Call center e clausola sociale, in bilico 10mila lavoratori Slc Cgil: «In arrivo licenziamenti, rischio disastro»

I licenziamenti potrebbero essere dietro l’angolo. Con un effetto domino che a Palermo dove gli addetti ai call center sono 10mila (20mila in tutta la Sicilia) rischia di innescare una vera e propria bomba sociale. L’ennesima doccia fredda per i lavoratori del comparto arriva questa volta da Montecitorio, dove è in discussione l’emendamento, votato in commissione Ambiente, che introduce la “clausola sociale” nei cambi d’appalto. La norma prevede la prosecuzione dei rapporti di lavoro già esistenti in caso di successione di imprese negli appalti con il medesimo committente e la protezione dei trattamenti economici e normativi contenuti nei contratti collettivi.

Se non passa, denunciano i sindacati, il disastro occupazionale è certo. Soprattutto in città dove le cessioni dei rami d’azienda sono in corso da tempo. Cento lavoratori di Omia Network hanno perso il posto tre anni fa, «nella indifferenza del nostro governo» denuncia la Slc Cgil. E Almaviva a dicembre ha in scadenza alcune gare e gli esuberi possibili sono mille. «Se il governo resta assente non conteremo le vittime» dice il sindacato, che stamani dalle 10 alle 12 ha organizzato un sit-in in via Cavour, davanti la Prefettura

«È una battaglia di civiltà perché nei cambi di appalto le vittime sacrificate alle decisioni e ai profitti aziendali sono sempre i lavoratori, gli anelli deboli – spiega la Slc Cgil di Palermo -. Pur di risparmiare, le aziende sacrificano posti di lavoro e professionalità acquisite, con la conseguenza dell’abbassamento dei livelli occupazionali e della rinuncia al radicamento sul territorio, che sta impoverendo la Sicilia terra dei call center». In difesa della clausola sociale e per dire basta alla precarietà nei call center è stata lanciata nei giorni scorsi una petizione che ha raccolto già più di 11 mila firme.

I call center a rischio sono molti. Ci sono i 262 operatori di Atlanet, che nel passaggio da Accenture a Bt hanno perso parte dell’integrativo aziendale. Un altro caso aperto è quello del call center 4U servizi, che conta 333 dipendenti. La commessa Wind è stata venduta ad Abramo, con una clausola per il mantenimento dei lavoratori. Ma i sindacati non sanno quanti operatori saranno realmente “protetti”. Si parla di poco più di un centinaio. E gli altri? «Col passaggio dei lavoratori decadranno i contratti di solidarietà per tutti. E gli altri sarebbero licenziati. In questo momento non possono nemmeno accedere agli ammortizzatori sociali in deroga – dice la componente Slc Cgil di Palermo Rosalba Vella -. Questi passaggi sono continui sul nostro territorio».

Al prefetto il sindacato dei lavoratori della comunicazione della Cgil di Palermo ha sollecitato un intervento per evidenziare lo stato di necessità del settore. Perché occorre costruire «una politica industriale per il settore dei servizi, che rappresenta il futuro dell’occupazione in Sicilia, Isola che è ai primissimi posti in quanto a qualità e professionalizzazione dei suoi lavoratori». Eppure nonostante sia «un settore che può avere sviluppi occupazionali straordinari» la Regione resta «assente».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

C'è attesa per l'approvazione a Montecitorio dell'emendamento, votato in commissione Ambiente, che introduce la norma. Se non passa a Palermo si rischia la bomba sociale. «Se il governo resta assente non conteremo le vittime» dice il sindacato, che stamani dalle 10 alle 12 ha organizzato un sit-in in via Cavour, davanti la Prefettura

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]