Caso Scirè, condannata la commissione del concorso Una lettera del ministero chiede chiarimenti a Unict

Un concorso da ricercatore universitario a tempo determinato, svolto nel 2011, che otto anni dopo ha un suo parziale epilogo nella aule di giustizia. Perché nella vicenda di Giambattista Scirè, lo storico originario di Vittoria finito scavalcato nella graduatoria per un posto da ricercatore di Storia contemporanea alla sede di Ragusa dell’allora facoltà di Lingue dell’ateneo catanese, c’è un nuovo punto di non ritorno. La condanna di primo grado, combinata dai giudici della terza sezione penale del tribunale etneo, nei confronti dei membri della commissione. A essere ritenuti colpevoli di abuso d’ufficio in concorso, con pena di un anno, sono stati il presidente Simone Neri Serneri, dell’università di Siena, Luigi Masella, dell’ateneo di Bari, e Alessandra Staderini, dell’università di Firenze. 

La corte, presieduta da Maria Pia Urso, con a latere Consuelo Corrao e Barbara Rapisarda, ha disposto anche il risarcimento danni e l’interdizione dai pubblici uffici dei membri della commissione. «Questa sentenza – commenta Scirè a MeridioNews deve servire da monito per il futuro, perché fatti come questi non accadano più. Anche se – aggiunge – a livello personale rappresenta una vittoria ma fino a un certo punto». Di sicuro c’è che la vicenda non si chiuderà così. Da un lato, potrebbe esserci il ricorso in appello – per il deposito delle motivazioni bisognerà attendere 30 giorni – dall’altro, lo studioso è intenzionato a chiedere un risarcimento danni. «Perché da quel giorno la mia vita è cambiata – spiega – finendo isolato ed emarginato».

Perché questa vicenda ha già messo in fila tanti pezzi di un puzzle decisamente complesso. Su tutti, quelli relativi al fronte della giustizia amministrativa. Con il tribunale competente che si esprime per la prima volta nel 2012. Anno in cui ordina all’ateneo di riconvocare la commissione per una nuova valutazione. L’esito, però, rimane lo stesso. Due anni dopo, la terza sezione del tribunale amministrativo regionale sposa la tesi del ricorso di Scirè. Indicando come la vincitrice del posto, Melania Nucifora, non avrebbe avuto i titoli per ottenere quel contratto a tempo determinato all’interno dell’Università. Un concorso bollato come illegittimo che, di conseguenza, avrebbe dovuto portare alla chiamata dietro la cattedra di Scirè. Anche perché, poco dopo, pure il Consiglio di giustizia amministrativa, analizzato il ricorso in appello della vincitrice, conferma la tesi dello studioso arrivato secondo in graduatoria. «La mia è stata una battaglia dura, da solo contro tutti», continua. 

Si arriva così alle aule di piazza Giovanni Verga. Con un’inchiesta affidata ai magistrati Fabio Regolo e Monia Di Marco. In cui si evidenziano anche i rapporti in conflitto di interesse tra la candidata vincitrice e il presidente di commissione Neri Sernei. «In particolare la presenza di entrambi nel comitato scientifico dell’Aisu (Associazione italiana di storia urbana) – puntualizza Scirè – diversi saggi della candidata contenuti in volumi del presidente, il volume dello stesso inserito nel programma di esame per il corso da lei tenuto in Storia dell’architettura». 

Durante il processo nelle aule del palazzo di giustizia sono stati sentiti anche diversi professori universitari. In tanti, come spiega lo stesso Scirè, «avevano messo in guardia il mondo accademico per quanto successo». All’appello però non si è mai presentato l’ateneo, che ha scelto di non costituirsi parte offesa. E sul punto c’è anche il recente interessamento del vice ministero dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti. In una lettera, inviata al rettore Francesco Basile, l’esponente del Movimento 5 stelle si sofferma sue due punti precisi: «La mancata costituzione nel processo come parte offesa e la mancata esecuzione delle sentenze amministrative del 2014 e del 2015». «Questa memorabile sentenza dimostra una cosa: – conclude Scirè – abbiate il coraggio di denunciare, amministrativamente e penalmente, quando la verità dei fatti dimostra che avete subito un’ingiustizia. Forse pagherete con l’isolamento, fino a perdere il posto di lavoro come è accaduto a me, sarete bersagliati e perfino calunniati. Ma siate sempre determinati e non arrendetevi mai, perché la speranza deve essere l’ultima a morire».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]