Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Comunali, governo Musumeci chiede rinvio in autunno
Sono 42 i sindaci in Sicilia con il mandato in scadenza

Il disegno di legge è stato approvato dalla giunta regionale e dovrà essere esaminato dall'Assemblea regionale siciliana. Interessa otto Comuni su nove. Prevede lo svolgimento del voto tra il 15 settembre e il 17 ottobre

Redazione

Rinviare le elezioni comunali in autunno. Questa la proposta contenuta in un disegno di legge approvato dalla giunta Musumeci, che dovrà adesso essere valutata dall'Assemblea regionale siciliana. Il tema è lo stesso affrontato l'anno scorso: i pericoli di una diffusione dei contagi di Covid-19 legati all'apertura delle urne. Nel 2021 sono 42 i sindaci con il mandato in scadenza, altrettanti i Consigli comunali che vanno rinnovati. 

Il ddl fissa la data delle Amministrative in un periodo tra il 15 settembre e il 17 ottobre. Lo slittamento riguarda anche le consultazioni per i Comuni sciolti per mafia. Ciò farebbe sì che anche le elezioni per le Città metropolitane e dei Liberi consorzi comunali verrebbero rinviate; la proposta prevede si tengano entro sessanta giorni dalla proclamazione degli eletti nella tornata delle Amministrative.

Questo l'elenco dei Comuni interessati
Provincia di Agrigento: Canicattì, Favara e Porto Empedocle (sistema proporzionale); Montallegro e Montevago (sistema maggioritario).

Provincia di Caltanissetta: San Cataldo (sciolto per infiltrazioni mafiose, sistema proporzionale) e Vallelunga Pratameno (maggioritario).

Provincia di Catania: Adrano, Caltagirone e Giarre (proporzionale), Grammichele e Ramacca (maggioritario).

Provincia di Enna: Barrafranca e Calascibetta (sistema maggioritario).

Provincia di Messina: Antillo, Capo d’Orlando, Caronia, Falcone, Ficarra, Galati Mamertino, Gioiosa Marea, Mistretta (sciolto per infiltrazioni mafiose), Patti, Rodì Milici, San Marco D’Alunzio, Sant’Angelo di Brolo, Terme Vigliatore e Torregrotta (tutti col maggioritario).

Provincia di Palermo: Alia, Montelepre, San Cipirello (sciolto per infiltrazioni mafiose), San Giuseppe Jato e Terrasini (tutti col maggioritario).

Provincia di Siracusa: Ferla, Sortino (maggioritario), Lentini, Noto e Pachino (sciolto per infiltrazioni mafiose; i tre Comuni con il proporzionale).

Provincia di Trapani: Alcamo (proporzionale) e Calatafimi-Segesta (maggioritario).

A questi si aggiungono altri due enti sciolti per infiltrazione mafiosa, per i quali le elezioni erano state già indette per il 2 e 3 maggio: Vittoria in provincia di Ragusa (che vota con il proporzionale) e San Biagio Platani, nell'Agrigentino.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×