Cara Mineo, oggi cominciano gli allontanamenti Fuori i migranti con la ex protezione umanitaria

L’elenco conta una quarantina di persone, tutte titolari di quel permesso di protezione umanitaria che il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha cancellato con un colpo di spugna lo scorso 5 ottobre, data della pubblicazione in gazzetta ufficiale del cosiddetto decreto Sicurezza. Sono loro i primi migranti che saranno ufficialmente accompagnati fuori dal Cara di Mineo, a partire da questa mattina. A gruppi di poche persone, diluite nei giorni, tutte lasceranno la struttura per richiedenti asilo nel Calatino e si riverseranno sulle strade. Come del resto avviene da giorni, sebbene su base più o meno volontaria. Se le immagini della stazione di Crotone hanno fatto il giro d’Italia, potrebbe accadere lo stesso con quella di Catania. Negli ultimi due mesi hanno lasciato volontariamente il Cara, secondo quanto si apprende, almeno un centinaio tra uomini e donne. E la rete della solidarietà dal basso si è già attivata: «Il mio bed and breakfast è aperto all’ospitalità», dichiara a MeridioNews Isidoro La Spina, mediatore culturale che al Cara ci lavora e che, a Giarre, gestisce un’attività ricettiva.

«Gli effetti del decreto Sicurezza si fanno vedere da giorni», afferma Walter Cerreti, che per la Comunità di Sant’Egidio di Catania si occupa proprio dei migranti di Mineo. «Sono aumentate le persone che lasciano il Cara e finiscono a dormire in piazza della Repubblica, per spostarsi all’alba alla stazione centrale», continua. Secondo il suo racconto, già da diverse settimane i migranti a cui viene riconosciuta la protezione umanitaria (richiesta parecchi mesi fa) verrebbero messi alla porta del Cara. Versione che è stata smentita sia dalla prefettura sia dall’attuale direzione. Quello che però è stato ammesso è che da stamattina le cose cambieranno ufficialmente e che anche nella struttura del Calatino cominceranno formalmente gli allontanamenti di chi, pur non essendo più un richiedente asilo, rimaneva nel Residence degli aranci in attesa dell’inserimento nelle strutture di seconda accoglienza, come i centri Sprar.

«I ragazzi sono molto informati – conferma Isidoro La Spina – Sanno da tempo che non possono rimanere al Cara e si sono organizzati di conseguenza, spesso allontanandosi volontariamente invece che forzati». Fatto sta, però, che anche questa fase di tolleranza si è conclusa. E tutto a tre giorni dall’editoriale che il ministro Salvini in persona ha scritto sulle colonne del quotidiano La Sicilia, annunciando le grandi novità che il decreto Sicurezza avrebbe portato proprio sull’Isola. In primis il graduale svuotamento del Cara. «Per lasciare questi poveretti in mezzo alla strada – continua il mediatore culturale – È questa la sicurezza? In questa situazione, io ho deciso di fare la mia parte». Così ha scritto un post su Facebook, annunciando la sua disponibilità a ospitare 14 persone nella sua struttura ricettiva, d’inverno inattiva. «Ho creato un gruppo sui social, che si chiama Nessuno è straniero, e in un paio di giorni mi hanno contattato oltre duecento persone. Alcune mi hanno offerto soldi, io però ho rifiutato».

Il primo passo di questa accoglienza spontanea sarà una riunione tra semplici cittadini e associazioni, venerdì, per decidere come trasformare un gruppo Facebook in qualcosa di più concreto. «Decideremo se darci, intanto, una forma legale e poi metteremo insieme tutte le offerte: assistenti sociali e mediatori culturali che hanno dato la propria disponibilità professionale, persone che hanno offerto spazi o camere da letto… Tutto questo può avere un senso se organizzato in maniera intelligente. Non avremo bandiere, saremo laici». Mentre il suo lavoro va avanti per trovare la forma di aggregazione migliore, sono cominciati gli attacchi personali veicolati tramite Facebook: «Hanno cominciato a chiedermi di accogliere prima gli italiani senza casa, o a dirmi che forse meriterei di essere spedito via con un barcone. Io rispondo che non faccio distinzioni di nazionalità. Ma mi preoccupa che questi insulti possano diventare qualcosa di più concreto, visto il clima che si respira».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]