Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Enna, intimidazioni e omertà per omicidio Paternò
Il movente è da rinvenire in un credito di 20mila euro

Ci sarebbe un clima di assoluto silenzio, anche da parte dei forestali, intorno al reato commesso ai danni dell'uomo il cui corpo è stato trovato carbonizzato a luglio del 2020 ad Arcera agro di Enna, all’interno del cassone del proprio autocarro Mitsubishi L200

Redazione

Foto di: Agi

Foto di: Agi

C'è un clima di intimidazione e omertà intorno all'omicidio di Andrea Paternò, il cui corpo è stato trovato carbonizzato a luglio del 2020, ad Arcera, nelle campagne di Enna. Il cadavere era all’interno del cassone del proprio autocarro Mitsubishi L200, in un vecchio casolare abbandonato. Dopo più di un anno i carabinieri del nucleo investigativo di Enna hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip presso il Tribunale di Caltanissetta nei confronti di quattro soggetti indagati per omicidio aggravato, distruzione di cadavere e incendio seguito da danneggiamento. Si tratta del 63enne pregiudicato F.D.M., il 24enne C.S.G.D.M., G.D.M. 36enne e G.S. 25 enne. Tutti allevatori di Pietraperzia, in provincia di Enna

L'analisi dei sistemi di videosorveglianza pubblici e privati e le intercettazioni hanno permesso di accertare il movente del delitto in un pregresso credito di oltre 20mila euro vantato dalla vittima nei confronti degli indagati. Un credito da cui sarebbe derivato l’ennesimo litigio tra Paternò e i D.M. che si sarebbe concluso con l’uccisione e la distruzione del cadavere della vittima cospargendone il corpo con liquido infiammabile e dandogli fuoco sotto alcune balle di fieno nel cassone del proprio pick-up. 

Secondo la ricostruzione degli inquirenti, quel pomeriggio la vittima sarebbe andata nell’azienda agricola dei D.M., e precisamente da F.D.M., per reclamare la restituzione del credito, venendo però convinto ad andare a prendere dei caffè in vista del successivo incontro con tutti i soggetti interessati. Approfittando del momentaneo allontanamento, gli altri coindagati avrebbero raggiunto D.M. e al ritorno di Paternò, avrebbero proceduto all'uccisione. Successivamente F.D.M. sarebbe andato in un distributore di carburante per prelevare un fusto di gasolio, poi utilizzato per distruggere il corpo. Le indagini hanno inoltre fatto emergere che, tanto i soggetti indagati, quanto la vittima, non fossero estranei a contatti con esponenti delle famiglia mafiose di Pietraperzia e Barrafranca e, più, in generale con contesti mafiosi, anche di primo piano, della provincia di Enna. Si contesta infatti la circostanza aggravante dell'agevolazione delle attività mafiose, sebbene non sia stata riconosciuta dal gip in sede cautelare. 

In sede di indagini, gli inquirenti hanno riscontrato un clima di assoluto silenzio che avrebbe coinvolto anche il personale della forestale che si è occupato di domare l’incendio omettendo qualsiasi segnalazione sulla presenza dell’automezzo incendiato e del cadavere. E le cui posizioni sono attualmente a vaglio dell'autorità giudiziaria. A carico di D.M.C.S. e D.M.G., inoltre,  emerge un quadro indiziario relativamente ad alcuni incendi avvenuti a luglio in aree agricole tra i Comuni di Enna e di Pietraperzia. Reati commessi - secondo gli inquirenti - per imporre la propria pretesa di utilizzare le aree per i loro capi di bestiame, in sprezzo di qualsiasi rispetto del diritto di proprietà. Questi ultimi reati, ancora una volta, sintomatici della pretesa degli indagati di imporre il controllo sul territorio con modalità senza dubbio assimilabili a quelle delle consorterie mafiose.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×