Ballarò, un gambiano aggredito da una baby gang  Incisivi rotti. «Perché i bianchi ce l’hanno con me?»

«Perché i bianchi ce l’hanno con me?». È difficile rispondere alla domanda che da due giorni pone Abas (il nome è di fantasia, ndr), un ragazzo proveniente dal Gambia che domenica scorsa è stato aggredito da una baby gang palermitana. L’episodio è stato riferito da Abas a Maurizio Li Muli, responsabile della comunità dove vive insieme ad altri 12 minori stranieri non accompagnati nel cuore di Ballarò. Intorno alle 19 il giovane si trovava in via Maqueda, nella parte bassa che conduce alla stazione centrale, in un punto dove è possibile usufruire del wi-fi libero. E qui è stato avvicinato da un gruppo di giovani palermitani. Che all’improvviso, e «senza alcun motivo», gli hanno sferrato alcuni pugni in faccia per poi scappare rapidamente.

«Pum pum pum» dice ancora impaurito Abas, rendendo con una semplice parola onomatopeica la violenza dell’episodio. «La conseguenza del gesto vede due incisivi rotti e alcuni punti dello zigomo fracassati – racconta Li Muli – Ora siamo in ospedale, perché da due giorni lamenta dolori alla mandibola, non riesce ad aprirla». La paura e la sfiducia sono così forte in Abas che finora non ha voluto denunciare i suoi aggressori. La polizia in ogni caso ha già tutti i dati a disposizione, tra cui il referto medico, e sta verificando se ci sono telecamere nella zona che possano aiutare a trovare gli aggressori. «Io sono tranquillo, non ho fatto niente, ma ora ho paura dei bianchi» continua a dire Abas.

Il ragazzo è originario del Gambia e vive da due anni in Italia. «Soffre di sindrome post traumatica – dice Muli – e ha già i suoi problemi con la giustizia. È seguito dall’Asp 6 del servizio di Psicologia, ha subito violenze nei lager libici per cui quando vede una divisa ha paura e ha crisi di ansia molto forti. Attualmente si trova in comunità, gli è stata riconosciuta la protezione internazionale ma per via del decreto Sicurezza è come se fosse un clandestino: gli è scaduto il permesso di soggiorno, visto che quando è fuggito dal Gambia non ha portato con sé documenti e quindi gli manca il necessario passaporto. Nonostante il tribunale dei minori lo abbia riconosciuto, tanto da affidarlo alla nostra comunità, la questura di Palermo non rilascia il rinnovo». 

Un caso come tanti, quello di Abas, che già di per sé grave viene ulteriormente appesantito dall’episodio di due giorni fa. E non solo: la cooperativa sociale Rinascita, che gestisce la comunità dove vive Abas, è da tempo in forte difficoltà. «Da un anno non riceviamo finanziamenti da parte del Comune, per cui i dipendenti della cooperativa vivono in deficit e vanno avanti con i soldi dei soci, che però non bastano più – spiega Li Muli – Abbiamo grossissimi problemi a portare avanti anche il minimo indispensabile, cioè vitto e alloggio». 


Dalla stessa categoria

I più letti

Se c’è una cosa che non si può comprare, è il tempo. Lo sanno bene gli imprenditori, spesso alle prese con la burocrazia e la risoluzione dei problemi, che lasciano poco spazio allo sviluppo delle proprie attività. Una di queste preoccupazioni, però, ha una soluzione facile: si tratta della flotta auto aziendali, gestibile risparmiando tempo […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Sid Vicious ha ammazzato la sua compagna Nancy (non andò a processo perché morì di overdose). Bill Cosby sta facendo collezione di denunce per violenza sessuale. A Harvey Weinstein sappiamo tutti com’è finita. C’hanno fatto anche un movimento, il #metoo, per sensibilizzare alla violenza di genere tra i vipponi. Ma al governo italiano piacciono soltanto […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Non siamo una città. Siamo un incubo. Uno di quelli realistici, ma talmente esagerati che non possono essere veri. E, prima o poi, infatti, ci si sveglia. È però una lunga notte quella che stiamo vivendo da cittadini: catanesi oggi, palermitani appena un anno fa, siciliani tutti. Un sonno profondo che si rinnova a ogni […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]