Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

«Niuri di merda vi uccidiamo: non potete stare qui»
I raid razzisti del branco degli ultras del Marsala

Pugni, calci, ginocchiate, colpi con sedie, tavolini. Episodi testimoniati dalle telecamere di videosorveglianza. Oggi la polizia ha arrestato tre componenti del gruppo criminale che avrebbe organizzato le aggressioni per odio razziale. Guarda il video

Redazione

Raid punitivi nei confronti di cittadini stranieri. Pugni, calci, ginocchiate e anche colpi con sedie, tavolini, bottiglie di vetro e suppellettili varie. Così, quello che dagli inquirenti è stato definito «il branco» avrebbe aggredito, senza ragione e «con un rabbia bestiale, immotivata e con frasi che inneggiavano all'odio razziale». Diversi episodi si sono verificati, durante l'estate, specie nel fine settimana, nel centro di Marsala

La polizia di Marsala, insieme agli agenti della Digos di Trapani e al reparto prevenzione crimine Sicilia occidentale di Palermo, hanno arrestato Salvatore Crimi (classe 2002) - inteso Spara spara - Antony Licari (classe 1996) e Natale Salvatore Licari (classe 1984) violenza privata, minaccia, lesioni personali, aggravati dall'avere commesso il fatto in condizioni temporali e locali tali da ostacolare la difesa delle parti offese, con l’uso di corpi contundenti, dall'avere agito con efferatezza e spietatezza e per finalità di discriminazione o di odio etnico razziale. I tre - che sarebbero anche appartenenti al gruppo dei tifosi ultras del Marsala Calcio (Street Boys/Nucleo Ribelle) - avrebbero agito spalleggiati da altri, alcuni già identificati la cui posizione è ancora al vaglio degli inquirenti e altri ancora da identificare.

«Siete africani di merda e niuri. Non dovete più parlare perché siete di colore. Noi vi ammazziamo, qui non avete il diritto di stare». Con frasi così avrebbero minacciato i migranti e avrebbero intimato loro di allontanarsi da Marsala prima di scagliarsi con veemenza e ferocia. Le indagini hanno accertato che, nel corso dei raid, il gruppo criminale avrebbe agito come una sorta di commando avvalendosi della forza intimidatrice determinata dal cospicuo numero di aderenti, molti dei quali noti come persone violente. In un episodio, il branco si sarebbe scagliato con violenza anche nei confronti del titolare di un esercizio commerciale che avrebbe tentato di difendere il migrante preso di mira. 

Le indagini sono state complesse anche per l’ assoluta mancanza di collaborazione delle vittime che, evidentemente intimorite dalla ferocia del gruppo criminale, hanno manifestato riottosità a denunciare le violenze e, nonostante le visibili e gravi lesioni subite, a ricorrere alle cure dei sanitari. In alcuni episodi, altre persone presenti durante l'aggressione non solo non avrebbero prestato aiuto alle vittime ma si sarebbero limitati ad assistere o, addirittura, avrebbero incitato gli aggressori. «Salvatore picchialo, picchialo», avrebbe urlato alcuni per fomentare Crimi. 

Nel corso della perquisizione a casa di Crimi, inoltre, è stata ritrovata una pistola semiautomatica priva di tappo rosso con relativo caricatore, marca Bruni, modello New Police calibro 8 K, insieme a nove cartucce a salve calibro 8 e una cartuccia calibro 7.75. Durante le indagini, decisive si sono rivelate le immagini dei sistemi di videosorveglianza per individuare gli arrestati e gli altri soggetti indagati e per testimoniare la violenza e la ferocia del gruppo di aguzzini. Dopo le formalità di rito, gli arrestati sono stati portati nella casa circondariale di Trapani a disposizione dell’autorità giudiziaria.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×