Bagni pubblici, servizio carente in quasi tutta la città Multiservizi: «Gestione complicata e poche indicazioni»

Lucchetti in metallo, talvolta sostituiti con pezzi di corda, rendono impossibile l’accesso ai bagni comunali di Catania. «Non ce ne siamo mai occupati». La risposta rimbalza da un ufficio comunale all’altro e riguarda lo stato dei servizi igienici pubblici dislocati nel capoluogo. Malridotti e segnati dal tempo, insieme alla manutenzione del verde e delle aree attrezzate sono uno dei simboli di una città che ai servizi forse sta cominciando a badare adesso. 

Sulla scorta della lista divulgata da Palazzo degli Elefanti, MeridioNews ha verificato lo stato dell’arte dei bagni pubblici in città. Il risultato? ll servizio fa acqua da tutte le parti. Tra cancelli sbarrati, immondizia, pareti ammuffite, la maggior parte delle strutture igieniche si sono trasformate in discariche. Tra queste ci sono quelle in piazza Santa Maria di Gesù, in piazza Cavour e in piazza Palestro

Un servizio che per il periodo compreso tra aprile e dicembre 2020 ha impegnato il Comune a spendere circa 66mila euro – comprensivi di Iva – per la pulizia di sei locali igienici eseguita da Multiservizi spa, la società che si occupa di manutenzione in città. «Sono soldi relativi al servizio annuale», precisa la presidente Serena Spoto interpellata dal nostro giornale. Nel 2019 Palazzo degli Elefanti – con provvedimento dirigenziale del 3 febbraio 2020 – ne ha spesi oltre 500mila per l’erogazione dello stesso servizio.

Se questi sono i più noti, in realtà, sul sito del Comune compare un elenco, aggiornato a luglio 2014, in cui vengono riportati circa venti locali adibiti a bagni pubblici: da via Acquicella, passando a via Belfiore fino a piazza Federico di Svevia. Di questi solo sei sono attivi. Si tratta di quelli di via Lavandaie, vicino a villa Pacini, via Candio, del Parco Gioieni, dei due all’interno della villa Bellini e di quello nel parco Madre Teresa di Calcutta, in via Eleonora D’Angiò. Dei restanti 14 in alcuni casi non c’è traccia tra le vie della città o non ci sono indicazioni che ne facilitino l’individuazione. Altri, sebbene in elenco, risultano chiusi, lasciati all’incuria e ad atti di vandalismo. 

Un problema diventato fenomeno alla cui origine per Spoto contribuirebbe pure la transizione dalla pulizia e custodia 24 ore su 24 ai cosiddetti passaggi giornalieri e senza presidio. In media quattro turni al giorno, compresi i festivi, per ognuna delle sei strutture attive. «Siamo in arretrato con i pagamenti e, a volte, a causa delle certificazioni carenti o addirittura mancanti, non si comprende nemmeno bene dove siano allocati i bagni», è la chiusa di Spoto.


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]