Beni Culturali, parla Francesco Pantaleone «Inutile mentire, siamo con l’acqua alla gola»

Il Giornale Dell’Arte ha titolato così un lungo e articolato post: Palermo, Odissea nel provvisorio. Era il 2013 e, da quella catalogazione dei principali problemi delle città italiane non è cambiato molto. Emergenze e grandi progetti sono fantasmi dietro ai quali si nasconde il disinteresse delle istituzioni per un patrimonio globale. Gli addetti ai lavori del sistema dei Beni culturali e i fruitori sono sfiancati dalla disorganizzazione e dall’incuria dilaganti. «È inutile continuare a far mistero dell’assenza dell’amministrazione pubblica. In Sicilia soltanto i privati sostengono eroicamente il peso di mostre significative e di eventi che arricchiscono il panorama artistico di una regione che ormai è votata all’oblio». Così commenta Francesco Pantaleone, gallerista palermitano di fama internazionale che affianca a questa professione la cattedra di economia e mercato dell’arte all’Accademia di Belle arti di Palermo. Pantaleone è anche direttore artistico della galleria Bnd di Milano ed è stato inserito nel comitato scientifico di Zac, spazio contemporaneo dei Cantieri Culturali alla Zisa, sconfortante esempio di come davvero nel capoluogo siciliano anche le migliori idee si traducano in uno svilente nulla.

Le parole di Francesco Pantaleone sono dure e piene di rammarico. «Non ho molti riscontri di ciò che avviene nei palazzi, ma basta guardare alle vicende del museo Riso, nato come unico e prestigioso museo d’arte contemporanea in Sicilia e divenuto terreno di battaglia per le diverse fazioni politiche. Dopo aver rischiato la chiusura, è stato affidato alle incompetenze di una direzione che di arte contemporanea non mastica, e tutto per i giochi di potere». Per Pantaleone, oltre a una preparazione profonda e aggiornata, è necessaria la credibilità dell’attore all’interno delle dinamiche, soprattutto ai fini della riuscita di un progetto. Una credibilità che deriva da esperienza conclamata, dal sapersi muovere all’interno dell’ambiente, dall’aver prodotto qualità. «Il sistema dell’arte è complesso e per farne parte bisogna essere credibili; altrimenti i galleristi, i curatori e gli artisti non hanno fiducia e non si va avanti in niente. Il contemporaneo è un mondo di artisti vivi, che vogliono dare un contributo con le loro opere e che credono nel potere dell’arte contemporanea, che è novità e si fonda sulla coscienza sociale, forse per questo è così lontana dalla classe politica». E questa distanza, secondo il gallerista, è sotto gli occhi di tutti: «Ho visto dispendi economici esagerati in allestimenti pessimi di artisti provinciali, eventi polverosi che peraltro ci costano dieci volte di più del dovuto grazie alle logiche obsolete con le quali ragiona l’amministrazione, personaggi fuori dal tempo e fuori dal sistema». Pantaleone accusa la classe politica di non guardare fuori dai propri spazi, di non viaggiare e non conoscere meccanismi e potenzialità dell’arte. «In America, per fare un esempio, i più grandi architetti sono chiamati a progettare o rinnovare gli spazi culturali, e tutto interno al meccanismo della filantropia, dell’arricchimento globale e non del singolo», continua Pantaleone.

«La politica in Italia oggi è una professione e non una missione – aggiunge -, la società non viene tenuta in considerazione. Non hanno etica principi e la mancanza di cultura è uno dei motivi di questo incrementarsi di violenza e ignoranza, ma si sa, governare un popolo ignorante è più facile». Sui progetti avviati e finiti in un soffio di vento, come Zac, Zisa Arti Contemporanee, commenta: «Zac era un sogno cosciente, grazie a Francesco Giambrone e al gruppo ristretto di addetti ai lavori abbiamo vissuto un bellissimo episodio, frutto di tanto lavoro poi vanificato dalle troppe conflittualità che vivono i Cantieri Culturali e che li rendono un’occasione perduta». 

Immaginando un futuro diverso, chiediamo a Francesco Pantaleone se accetterebbe un incarico pubblico: «Se mi venisse conferito, non mi tirerei indietro. Perché da cittadino sento il dovere di aiutare questa terra, da sempre sotto i riflettori per la sua portata storica e per la sua natura energetica. So che gli artisti di tutto il mondo ne sarebbero attratti, attendono solo un gesto concreto», risponde. «Se devo cadere, voglio farlo sul campo – conclude – E credo che qui bisogna essere bravi per non far decollare qualcosa, non il contrario».


Dalla stessa categoria

I più letti

Da Riso a Zac, sono troppi i progetti del capoluogo siciliano finiti in un soffio o agonizzanti. Colpa «dell'assenza dell'amministrazione pubblica», commenta il gallerista palermitano di fama internazionale. Che spiega: «Qui bisogna essere bravi per non far decollare qualcosa, non il contrario»

Se c’è una cosa che non si può comprare, è il tempo. Lo sanno bene gli imprenditori, spesso alle prese con la burocrazia e la risoluzione dei problemi, che lasciano poco spazio allo sviluppo delle proprie attività. Una di queste preoccupazioni, però, ha una soluzione facile: si tratta della flotta auto aziendali, gestibile risparmiando tempo […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Sid Vicious ha ammazzato la sua compagna Nancy (non andò a processo perché morì di overdose). Bill Cosby sta facendo collezione di denunce per violenza sessuale. A Harvey Weinstein sappiamo tutti com’è finita. C’hanno fatto anche un movimento, il #metoo, per sensibilizzare alla violenza di genere tra i vipponi. Ma al governo italiano piacciono soltanto […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Non siamo una città. Siamo un incubo. Uno di quelli realistici, ma talmente esagerati che non possono essere veri. E, prima o poi, infatti, ci si sveglia. È però una lunga notte quella che stiamo vivendo da cittadini: catanesi oggi, palermitani appena un anno fa, siciliani tutti. Un sonno profondo che si rinnova a ogni […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]