Briganti Librino, presentata la nuova maglia sociale In mischia c’è anche Chiara. «In campo per formarsi»

«Lei è emozionata. Io sono molto preoccupata».
Concetta è la mamma di Chiara, una delle giocatrici di rugby della squadra under 12 dei Briganti di Librino. Undici anni, i suoi lunghissimi capelli spiccano anche nelle mischie nelle quali si lancia assieme ai compagni di squadra. Concetta guarda accigliata la figlia correre con la maglia rossa. I piccoli dei Briganti oggi sono stati impegnati in un quadrangolare contro altre squadre siciliane: Padua Ragusa, Carlentini rugby Cus Catania. Una giornata dedicata a loro, ma che ha visto anche la presentazione ufficiale dei nuovi sponsor della società che si allena al campo San Teodoro.

«Vedeva giocare il fratello più grande, si è appassionata e ha voluto iniziare ad allenarsi pure lei – racconta Concetta – In questo quartiere non c’è molto per i ragazzi.
Quello che fanno i volontari qui è prezioso, dovrebbero ricevere più sostegno». E se da un lato i timori di graffi e lividi la spaventano, dall’altro pensa che il campo sia un luogo adeguato per formare il carattere dei bambini. «La farà diventare più forte».

«A febbraio taglieremo la torta con le
dieci candeline», dice con soddisfazione Stefano Curcuruto, presidente dell’associazione sportiva. «Adesso siamo coinvolti in alcuni progetti con le scuole Livio Tempesta, San Giorgio e Pestalozzi – continua – Fin dall’inizio il nostro scopo è stato aggregare quanti più bambini possibile e abbiamo scelto il rugby come sport perché si deve giocare tutti uniti, uno per l’altro». Mentre parla lo sguardo passa dai giovani under 14 ad alcuni componenti della formazione maggiore. «Oggi in prima squadra troviamo dei ragazzi che avevano dieci o undici anni quando abbiamo iniziato – sorride – Era il nostro obiettivo, creare una realtà che potesse andare avanti nel tempo».

La maglia presentata oggi – disegnata da
Andrea Maggio – racchiude il percorso avviato nel 2005 nel grande quartiere a Sud di Catania: lo scudetto, formato dai palazzi di viale San Teodoro a simboleggiare i pali della meta; la data «che indica i dieci anni di brigantaggio»; e il motto «Omo se nasce, Brigante si more», l’urlo che risuona a ogni partita giocata dalle squadre librinesi. Poi ci sono gli sponsor, alcuni dei quali sono delle realtà affini per l’impegno sociale profuso in città. Come l’associazione Gammazita e il teatro Coppola, ma anche i volontari di A casa di MomoOfficine culturali. Il loro è un «supporto economico, ma soprattutto condividono il progetto: cambiare il mondo dal basso».

Una foto di rito, poi i giocatori vengono chiamati per il riscaldamento. Domenica prossima in campo scenderanno anche le
Brigantesse, la formazione femminile che debutterà alle 11 con la prima partita in coppa Italia.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]