Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Sommatino, padre e figli gestivano spaccio di droga
Tattiche per eludere i controlli delle forze dell'ordine

Salvatore Chiarelli insieme ai figli Fabio e Nicola avrebbe portato avanti il sodalizio finalizzato al commercio di sostanze stupefacenti. Nell'operazione Mola compare anche Chaban Tamraz, 22enne egiziano che collaborava con la famiglia

Redazione

I carabinieri, supportati dall'unità cinofila, hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di quattro soggetti, tre italiani e un egiziano, emessa dal giudice per le indagini preliminari. L'operazione denominata Mola è partita da un'indagine investigativa da parte dei militari che ha consentito di disarticolare un'associazione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti nel Comune di Sommatino, in provincia di Caltanissetta. Le verifiche da parte degli inquirenti, iniziate a febbraio del 2019, hanno fatto emergere l'esistenza di un sodalizio criminale dedito al traffico di cocaina e hashish, principalmente portato avanti dalla famiglia Chiarelli

Salvatore Chiarelli, 54 anni, residente a Sommatino, oltre a essere accusato per episodi inerenti allo spaccio di droga, è ritenuto responsabile di reati contro la persona e il patrimonio, anche a sfondo associativo. Chiarelli, infatti, avrebbe coordinato le attività illecite degli altri componenti del gruppo criminale, fornendo loro indicazioni sui comportamenti da tenere così da eludere i controlli delle forze dell'ordine, mettendo inoltre a disposizione la propria rete di conoscenze tra i soggetti gravitanti nel narcotraffico e la propria abitazione di campagna per nascondere le sostanze stupefacenti. 

La droga, approvvigionata principalmente da un canale operante su Caltanissetta, veniva immessa nel mercato clandestino di Sommatino da Fabio Chiarelli, 29enne figlio di Salvatore, con a carico dei precedenti penali legati a delitti contro il patrimonio e la persona. A collaborare nell'attività erano anche il 26enne Nicola Chiarelli, altro figlio di Salvatore, accusato di reati contro il patrimonio e afferenti alle sostanze stupefacenti, e Said Chaban Tamraz, 22enne egiziano, accusato degli stessi reati. Fabio e Nicola Chiarelli sono stati arrestati ad aprile del 2019. I due erano stati trovati con 300grammi di hashish. 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×