Beni culturali, Regione avvia l’accorpamento degli uffici Icom: «Situazione che grava sul personale già carente»

«Siamo d’accordo a una razionalizzazione e a una linea che miri all’efficienza, ma non quando queste possano influire in modo negativo sul sistema». A parlare a MeridioNews è Francesco Mannino. Il presidente di Icom Sicilia, rifacendosi alle parole della presidente nazionale Adelaide Maresca, esprime la sua preoccupazione nei confronti dell’ultimo provvedimento maturato con la delibera di giunta dello scorso 10 marzo che potrebbe comportare la rimodulazione del dipartimento dei Beni culturali della Regione. La conseguenza sarebbe quella di un accorpamento, come indicato da Icom – organizzazione internazionale dei musei e degli organismi museali – delle sezioni tecnico-scientifiche negli Istituti preposti alla tutela e alla valorizzazione del patrimonio culturale. L’obiettivo immediato da parte del governo di Nello Musumeci è quello dettato dall’esigenza di risparmio di spesa, ma, in concreto, rischia di provocare un ulteriore indebolimento dell’intero assetto dei beni culturali regionali, con la diretta conseguenza che le aree dedicate a specifici settori verrebbero accorpate in macro sezioni.

«La preoccupazione è legata anche alle mancate assunzioni da parte del governo regionale di figure che possano gestire gli uffici e le tante richieste – afferma – Questo finisce per riflettersi su tanti aspetti: dal personale che dovrebbe consentire la fruizione dei beni, a quello che devo occuparsi del rilascio dei documenti per determinati procedimenti: pensiamo per esempio ai tanti ambiti che interessano la Soprintendenza. Saremo davanti a un sistema ancora più ingessato e con tempi ancora più lunghi e dei dipendenti, già risicati per mancanza di assunzioni, che saranno ancora più oberati». Il riferimento è legato anche alla mancanza di concorsi. «Le università formano gente preparata, che potrebbe aggiungersi al personale tanto motivato che esiste già – prosegue Mannino – Di contro la Regione parla di riorganizzazione dell’organico che, però, piuttosto che semplificare le cose rischia di affaticare il sistema più di prima».

Le preoccupazioni di Mannino fanno eco a quelle espresse a livello nazionale da Maresca. La presidente Icom in una nota propone «un momento di riflessione e confronto ad ampio raggio su questi importanti temi, sottolineando la volontà di cooperare, nel rispetto delle reciproche competenze, per la crescita del sistema del patrimonio culturale regionale e delle professionalità in esso presenti». La presidente di Icom Italia sottolinea come «pur non condividendo l’anomalo accorpamento delle Soprintendenze in unità beni architettonici/paesaggistici/storico artistici/demo antropologici e archeologici/archivistici/bibliografici – scrive – riteniamo più preoccupante la soppressione di un cospicuo numero di unità operative tecniche non solo delle Soprintendenze, ma anche dei Parchi e dei Musei con il conseguente depotenziamento dell’attività di tutela e valorizzazione. Unità operative che accorpando gestione amministrativa e attività scientifica risulteranno oberate da carichi di lavoro già difficilmente gestibili dal personale attualmente in organico».

Una riorganizzazione è necessaria, ma dovrà guardare al tema delle « professionalità valorizzandole e adeguandole per qualifica e numero alla quantità e alla diffusione territoriale dei musei, dei Parchi, delle Soprintendenze e dei siti ad essi aggregati». «È fondamentale – conclude Maresca – che i musei siciliani, sia pure compresi all’interno dei Parchi archeologici, siano dotati di adeguati servizi e personale tecnico ed amministrativo necessari al loro buon funzionamento. Auspichiamo, inoltre, che anche in Sicilia i musei più importanti, oggi organizzati in servizi, siano dotati di autonomia finanziaria ed amministrativa oltre che tecnico-scientifica e regolati da un’apposita normativa dedicata a tutto il sistema museale regionale.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]