Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Per le opposizioni le dimissioni di Razza non bastano
Fava: «Insieme a Musumeci gioco delle parti ignobile»

Claudio Fava, Anthony Barbagallo e Giampiero Trizzino commentano l'indagine che oggi ha portato l'assessore regionale alla Salute a dimettersi. «Ancora una volta la magistratura arriva prima della politica». «Difficile recuperare la fiducia dei siciliani adesso»

Gabriele Ruggieri

«L'unico gesto da fare per Musumeci sarebbe stato quello di presentare le proprie dimissioni, dopo quelle del suo assessore». Sono passati pochi minuti dall'annuncio del presidente della Regione di avere deciso di accettare le dimissioni di Ruggero Razza e assumere ad interim la guida dell'assessorato alla Salute, e le reazioni delle opposizioni vanno in direzione opposta al sentimento di fiducia che d'altra parte, dopo la giornata odierna, sarebbe stato oltremodo improbabile trovare. «Quando intercetti un assessore che dice "spalmiamo il numero dei morti" e il giorno dopo il suo presidente che se la prende con il governo romano perché ci ha costretti a diventare arancione - dichiara Claudio Fava, presidente della commissione regionale Antimafia ed esponente dei Cento passi - siamo di fronte a un gioco delle parti ignobili. Per questo anche Musumeci dovrebbe dimettersi».

Linea altrettanto dura dal Partito democratico. «Siamo al centro di uno scandalo internazionale - dichiara il segretario regionale dem e deputato regionale Anthony Barbagallo - La magistratura ancora una volta è arrivata prima della politica. I temi al centro dell'indagine sono gli stessi che ponemmo in occasione della mozione di sfiducia nei confronti di Razza: ritardo nei tamponi, spalmature che non convincevano. Ma quella nostra richiesta non fu accolta dall'aula. Le dimissioni? Un atto inevitabile. Siamo molto preoccupati, non si capisce bene quale sia la situazione epidemiologica in Sicilia».

Il Movimento 5 stelle rimarca come la gestione dei dati relativi al Covid sia coincisa con l'adozione di misure non adeguate alla realtà. «C'è una città come Palermo che doveva essere dichiarata zona rossa almeno due settimane fa e invece non è accaduto nulla - commenta il deputato regionale Giampiero Trizzino - Musumeci? Non so cosa potrà fare adesso, di certo c'è da riconquistare la fiducia dei siciliani e non è un'operazione semplice».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×