Australian Open, oggi in campo Djokovic e Murray

Forse per via del fatto che i primi turni degli slam sono una gran noia, Nadal ha pensato bene di concedere un’intervista in cui – en passant – accusava Federer, in buona sostanza, di avere troppo talento. “Bravi tutti”, ha detto più o meno lo spagnolo, “a non lamentarsi della lunghezza della stagione e ai dolori alle varie articolazioni quando sei stato baciato dagli dei. Ma noi poveri mortali dobbiamo correre il triplo e penare il quadruplo se vogliamo far partita pari. E’ chiaro che dopo 5-6 anni siamo pronti per la pensione”. Simile singolare argomentazione è stata seguita da un ancor più sospetto appello a bloccare il ranking sui due anni, in modo da evitare troppi guai per i più forti. Ne è nata una diatriba che riprenderà alla fine del torneo australiano, perché adesso tutti quanti saranno in più serie faccende affacendati. Anche perché il rischio di distrarsi è grande. Per fortuna i tornei dello slam si giocano sulla distanza dei tre set su cinque e quindi puoi tranquillamente recuperare un set di svantaggio – vedi del Potro e Almagro – o addirittura due, com’è successo al “guru” Dolgolopov, che ha scherzato col fuoco, e al giovane Tomic. Non è stato troppo complicato ieri pronosticare che l’incontro della speranza locale sarebbe stato interessante. Il bizzarro ragazzotto di origini slave, uno che non è proprio raccomandabile incontrare di notte in una strada buia, ha perso il primo set per via di un solo break e il secondo al tie break. Contro un giocatore più esperto in genere tutto questo è sufficiente per andare anzitempo sotto la doccia, ma Verdasco si avvia mestamente a diventare un ex senza avere imparato troppo. Lo spagnolo ha ceduto di schianto alla freschezza dell’avversario, che adesso rischia di incrociare la strada di Federer tra un paio di turni. Speriamo. Ma anche l’altro ragazzino Dimitrov è uscito fuori in bellezza da un quinto set contro un giocatore magari non all’altezza di Verdasco ma sicuramente esperto, come il francese Chardy. Il 6/4 del set conclusivo fa bene sperare per il prosieguo del torneo. Detto che Federer e Nadal non hanno avuto problemi per liquidare la loro pratica quotidiana, rimane il capitolo degli italiani. E se dobbiamo rivolgere i soliti complimenti a Cipolla, che è stato bravo a battere un Davydenko che, seppur ormai non all’altezza dei fasti di un tempo non si batte da solo, rimane la solita frustrazione per il povero Fognini che col colombiano Falla è riuscito a perdere in quattro set. Il ligure rischia davvero di diventare un comprimario com’è successo a Bolelli anche se per fortuna il Roland Garros è ancora lontano e quindi per un po’ un posto tra i primi 50 è garantito. Magari si metterà a fare il tifo per la proposta Nadal per vivacchiare un altro anno. Spiace e sorprende infine la brutta partita della Pennetta, sconfitta in tre set e costretta a tornare mestamente a casa. Non ci resta che sperare nella Schiavone per arrivare alla seconda settimana del torneo australiano.

Oggi è il turno di Djokovic e Murray, con lo scozzese che dovrà evitare di distrarsi troppo contro Harrison mentre solo un coccolone potrebbe provocare qualche fastidio al numero uno del mondo e detentore del titolo. Non certo il nostro Lorenzi, che sarà già contento di essere sul campo centrale e che si augurerà al massimo di non prendere una severa lezione. Anche oggi c’è una folta pattuglia di connazionali ma mentre il 4-2 di ieri era ampiamente pronosticabile stavolta le cose andranno peggio. Dei cinque maschi impegnati oggi solo Starace ha una qualche possibilità di passare il turno mentre, come sempre, dalle due donne possiamo aspettarci di più, magari le due vittorie. Un 3-4 complessivo sarebbe già un gran risultato, meglio è impossibile.

Se volete divertirvi un po’, date un’occhiata a Llodra-Gulbis e alla partita tra la Dulko e la Sharapova. Il resto della giornata si presenta un po’ noioso, anche se tira aria di sorpresa dalle parti di Roddick, impegnato contro l’olandese Haase.

Principali risultati: (s.m.) Tomic b.Verdasco 4/6 6/7 (3) 6/4 6/2 7/5; Federer b. Kudryatsev 7/5 6/2 6/2; Del Potro b. Mannarino 2/6 6/1 7/5 6/4; Nadal-Kutzentsov 6/4 6/1 6/1; Dolgolopov b. Jones 1/6 4/6 6/1 6/1 6/2; Dimitrov b. Chardy 4/6 6/3 3/6 6/4 6/4; Falla b. Fognini 6/3 6/2 3/6 6/1; Cipolla b. Davydenko 6/4 4/6 3/6 6/2 6/1.

(s.f.) Schiavone b. Pous Tio 6/1 6/3; Bratchikova b. Pennetta 6/3 1/6 6/2. Tutti i risultati in www.australianopen.com

 

 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Forse per via del fatto che i primi turni degli slam sono una gran noia, nadal ha pensato bene di concedere un'intervista in cui – en passant – accusava federer, in buona sostanza, di avere troppo talento. "bravi tutti", ha detto più o meno lo spagnolo, "a non lamentarsi della lunghezza della stagione e ai dolori alle varie articolazioni quando sei stato baciato dagli dei. Ma noi poveri mortali dobbiamo correre il triplo e penare il quadruplo se vogliamo far partita pari. E' chiaro che dopo 5-6 anni siamo pronti per la pensione". Simile singolare argomentazione è stata seguita da un ancor più sospetto appello a bloccare il ranking sui due anni, in modo da evitare troppi guai per i più forti. Ne è nata una diatriba che riprenderà alla fine del torneo australiano, perché adesso tutti quanti saranno in più serie faccende affacendati. Anche perché il rischio di distrarsi è grande. Per fortuna i tornei dello slam si giocano sulla distanza dei tre set su cinque e quindi puoi tranquillamente recuperare un set di svantaggio – vedi del potro e almagro – o addirittura due, com'è successo al "guru" dolgolopov, che ha scherzato col fuoco, e al giovane tomic. Non è stato troppo complicato ieri pronosticare che l'incontro della speranza locale sarebbe stato interessante. Il bizzarro ragazzotto di origini slave, uno che non è proprio raccomandabile incontrare di notte in una strada buia, ha perso il primo set per via di un solo break e il secondo al tie break. Contro un giocatore più esperto in genere tutto questo è sufficiente per andare anzitempo sotto la doccia, ma verdasco si avvia mestamente a diventare un ex senza avere imparato troppo. Lo spagnolo ha ceduto di schianto alla freschezza dell'avversario, che adesso rischia di incrociare la strada di federer tra un paio di turni. Speriamo. Ma anche l'altro ragazzino dimitrov è uscito fuori in bellezza da un quinto set contro un giocatore magari non all'altezza di verdasco ma sicuramente esperto, come il francese chardy. Il 6/4 del set conclusivo fa bene sperare per il prosieguo del torneo. Detto che federer e nadal non hanno avuto problemi per liquidare la loro pratica quotidiana, rimane il capitolo degli italiani. E se dobbiamo rivolgere i soliti complimenti a cipolla, che è stato bravo a battere un davydenko che, seppur ormai non all'altezza dei fasti di un tempo non si batte da solo, rimane la solita frustrazione per il povero fognini che col colombiano falla è riuscito a perdere in quattro set. Il ligure rischia davvero di diventare un comprimario com'è successo a bolelli anche se per fortuna il roland garros è ancora lontano e quindi per un po' un posto tra i primi 50 è garantito. Magari si metterà a fare il tifo per la proposta nadal per vivacchiare un altro anno. Spiace e sorprende infine la brutta partita della pennetta, sconfitta in tre set e costretta a tornare mestamente a casa. Non ci resta che sperare nella schiavone per arrivare alla seconda settimana del torneo australiano.

Forse per via del fatto che i primi turni degli slam sono una gran noia, nadal ha pensato bene di concedere un'intervista in cui – en passant – accusava federer, in buona sostanza, di avere troppo talento. "bravi tutti", ha detto più o meno lo spagnolo, "a non lamentarsi della lunghezza della stagione e ai dolori alle varie articolazioni quando sei stato baciato dagli dei. Ma noi poveri mortali dobbiamo correre il triplo e penare il quadruplo se vogliamo far partita pari. E' chiaro che dopo 5-6 anni siamo pronti per la pensione". Simile singolare argomentazione è stata seguita da un ancor più sospetto appello a bloccare il ranking sui due anni, in modo da evitare troppi guai per i più forti. Ne è nata una diatriba che riprenderà alla fine del torneo australiano, perché adesso tutti quanti saranno in più serie faccende affacendati. Anche perché il rischio di distrarsi è grande. Per fortuna i tornei dello slam si giocano sulla distanza dei tre set su cinque e quindi puoi tranquillamente recuperare un set di svantaggio – vedi del potro e almagro – o addirittura due, com'è successo al "guru" dolgolopov, che ha scherzato col fuoco, e al giovane tomic. Non è stato troppo complicato ieri pronosticare che l'incontro della speranza locale sarebbe stato interessante. Il bizzarro ragazzotto di origini slave, uno che non è proprio raccomandabile incontrare di notte in una strada buia, ha perso il primo set per via di un solo break e il secondo al tie break. Contro un giocatore più esperto in genere tutto questo è sufficiente per andare anzitempo sotto la doccia, ma verdasco si avvia mestamente a diventare un ex senza avere imparato troppo. Lo spagnolo ha ceduto di schianto alla freschezza dell'avversario, che adesso rischia di incrociare la strada di federer tra un paio di turni. Speriamo. Ma anche l'altro ragazzino dimitrov è uscito fuori in bellezza da un quinto set contro un giocatore magari non all'altezza di verdasco ma sicuramente esperto, come il francese chardy. Il 6/4 del set conclusivo fa bene sperare per il prosieguo del torneo. Detto che federer e nadal non hanno avuto problemi per liquidare la loro pratica quotidiana, rimane il capitolo degli italiani. E se dobbiamo rivolgere i soliti complimenti a cipolla, che è stato bravo a battere un davydenko che, seppur ormai non all'altezza dei fasti di un tempo non si batte da solo, rimane la solita frustrazione per il povero fognini che col colombiano falla è riuscito a perdere in quattro set. Il ligure rischia davvero di diventare un comprimario com'è successo a bolelli anche se per fortuna il roland garros è ancora lontano e quindi per un po' un posto tra i primi 50 è garantito. Magari si metterà a fare il tifo per la proposta nadal per vivacchiare un altro anno. Spiace e sorprende infine la brutta partita della pennetta, sconfitta in tre set e costretta a tornare mestamente a casa. Non ci resta che sperare nella schiavone per arrivare alla seconda settimana del torneo australiano.

Forse per via del fatto che i primi turni degli slam sono una gran noia, nadal ha pensato bene di concedere un'intervista in cui – en passant – accusava federer, in buona sostanza, di avere troppo talento. "bravi tutti", ha detto più o meno lo spagnolo, "a non lamentarsi della lunghezza della stagione e ai dolori alle varie articolazioni quando sei stato baciato dagli dei. Ma noi poveri mortali dobbiamo correre il triplo e penare il quadruplo se vogliamo far partita pari. E' chiaro che dopo 5-6 anni siamo pronti per la pensione". Simile singolare argomentazione è stata seguita da un ancor più sospetto appello a bloccare il ranking sui due anni, in modo da evitare troppi guai per i più forti. Ne è nata una diatriba che riprenderà alla fine del torneo australiano, perché adesso tutti quanti saranno in più serie faccende affacendati. Anche perché il rischio di distrarsi è grande. Per fortuna i tornei dello slam si giocano sulla distanza dei tre set su cinque e quindi puoi tranquillamente recuperare un set di svantaggio – vedi del potro e almagro – o addirittura due, com'è successo al "guru" dolgolopov, che ha scherzato col fuoco, e al giovane tomic. Non è stato troppo complicato ieri pronosticare che l'incontro della speranza locale sarebbe stato interessante. Il bizzarro ragazzotto di origini slave, uno che non è proprio raccomandabile incontrare di notte in una strada buia, ha perso il primo set per via di un solo break e il secondo al tie break. Contro un giocatore più esperto in genere tutto questo è sufficiente per andare anzitempo sotto la doccia, ma verdasco si avvia mestamente a diventare un ex senza avere imparato troppo. Lo spagnolo ha ceduto di schianto alla freschezza dell'avversario, che adesso rischia di incrociare la strada di federer tra un paio di turni. Speriamo. Ma anche l'altro ragazzino dimitrov è uscito fuori in bellezza da un quinto set contro un giocatore magari non all'altezza di verdasco ma sicuramente esperto, come il francese chardy. Il 6/4 del set conclusivo fa bene sperare per il prosieguo del torneo. Detto che federer e nadal non hanno avuto problemi per liquidare la loro pratica quotidiana, rimane il capitolo degli italiani. E se dobbiamo rivolgere i soliti complimenti a cipolla, che è stato bravo a battere un davydenko che, seppur ormai non all'altezza dei fasti di un tempo non si batte da solo, rimane la solita frustrazione per il povero fognini che col colombiano falla è riuscito a perdere in quattro set. Il ligure rischia davvero di diventare un comprimario com'è successo a bolelli anche se per fortuna il roland garros è ancora lontano e quindi per un po' un posto tra i primi 50 è garantito. Magari si metterà a fare il tifo per la proposta nadal per vivacchiare un altro anno. Spiace e sorprende infine la brutta partita della pennetta, sconfitta in tre set e costretta a tornare mestamente a casa. Non ci resta che sperare nella schiavone per arrivare alla seconda settimana del torneo australiano.

Forse per via del fatto che i primi turni degli slam sono una gran noia, nadal ha pensato bene di concedere un'intervista in cui – en passant – accusava federer, in buona sostanza, di avere troppo talento. "bravi tutti", ha detto più o meno lo spagnolo, "a non lamentarsi della lunghezza della stagione e ai dolori alle varie articolazioni quando sei stato baciato dagli dei. Ma noi poveri mortali dobbiamo correre il triplo e penare il quadruplo se vogliamo far partita pari. E' chiaro che dopo 5-6 anni siamo pronti per la pensione". Simile singolare argomentazione è stata seguita da un ancor più sospetto appello a bloccare il ranking sui due anni, in modo da evitare troppi guai per i più forti. Ne è nata una diatriba che riprenderà alla fine del torneo australiano, perché adesso tutti quanti saranno in più serie faccende affacendati. Anche perché il rischio di distrarsi è grande. Per fortuna i tornei dello slam si giocano sulla distanza dei tre set su cinque e quindi puoi tranquillamente recuperare un set di svantaggio – vedi del potro e almagro – o addirittura due, com'è successo al "guru" dolgolopov, che ha scherzato col fuoco, e al giovane tomic. Non è stato troppo complicato ieri pronosticare che l'incontro della speranza locale sarebbe stato interessante. Il bizzarro ragazzotto di origini slave, uno che non è proprio raccomandabile incontrare di notte in una strada buia, ha perso il primo set per via di un solo break e il secondo al tie break. Contro un giocatore più esperto in genere tutto questo è sufficiente per andare anzitempo sotto la doccia, ma verdasco si avvia mestamente a diventare un ex senza avere imparato troppo. Lo spagnolo ha ceduto di schianto alla freschezza dell'avversario, che adesso rischia di incrociare la strada di federer tra un paio di turni. Speriamo. Ma anche l'altro ragazzino dimitrov è uscito fuori in bellezza da un quinto set contro un giocatore magari non all'altezza di verdasco ma sicuramente esperto, come il francese chardy. Il 6/4 del set conclusivo fa bene sperare per il prosieguo del torneo. Detto che federer e nadal non hanno avuto problemi per liquidare la loro pratica quotidiana, rimane il capitolo degli italiani. E se dobbiamo rivolgere i soliti complimenti a cipolla, che è stato bravo a battere un davydenko che, seppur ormai non all'altezza dei fasti di un tempo non si batte da solo, rimane la solita frustrazione per il povero fognini che col colombiano falla è riuscito a perdere in quattro set. Il ligure rischia davvero di diventare un comprimario com'è successo a bolelli anche se per fortuna il roland garros è ancora lontano e quindi per un po' un posto tra i primi 50 è garantito. Magari si metterà a fare il tifo per la proposta nadal per vivacchiare un altro anno. Spiace e sorprende infine la brutta partita della pennetta, sconfitta in tre set e costretta a tornare mestamente a casa. Non ci resta che sperare nella schiavone per arrivare alla seconda settimana del torneo australiano.

Forse per via del fatto che i primi turni degli slam sono una gran noia, nadal ha pensato bene di concedere un'intervista in cui – en passant – accusava federer, in buona sostanza, di avere troppo talento. "bravi tutti", ha detto più o meno lo spagnolo, "a non lamentarsi della lunghezza della stagione e ai dolori alle varie articolazioni quando sei stato baciato dagli dei. Ma noi poveri mortali dobbiamo correre il triplo e penare il quadruplo se vogliamo far partita pari. E' chiaro che dopo 5-6 anni siamo pronti per la pensione". Simile singolare argomentazione è stata seguita da un ancor più sospetto appello a bloccare il ranking sui due anni, in modo da evitare troppi guai per i più forti. Ne è nata una diatriba che riprenderà alla fine del torneo australiano, perché adesso tutti quanti saranno in più serie faccende affacendati. Anche perché il rischio di distrarsi è grande. Per fortuna i tornei dello slam si giocano sulla distanza dei tre set su cinque e quindi puoi tranquillamente recuperare un set di svantaggio – vedi del potro e almagro – o addirittura due, com'è successo al "guru" dolgolopov, che ha scherzato col fuoco, e al giovane tomic. Non è stato troppo complicato ieri pronosticare che l'incontro della speranza locale sarebbe stato interessante. Il bizzarro ragazzotto di origini slave, uno che non è proprio raccomandabile incontrare di notte in una strada buia, ha perso il primo set per via di un solo break e il secondo al tie break. Contro un giocatore più esperto in genere tutto questo è sufficiente per andare anzitempo sotto la doccia, ma verdasco si avvia mestamente a diventare un ex senza avere imparato troppo. Lo spagnolo ha ceduto di schianto alla freschezza dell'avversario, che adesso rischia di incrociare la strada di federer tra un paio di turni. Speriamo. Ma anche l'altro ragazzino dimitrov è uscito fuori in bellezza da un quinto set contro un giocatore magari non all'altezza di verdasco ma sicuramente esperto, come il francese chardy. Il 6/4 del set conclusivo fa bene sperare per il prosieguo del torneo. Detto che federer e nadal non hanno avuto problemi per liquidare la loro pratica quotidiana, rimane il capitolo degli italiani. E se dobbiamo rivolgere i soliti complimenti a cipolla, che è stato bravo a battere un davydenko che, seppur ormai non all'altezza dei fasti di un tempo non si batte da solo, rimane la solita frustrazione per il povero fognini che col colombiano falla è riuscito a perdere in quattro set. Il ligure rischia davvero di diventare un comprimario com'è successo a bolelli anche se per fortuna il roland garros è ancora lontano e quindi per un po' un posto tra i primi 50 è garantito. Magari si metterà a fare il tifo per la proposta nadal per vivacchiare un altro anno. Spiace e sorprende infine la brutta partita della pennetta, sconfitta in tre set e costretta a tornare mestamente a casa. Non ci resta che sperare nella schiavone per arrivare alla seconda settimana del torneo australiano.

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]