Call center Qè, ipotesi nuovo progetto  «Vogliamo salvare 600 posti di lavoro»

Un cauto ottimismo si diffonde tra i lavoratori del call center Qé al termine del tavolo tecnico, concluso ieri sera nella sede dell’assessorato regionale alle Attività produttive. A far sperare in una possibile ripresa, la scelta della Di Bella Group di lavorare per un nuovo progetto imprenditoriale. «Vogliamo creare le condizioni per una nuova realtà – ha confermato a MeridioNews Franz Di Bella, rappresentante del gruppo – Si tratta di salvare 600 posti di lavoro, ma non vogliamo creare una fotocopia del Qé quanto, piuttosto, un progetto a largo respiro e soprattutto solido. 

Non troverebbero conferme, almeno per il momento, le indiscrezioni che vorrebbero altri imprenditori locali, impegnati nell’attività di impianti elettrici, interessati a partecipare alle operazioni di salvataggio della struttura. Le persone chiamate in ballo, Nino Calabrò e Roberto Reitano, hanno iinfatti smentito qualsiasi interesse, anche se Reitano ha dichiarato di esser disponibile all’ascolto in caso di coinvolgimento. Un passo avanti, quindi, rispetto a qualche giorno addietro come confermato dal sindaco di Paternò Mauro Mangano che si trovava all’incontro con Mariella Lo Bello. Insieme alle sigle sindacali. «Era necessaria la presenza di una figura a cui agganciarci per sbloccare la situazione – ha detto Mangano – Questa potrebbe essere quella del proprietario del capannone, ossia la Di Bella Group. Ora il nostro obiettivo, quindi, è quello di trovare una sintesi tra le esigenze di lavoratori e proprietà». 

Per Davide Foti e Antonio D’Amico rispettivamente della Slc Cgil e della Fistel Cisl, la disponibilità manifestata dal gruppo industriale «rafforza l’idea di un progetto credibile». «Da tempo è necessario investire nelle professionalità di questi lavoratori, ormai arrivati allo stremo – spiega a MeridioNews – Abbiamo ribadito che per la ricerca di un piano di lavoro serio non deve più esserci , azienda priva di qualsivoglia credibilità».

I sindacati auspicano inoltre un intervento dell’assessore regionale rivolto alla committenza ma anche al ministero dello Sviluppo economico. Quest’ultimo «deve diventare regolatore di un percorso di recupero sia lavorativo che sociale – continuano i sindacalisti – Presto ci riattiveremo nel territorio per sollecitare la Prefettura affinché riesca ad aprire quel tavolo di crisi nazionale necessario a consolidare le soluzioni». Valentina Borzi, rsu della Cgil, ha ribadito: «Adesso dobbiamo urlare perche dobbiamo far comprendere le gravi conseguenze che si avrebbero sul territorio con la chiusura del call center. Non devono essere solo i lavoratori a tenere alta l’attenzione ma, piuttosto, l’intera città».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]