L’hotel di lusso tolto alla mafia, la proposta di gestione dei lavoratori in cooperativa: «È un sogno di legalità»

Da hotel di lusso confiscato alla mafia a simbolo di impegno collettivo dei lavoratori. Potrebbe essere questa la storia a lieto fine del Sigonella Inn. La struttura ricettiva che si trova nel territorio di Motta Sant’Anastasia, non distanza dalla base aerea americana, è stata confiscata definitivamente nel 2016 all’avvocato Placido Aiello. Genero del cavaliere del lavoro Gaetano Graci, uno dei quattro che il giornalista Pippo Fava considerò fautori dell’apocalisse mafiosa, Aiello proprio insieme a lui è stato arrestato negli anni Novanta – nell’ambito dell’operazione Sagittario – con la pesante accusa di essere stato a disposizione della famiglia del boss Nitto Santapaola. Da sette anni, l’hotel è gestito dall’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata (Anbsc). Adesso, dodici dei diciotto lavoratori che erano stati dipendenti hanno creato una cooperativa (la Sigonella Inn società cooperativa per azioni) e chiedono la struttura in comodato d’uso gratuito. «La speranza – spiega a MeridioNews Giuseppe Celeste che a 36 anni è stato scelto per essere il presidente della cooperativa – è che l’agenzia ci risponda in poco tempo perché abbiamo delle belle idee per rilanciarlo e tanta voglia di lavorare per metterle in pratica».

Un percorso lungo e tortuoso quello che i lavoratori del Sigonella Inn hanno dovuto affrontare finora. Con l’arrivo dei tre commissari nominati dall’Anbsc, i dipendenti sono stati prima licenziati e poi, mano mano, richiamati a partire dal 2017. Tra indennità di disoccupazione che si assottiglia sempre di più, decidono di mettersi insieme per portare avanti la loro idea di gestione del bene tolto alla mafia. E, in questo percorso, non sono stati soli. Ad accompagnarli ci sono la Filcams Cgil di Catania e la Lega Coop Sicilia. «Siamo al loro fianco in questo sogno di legalità – dice al nostro giornale il segretario generale della Filcams Davide Foti – Adesso manca solo quest’ultimo tassello dell’approvazione del progetto da parte dell’agenzia». Un progetto dotato, come vogliono le regole, di Piano industriale, innovazioni per i servizi futuri e garanzie per l’occupazione. «In questi anni, gli aspiranti proprietari – ci tiene a sottolineare il sindacalista – hanno continuato a lavorare, ciascuno con le proprie mansioni legate al settore turismo».

Dal cuoco ai camerieri, dall’amministrativo all’addetto alla reception fino al responsabile dell’organizzazione. «Ognuno di noi ha continuato a portare avanti il proprio lavoro riconoscendone anche il valore sociale – aggiunge Celeste – Fino a quando nel dicembre del 2022 abbiamo dato vita alla cooperativa. Un’idea che, in realtà, ci era venuta già subito dopo la confisca dell’albergo. Del resto, gestivamo già autonomamente tutto noi prendendoci anche la responsabilità di decisioni importanti». Così, l’unione tra il gruppo di lavoratori si è cementata e quella che era solo un’idea è diventato un progetto concreto. «Adesso – conclude il presidente della cooperativa – speriamo solo che a breve ci consegnino le chiavi della struttura per continuare, con l’entusiasmo e la determinazione che ci ha contraddistinti in questi anni, a realizzare il nostro sogno». Un sogno che non è solo privato ma anche collettivo: trasformare un luogo simbolo degli affari della mafia in segno del riscatto di una comunità che passa per un gruppo di lavoratori ispirati anche dalla storia rivoluzionaria di Geotrans.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]