Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Sgominata una fitta rete di 22 spacciatori nell'Ennese
Vittima sequestrata, picchiata e rapinata per i debiti

Le indagini della polizia sono partite dopo l'episodio, avvenuto la notte del 29 novembre del 2019, di un'auto incendiata in pieno centro a Piazza Armerina. Oltre al traffico di stupefacenti le accuse sono di sequestro di persona ed estorsione. Guarda il video

Redazione

Un'auto incendiata in pieno centro a Piazza Armerina per un debito di droga non pagato. È partita da questo episodio, avvenuto la notte del 29 novembre del 2019, l'operazione di polizia che oggi ha portato a 22 misure cautelari emesse dal gip per i reati di sequestro di persona, estorsione e traffico di stupefacenti.

Durante le indagini è emerso che una vittima è stata sequestrata, picchiata e rapinata al fine di convincere i debitori a pagare. Alcune fasi del sequestro sono state anche documentate per inviare ai morosi le foto e convincerli a saldare i debiti di droga. Nell'arco degli otto mesi in cui è andata avanti l'attività investigativa, gli inquirenti hanno accertato decine e decine di cessioni di stupefacenti ai clienti, molti dei quali minorenni. La droga sarebbe stata acquistata a Catania e a Palermo, in certe occasioni però sarebbe arrivata a domicilio, con un sovrapprezzo da pagare.

Sequestri di cocaina, marijuana e hashish e l'arresto degli spacciatori ha permesso di ricostruire la rete fittissima di trafficanti operanti principalmente nei territori di Barrafranca e Pietraperzia. Una delle centrali di spaccio più redditizie sarebbe stata quella delle case popolari di Barrafranca e il centro storico di Piazza Armerina. Inoltre, gli investigatori hanno sequestrato anche armi clandestine e banconote false. Tra gli arrestati sono stati colpiti dal provvedimento restrittivo anche un catanese e un palermitano, entrambi canali di approvvigionamento della rete di spacciatori operanti in provincia di Enna.

Custodia cautelare in carcere:
1. Salvatore Bonfirraro, detto U Ciaunu, (barrese, classe 1994), pluripregiudicato;
2. Rosario Centonze (piazzese classe 1972), operante a Barrafranca, pluripregiudicato;
3. Salvatore Centonze (piazzese classe 1998), operante a Barrafranca pluripregiudicato;
4. Alessandro Romano (piazzese classe 1994), operante a Barrafranca, pluripregiudicato;
5. Salvatore Giuseppe Ziccone (piazzese classe 1978), operante a Villarosa, pluripregiudicato;

Arresti domiciliari:
6. Gaetano Pisano, detto U Tano terremoto, (ennese classe 1981), operante a Barrafranca, pluripregiudicato;
7. Alex D'Alù (nisseno classe 1995), operante a Barrafranca, pregiudicato;
8. Maurizio D'Alù (nato a Pavia classe 1970) operante a Piazza Armerina, pluripregiudicato;
9. Michele Di Dio (nisseno classe 1983), operante a Barrafranca pregiudicato;
10. Massimo Di Mattia, detto U Picciddu, (nato in Germania classe 2001), operante a Barrafranca, pluripregiudicato;
11. Danilo Alessandro Giuseppe Mancuso (nisseno classe 1988), operante a Barrafranca, pluripregiudicato;
12. Aleandro També (nisseno classe 1999), operante a Barrafranca, pregiudicato;
13. Luigino També, detto Mezzo metro (nisseno classe 1976), operante a Barrafranca, pluripregiudicato;

Obbligo di dimora nel Comune di residenza:
14. M.U. nato in Germania di anni 25, pregiudicato;
15. C.G. nato a Marsala (Trapani) di anni 31, pregiudicato;
16. L.M.M. nato a Piazza Armerina (Enna) di anni 23, pluripregiudicato;
17. S.V. nata a Enna di anni 30, pregiudicata;
18. S.G. nato a Catania di anni 44, pluripregiudicato; 
19. G.F. nato in Belgio di anni 20, pregiudicato; 
20. M.A. nato a Piazza Armerina di anni 21, pregiudicato;
21. M.S. nato a Mazzarino di anni 30, pregiudicato;
22. M.G. pregiudicato

Un indagato destinatario della misura cautelare custodiale è ancora irreperibile e le ricerche continueranno fino a quando non verrà arrestato.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×