Come saranno le auto del futuro?

In futuro del settore automobilistico sarà sempre più indirizzato sulle auto con totale autonomia, vale a dire senza il bisogno di un guidatore; oltre questa tipologia si parla anche di auto elettriche, che permetteranno di muoversi senza l’uso di carburanti ad alte emissioni come la benzina. L’utilizzo di nuove tecnologie per le autovetture del futuro cambierà radicalmente il settore, anche per quanto riguarda la vendita al dettaglio dei singoli componenti.

Come saranno gli pneumatici?
Cosa vorranno dirci le spie della batteria accese sui nostri device con app dedite a monitorare la performance dell’auto?
Al giorno d’oggi la maggior parte della popolazione dipende dal proprio cellulare, quindi in futuro si punterà a far diventare l’automobile un vero e proprio schermo sempre più simile a quello di uso quotidiano. Non accadrà fra 50 anni, ma anzi il futuro delle auto intelligenti sembra essere sempre più vicino. Il primo punto su cui il settore automobilistico sta scommettendo è quello di rendere le auto sempre più connesse con il mondo esterno.

Iperconnessione

L’iperconnessione diventerà tale da poter connettere totalmente il proprio smartphone all’auto, garantendo alti sistemi di navigazione e intrattenimento digitale, fino ad arrivare al punto di poter accendere il riscaldamento di casa dagli schermi del proprio veicolo.

Un’altra importante novità avverrà nel modo di gestire le emergenze: un dispositivo di chiamata immediato faciliterebbe un’azione sempre più rapida da parte dei servizi di emergenza in caso di incidente.

Le auto saranno connesse grazie alle nuove tecnologie 5G, che permetteranno di scambiare continuamente informazioni su larga banda. Processando una grande quantità di dati, le auto comunicheranno continuamente in maniera immediata con l’esterno, potendo così trasmettere la propria posizione in tempo reale e dare informazioni sempre più dettagliate sul traffico.

Auto autonome

Le auto autonome, vale a dire senza il bisogno di un conducente, sono quelle su cui si sta puntando di più, e già adesso molti produttori hanno sviluppato numerosi prototipi. Prendiamo in esempio Google, con la sua auto senza volante né pedali, che con i nuovi sistemi di sensori Ford potrà essere parcheggiata senza il bisogno di un volante.

I veicoli autonomi si dividono in 5 livelli, partendo dal livello 1 fino ad arrivare alla totale autonomia con il livello 5. Gli indizi ci fanno ben sperare che raggiungeremo una totale automazione del veicolo su strada entro pochi anni, ma vanno presi in considerazione una molteplicità di fattori.

Proprio per questo non possiamo dare una stima esatta sul tempo che ci vorrà per raggiungerla. Ma tutto fa pensare che questo avverrà nel breve/medio termine, tenendo in considerazione che la maggior parte delle aziende come Mercedes Benz o Audi si sta già muovendo in quella direzione ormai da tempo.

Un cambiamento continuo

L’industria automobilistica non smette mai di pensare a nuove idee, guardando sempre più al futuro e anticipando le mosse dei prossimi decenni. Alcuni esperti confermano infatti che in futuro le auto potrebbero diventare trasformabili sia all’interno che all’esterno, facendo così diventare realtà quello che solo nei film di fantascienza siamo riusciti a vedere.

Gli obiettivi da raggiungere sono molteplici, prima di tutto arrivare a zero emissioni entro il 2050, una data limite imposta da una nuova legislazione della normativa europea sul clima. Inoltre entro il 2030 dovranno cessare le vendite di auto nuove con motori a benzina o diesel, un chiaro segno di cambiamento.

Un altro obiettivo da raggiungere è invece quello del totale comfort alla guida, che si traduce nella fine degli ingorghi, delle code interminabili, nella maggiore sicurezza e nello spazio all’interno dell’auto. Saranno molte le novità su questo punto, si sta puntando ad integrare nuovi dispositivi per una totale sicurezza, come ad esempio la frenata automatica in caso di ostacoli improvvisi, o degli avvisi nel caso di distrazione o stanchezza del conducente.

Per poter garantire un futuro stabile alla guida occorre che tutte queste nuove tecnologie siano studiate alla perfezione, il che comporta molta sperimentazione e meticolosità. Quello che possiamo concludere è che passerà ancora del tempo prima che la società riesca a ottenere tutto questo.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]