forse il momento giusto era arrivato». Ai numeri del progetto romano Catania 95100 ancora non arriva nemmeno vicino. Poco più di 300 fan, ma più di un migliaio di visualizzazioni per un canale di Youtube che contiene solo un video promozionale e uno di backstage.

«Faremo sei puntate di 18/20 minuti ciascuna – spiega la ragazza – Ma ancora niente è certo: è una produzione amatoriale, nessuno dei miei attori è un professionista, non lo sono io, né qualcuno viene retribuito». Anzi, i soldi tocca metterceli: «Ho venduto il motorino e speso tutto il rimborso dell’assicurazione di un incidente che avevo avuto qualche tempo prima». Tra videocamera, microfono ambientale e computer, per fare un telefilm catanese coi catanesi c’è voluto un vero e proprio investimento, «di circa 2700 euro».

Catania 95100 non è un caso isolato. Superpoteri, mostri e mondi paralleli al parco Gioeni per We are guardians, che è ormai alla quarta puntata e fa proseliti: «Mi dite se per le prossime riprese passate da corso Indipendenza o da viale Mario Rapisardi?», domanda uno spettatore su Youtube. Ma la più popolare di tutte sembra Hearts, tre episodi, ma quattromila fan su Facebook. «Il nostro scopo è quello di trasmettere le emozioni dei ragazzi catanesi – si legge nella descrizione della serie – e di mettere a nudo le problematiche che affliggono la città». In Rete, con strumenti nuovi, sfruttando la scia nazionale. Saranno anche attori improvvisati, registi con mezzi di fortuna e sceneggiatori che dovrebbero ripassare la grammatica, però ci provano. E risultano perfino simpatici.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]