Calcio Catania, depositati i documenti per la serie D  «Adesso siamo in attesa delle decisioni della Figc»

Un passo attesissimo da tifosi e simpatizzanti rossazzurri, arrivato con tre giorni d’anticipo rispetto alla chiusura dei termini indicati dalla Figc, prevista per il 4 agosto. L’iscrizione del Catania Ssd al prossimo campionato di Serie D sembra vicinissima, poiché nelle ultime ore la società guidata da Ross Pelligra ha seguito gli step necessari e adesso attende la risposta definitiva della Federazione. A darne notizia è stato proprio il club etneo pochi minuti fa attraverso la propria pagina Facebook ufficiale: «Catania SSD – si legge in un comunicato – rende noto di aver depositato in data odierna, presso la sede della Federazione Italiana Giuoco Calcio, la documentazione richiesta per l’ammissione al Campionato Interregionale 2022/23 ai sensi delle previsioni contenute nelle Noif. Avendo inoltre espletato gli adempimenti richiesti dalla Figc, Catania SSD resta in attesa delle determinazioni degli enti federali».

La società rossazzurra comincia quindi la settimana dando un’impronta decisiva ai prossimi appuntamenti in agenda in vista del campionato, che in caso di via libera prenderà il via il 4 settembre anche per il Catania SSD. Si attende poi l’ufficialità della nomina di Giovanni Ferraro nel ruolo di allenatore, seguito dai vari annunci per i diversi giocatori che comporranno la rosa che a giorni inizierà il ritiro estivo.


Dalla stessa categoria

I più letti

Giustizia per Emanuele Scieri

«Ricordate che in tutti i tempi ci sono stati tiranni e assassini e che, per un certo periodo, sono sembrati invincibili, ma alla fine, cadono sempre, sempre». È da un aforisma del mahatma Gandhi che ha preso spunto l’avvocata Alessandra Furnari nella sua discussione durante il processo per l’omicidio volontario aggravato di Emanuele Scieri, il parà siracusano 26enne in servizio militare trovato cadavere nell’agosto del 1999 […]

«Una macchina di imbrogli e di sotterfugi manzoniana che si è sviluppata sull’esigenza di un costrutto che doveva raccontare un’altra versione dei fatti». Così il procuratore di Pisa Alessandro Crini ha definito la ricostruzione da parte dell’esercito di quanto accaduto all’interno della caserma Gamerra nell’agosto del 1999 nel corso della sua requisitoria a cui è […]

Catania archeologica, l`occasione mancata

In una nota protocollata al Comune etneo a metà gennaio l'associazione di piazza Federico di Svevia chiede di gestire il bene del XII secolo, abbandonato, per garantirne «a titolo gratuito e senza scopo di lucro, la fruibilità». Adesso interrotta dal cambio del lucchetto del cancello da cui vi si accede e dalle divergenze con uno degli abitanti, che risponde: «C'era il rischio per la pubblica incolumità»

I processi a Raffaele Lombardo