C’è un bar in Sicilia dove il caffè costa solo 30 centesimi. «Un gesto onesto e coraggioso»

In un momento storico segnato da costi aggiuntivi per tagliare a metà un toast o una crepe, ad Alia – tra le Madonie sud-occidentali nella città metropolitana di Palermo – c’è un bar che sembra rimasto fuori dal tempo: un caffè costa solo 30 centesimi e non c’è nessun sovrapprezzo da pagare nemmeno per il servizio al tavolo. Quella del bar pasticceria rosticceria Perrone, che dal 1960 si trova in via Giuseppe Garibaldi, è una filosofia sociale e di marketing che arriva da lontano e nasce da un’intuizione di Bernardo Perrone. Il fondatore del locale morto qualche anno fa che, negli anni Sessanta, ha deciso di fare del caffè un prodotto civetta. Venduto a un prezzo basso (oggi quasi un quarto rispetto al costo medio di una tazzina che è di 1,09 euro secondo i dati di Comunicaffè), l’espresso diventa un’esca per attirare i clienti nel bar e aumentare anche le vendite di altri prodotti. Una strategia imprenditoriale e commerciale che, in più di sessant’anni, ha resistito portata avanti di generazione in generazione e ha fatto del bar Perrone quello con il costo del caffè più basso d’Italia. Dalle 20 lire degli anni Settanta (meno di un terzo rispetto ad altri locali), fino a 300 lire alla fine del vecchio conio poi convertito a 20 centesimi nell’epoca dell’arrivo dell’euro. Dieci centesimi in più sono stati aggiunti causa Covid e rincaro delle bollette di luce e gas.

Nell’antico feudo conosciuto con l’appellativo di Città giardino, si può parlare di scontrini pazzi che fanno venire ai (pochi) turisti il dubbio che sul conto ci sia stato un qualche tipo di errore. Ma in senso opposto rispetto al fenomeno che ha infuocato l’estate italiana e anche quella siciliana: dai 2 euro in più messi nel conto di un turista sul lago di Como per tagliare a metà un toast ai 10 centesimi aggiunti per un cappuccino senza schiuma (ma con più latte) in un bar di Ostia, un euro di sovrapprezzo per dividere in due una crepe a Lecce, mentre un piatto vuoto da portare al tavolo è costato due euro in Liguria. Sull’Isola a fare discutere sono stati in modo particolare, un arancino (maschile perché catanese) a 6 euro e 20 centesimo all’aeroporto etneo di Fontanarossa e un piatto di spaghetti all’astice fatto pagare 126 in un ristorante a Siracusa. Controcorrente vanno i Perrone con i loro 30 centesimi a caffè in un bar a gestione totalmente familiare: in laboratorio a preparare dolci e salati c’è Giuseppe insieme al figlio Bernardo (che porta il nome del nonno fondatore), alla cassa c’è sua moglie Mariagrazia, mentre dietro il bancone c’è sua figlia Tecla. A supervisionare tutti c’è Santina, la vedova del fondatore che oggi ha 93 anni.

Nel bar con il caffè più economico d’Italia, tra bancone e tavolini, vengono servite circa 857 tazzine al giorno. Sei chili al giorno di chicchi macinati che talvolta, in giornate più particolari, diventano anche nove. Il listino esposto è chiaro: un espresso costa 30 centesimi; il doppio viene a costare il caffè freddo; 40 centesimi quello macchiato e 80 quello corretto o decaffeinato, per un cappuccino si paga un euro come per un ginseng o un orzo. Sui dolci e sui pezzi di rosticceria non ci sono rincari. Il bicchiere d’acqua è compreso nel prezzo, così come il servizio ai tavolini sia dentro che fuori. «Grandi e coraggiosi! – si legge nell’ultimo commento che un cliente del bar di Alia ha lasciato su TripAdvisor – Di questi periodi è veramente rischioso ma al cuore non si comanda. Dieci, cento, mille bar Perrone in tutta Italia». Un augurio condiviso da molti altri avventori che sottolineano come il prezzo basso non tolga nulla alla qualità del caffè.


Dalla stessa categoria

I più letti

In un momento storico segnato da costi aggiuntivi per tagliare a metà un toast o una crepe, ad Alia – tra le Madonie sud-occidentali nella città metropolitana di Palermo – c’è un bar che sembra rimasto fuori dal tempo: un caffè costa solo 30 centesimi e non c’è nessun sovrapprezzo da pagare nemmeno per il […]

In un momento storico segnato da costi aggiuntivi per tagliare a metà un toast o una crepe, ad Alia – tra le Madonie sud-occidentali nella città metropolitana di Palermo – c’è un bar che sembra rimasto fuori dal tempo: un caffè costa solo 30 centesimi e non c’è nessun sovrapprezzo da pagare nemmeno per il […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]